Mutui: il Governo modifica il decreto ma la casa va alla banca se… 

Il Governo cambia rotta sui mutui ma resta il principio che la banca può espropriare una casa senza dover prima passare dal giudice. Nonostante non saranno più sette, ma diciotto le rate che, se non corrisposte o pagate in ritardo, determineranno in automatico la procedura di vendita della casa del debitore senza passare per l’asta […]

di Anatocismo

Il Governo cambia rotta sui mutui ma resta il principio che la banca può espropriare una casa senza dover prima passare dal giudice. Nonostante non saranno più sette, ma diciotto le rate che, se non corrisposte o pagate in ritardo, determineranno in automatico la procedura di vendita della casa del debitore senza passare per l’asta giudiziaria, le associazioni e i partiti di opposizione continuano a protestare contro il Decreto Legislativo elaborato dal governo.

Certo, la Commissione Finanze della Camera dei Deputati, nel parere sull’atto del Governo che si apprestava a recepire la Direttiva Ue 2014/17 sui mutui, ha sollevato alcuni dubbi e proposto piccole modifiche. Tra queste, oltre all’aumento del numero delle rate, anche l’indicazione che se il ricavato della vendita dell’immobile non dovesse risultare sufficiente a compensare il credito della banca, il debitore non sarà costretto a pagare più nulla. La nuova normativa diventa inoltre facoltativa (la banca non può costringere il debitore a sottoscriverla) e non si applica ai contratti già in essere (neanche in caso di surroga). È stato inoltre specificato che, in caso di vendita dell’immobile, l’istituto bancario interessato potrà incassare soltanto quanto ancora dovuto, mentre le somme eventualmente in eccesso andranno restituite al debitore. Non varrà invece il caso contrario, ovvero se la vendita dell’immobile non riesce ad estinguere il debito nella sua interezza.

Ma bastano queste modifiche a placare il grande malcontento suscitato in questi giorni dalla notizia che bastava, in sostanza, una piccola e momentanea difficoltà economica per vedersi tolta la casa in maniera definitiva? Come detto, no. Non bastano le sempre più numerose sentenze di condanna per anatocismo e usura bancaria. Il malcontento è forte e molto diffuso. Tra i più accaniti avversari di questa riforma, c’è il Movimento 5 Stelle, che dopo una protesta alla Camera nei giorni scorsi ha dato vita ad un sit in sotto la sede del Ministero delle Finanze in via XX Settembre a Roma. Secondo i 5 Stelle, l’unica strada da percorrere non è quella di modificare il testo, ma quella di ritirarlo tout court. Il problema, infatti, non riguarderebbe tanto il numero delle rate o il carattere facoltativo della norma: la vera questione è che, nel caso in cui il Dlgs dovesse essere approvato così com’è, passerebbe il principio che dà all’intermediario finanziario il potere di esproprio senza dover prima passare dal tribunale. Sulla stessa lunghezza d’onda Sinistra Italiana, che parla di «palliativi presentati dal Pd» che sono «una toppa che non copre il buco».

Articoli correlati
Giudici in soccorso delle vittime di anatocismo
Un’importante sentenza della Corte d’Appello de l’Aquila del 2 agosto fissa nuovi paletti a tutela delle vittime dell’anatocismo bancario. La sentenza stabilisce che quando cliente e banca non abbiano pattuito in maniera corretta ed espressa l’applicazione di interessi ultralegali, ovvero superiori rispetto a quelli previsti dalla legge, alla banca non sono dovuti né gli interessi […]
Il cliente chiede alla banca i documenti sul suo mutuo? Ecco come gli istituti (illegittimamente) aumentano i costi
10, 20, addirittura 30 euro per ogni foglio. Secondo un recente articolo di approfondimento pubblicato da Plus24 – Il Sole 24 Ore – sono questi i costi che le banche applicano ai documenti, spesso voluminosi, richiesti dai clienti per fare luce sulla loro situazione. I noti casi di anatocismo, usura bancaria e pubblicità ingannevole, infatti, […]
Deutsche Bank: no a tassi negativi, ma sì a nuovi costi
In un verso o nell’altro sembra che tocchi sempre al correntista rimetterci. Questa volta è il turno di Deutsche Bank che in una recente intervista al quotidiano Bild, da una parte rassicura i suoi clienti spiegando che non applicherà tassi negativi sui depositi, ma dall’altra anticipa l’aumento dei costi di gestione dei conti corrente, ipotizzandolo anche per altri istituti. La motivazione dell’aumento? I costi derivanti dalla politica espansiva della Banca Centrale Europea, che negli ultimi mesi hanno portato i tassi di interesse in territorio negativo.
Ristorante in fallimento per usura: parte la sfida alla banca
L’usura bancaria continua ad essere al centro dei numerosi contenziosi tra banche e imprenditori. L’ultimo caso ha coinvolto il rinomato ristorante torinese “La Smarrita”, ospitato nell’ex studio del Conte di Cavour. Nonostante l’attività fosse finanziariamente sana, il pagamento di interessi usurari ne ha portato i bilanci in rosso, in pratica sull’orlo del fallimento. Passate al […]
Irregolarità bancarie, la sentenza: “Illegittimo l’anatocismo su conto corrente”
L’anatocismo è vietato per contratti di conto corrente stipulati prima del 22 aprile del 2000. Lo ha stabilito il Tribunale di Treviso con una sentenza emanata il 30 giugno scorso, che sancisce la nullità delle pratiche di anatocismo bancario trimestrale su estratto conto. In particolare, in un caso del genere si configurerebbe una violazione dell’articolo […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

All’8 luglio, sono 11.838.384 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 544.414 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 8 luglio: nell’ambi...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)