Salute 30 luglio 2018

Vaccini, Stocker (Ass. Sanità Alto Adige): «Non siamo contro, ma preferiamo una scelta consapevole»

La Provincia di Bolzano è fanalino di coda nei dati delle coperture con l’85,8%. L’assessore: «Concordiamo con il Ministro, non diventi un caso mediatico»

Le valli dell’Alto Adige da sempre hanno mal digerito l’obbligo vaccinale. Tanto che nei mesi scorsi una raccolta di firme per la libertà di scelta ha raccolto oltre 15mila adesioni. Un orientamento che aveva spinto l’assessore alla Sanità della Provincia di Bolzano, Martha Stocker, a non apporre sanzioni alle famiglie inadempienti. I dati del resto parlano chiaro: se la copertura vaccinale a livello nazionale resta leggermente sotto la soglia, considerata ottimale, del 94,5% è colpa anche dell’Alto Adige che si ferma all’85,8%, maglia nera in Italia. «La storia delle vaccinazioni è stata una storia di successo – spiega l’assessore Martha Stocker a Sanità Informazione –. Noi però crediamo che sia necessario arrivare ad una scelta consapevole». Nella prima riunione del Ministro della Salute Giulia Grillo con i rappresentanti delle regioni il tema dei vaccini è stato uno di quelli dibattuti. Recentemente è emersa l’ipotesi che l’obbligo di vaccinazione diventi graduale e ‘a geografia variabile’: cioè nelle regioni dove la copertura è alta, l’obbligo potrebbe venire meno. Del resto, il superamento della Legge Lorenzin è stato confermato anche nell’audizione del Ministro davanti alle Commissioni Affari Sociali e Senato riunite.

LEGGI ANCHE: VACCINI, ELENA CATTANEO BOCCIA L’OBBLIGO ‘A GEOGRAFIA VARIABILE’: «VIRUS NON CONOSCONO CONFINI»

Assessore Stocker, primo incontro del Ministro della Salute Giulia Grillo con i rappresentanti regionali. Cosa avete chiesto al Ministro?

«Tantissime tematiche sono state portate sul piatto della discussione. Partendo dal problema della formazione dei medici specialisti. C’è la necessità di avere più medici specialisti dove tutti noi abbiamo delle carenze. Dall’altra parte le liste d’attesa che sono collegate con il primo tema. Quando non si hanno i medici specializzati in numero sufficiente allora logicamente nascono questi problemi. Si è parlato anche della farmaceutica che è senz’altro uno dei temi scottanti. Io ho fatto anche la domanda per quanto riguarda le vaccinazioni. Non posso dire che noi siamo i primi della classe in questo ambito, però ci interessa molto sapere se ci possiamo aspettare qualche cambiamento. La signora Ministro ha voluto sottolineare una cosa che a me è sembrata molto importante: non fare un hype mediatico di questa tematica e su questo credo abbia veramente ragione perché dobbiamo riconoscere che è una tematica molto seria. Ha sottolineato che nessuno mai ha detto di essere contro i vaccini ma che i vaccini sono utili e servono. Poi per quanto riguarda il percorso che dobbiamo tutti fare c’è qualche possibilità di incontro, c’è la disponibilità anche di trovare forse qualche soluzione, comunque spingere verso una scelta consapevole. L’obiettivo si può raggiungere con diversi metodi, in tutti i casi devo dire che noi non siamo molto bravi».

Come mai il tema delle vaccinazioni è così sentito nella Provincia di Bolzano?

«Noi vogliamo arrivare a una scelta consapevole. Lavoriamo per dare spiegazioni, per dare aiuto, per convincere, per far capire che non è una scelta solo per una persona ma anche per una comunità e soprattutto per persone che si trovano in una situazione difficile, che non possono essere vaccinati. Alla fine comunque sicuramente se un po’ si guarda alla storia si evince anche che è stato un grande successo quello delle vaccinazioni».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
Salute, De Poli (Udc): «Serve Piano Marshall per ‘nuova primavera’ sanità italiana»
«Il Servizio Sanitario nazionale ha da poco compiuto i 40 anni. Nonostante i limiti presenti e passati, rimane uno tra i migliori al mondo. C’è un ‘ma’. Oggi dobbiamo chiederci cosa fare per mantenere questo modello sostenibile, considerando la stagione dei tagli in sanità, gli aumenti dei costi dovuti all’invecchiamento della popolazione e all’aumento della […]
Studio Nazionale Fertilità, l’87% degli adolescenti si rivolge al “dottor Google”. Grillo: «Creare un database di notizie verificate, adatto a giovani e adulti»
La salute arriva tra i banchi di scuola, il ministro: «Di recente approvazione, in concerto con il Miur, un documento sugli indirizzi di policy integrate per gli istituiti scolastici che promuovono la salute».
di Isabella Faggiano
Taranto, il 25 febbraio fiaccolata per le vittime dell’inquinamento industriale
L’Associazione Genitori tarantini sta organizzando un coordinamento di tutte le Associazioni territoriali dei siti più inquinati d’Italia per chiedere, insieme alla Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA), l’istituzione della Giornata Nazionale Vittime dell’Inquinamento Ambientale nella data del 25 Febbraio. «L’Italia intera soffre di malattie ambiente-correlate e i siti altamente inquinati sono a decine sul territorio […]
Medicina transnazionale delle malattie endocrine: il convegno a Udine il 22 febbraio
Di medicina transnazionale delle malattie endocrine si parlerà al convegno che si svolgerà a Udine dal 22 al 23 febbraio, dove saranno a confronto esperti italiani e colleghi dell’Alpe Adria. «Il convegno – spiega Franco Grimaldi, Direttore della Struttura operativa complessa Endocrinologia e Malattie del metabolismo dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Udine e organizzatore dell’incontro – vede […]
Alessio D’Amato (Regione Lazio): «Grazie Manuel per belle parole su personale San Camillo»
«Da oggi per Manuel inizia una nuova sfida e saremo al suo fianco per aiutarlo. Può contare su una famiglia stupenda e una comunità che gli si è stretta attorno e sono certo non farà mancare il suo affetto e il suo appoggio». Lo dichiara in una nota l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...