Salute 28 agosto 2017

Uova contaminate: davvero non ci sono rischi? Il medico: tutto quello che c’è da sapere sull’allarme Fipronil

Proseguono le indagini tossicologiche negli allevamenti italiani e aumentano i sequestri da parte dei Nas. «Si tratta di un prodotto vietato negli allevamenti, non è stata rispettata la normativa» l’intervista al Vice-presidente della Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva (SIMeVeP)

Immagine articolo

«Non ci sono rischi evidenti sulla salute umana, tuttavia dipende anche dalle dosi assunte» è quanto ribadisce a Sanità informazione il Vicepresidente SIMeVeP (Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva) Vitantonio Perrone sull’allarme uova contaminate dall’insetticida Fipronil che dal Belgio e dalla Germania ha valicato i confini italiani portando al sequestro di alcuni allevamenti in Lombardia, Emilia Romagna, Marche, Toscana, Lazio, Campania e Puglia.

«Il Fipronil è un farmaco autorizzato unicamente come antiparassitario per gli animali domestici (per contrastare l’ectoparassitosi in cani e gatti) ed è vietato per tutti gli altri; in particolare ne è proibito l’ utilizzo per animali destinati alla produzione di alimenti» spiega il dottore aggiungendo che allo stato attuale «le percentuali di Fipronil individuate nelle uova italiane non sono allarmanti ma di fatto un pesticida non deve  per legge entrare in contatto con alimenti destinati al consumo».

Oltre alle uova, ad essere ritirati dal commercio anche alcuni lotti di fettuccine italiane che in seguito ad analisi di controllo approfondite sono risultate “contaminate da Fipronil” scrive il Ministero della Salute nella circolare di richiamo ufficiale diffusa qualche giorno fa.  «Inevitabile che fosse coinvolta anche la filiera alimentare – spiega il Dottor Perrone – senza dubbio il nostro Paese è autosufficiente per la produzione di uova, quindi la presenza di Fipronil in prodotti alimentare è altamente probabile che dipenda da scambi di ovoprodotti entrati come ingredienti da alcune aziende. Desta comunque sconcerto che tale pratica illecita sia stata posta in essere in alcuni allevamenti italiani: sono in corso analisi e indagini ma come troppo spesso accade pochi scorretti mettono a serio rischio la fiducia dei consumatori  e nei controlli dell’autorità competente».

«L’intera questione è legata ad un parassita particolarmente aggressivo che può essere sconfitto proprio dal Fipronil» prosegue il Dottore riferendosi all’Acaro rosso (Dermanyssus gallinae), uno dei più pericolosi ectoparassiti degli allevamenti avicoli che mette a rischio in particolare la produttività delle galline ovaiole. «Si tratta di un problema storico dell’allevamento avicolo di ogni tipo, un insetto che può comportare con la sua azione ematofaga (nutrirsi di sangue) danni all’animale colpito che diventa meno produttivo e più vulnerabile».

Le ipotesi che si fanno largo in questi giorni sono che, complice il grande caldo, il parassita in questione abbia avuto una diffusione più virulenta e per contrastarlo sia stato fatto un uso sconsiderato del Fipronil. «In ogni caso voglio sottolineare che l’insetticida se impiegato correttamente su cani o gatti, non espone a nessun rischio di carattere tossicologico; le dosi applicate per garantire la sicurezza dei nostri animali sono letali per i parassiti e non per gli animali su cui vengono applicati».

Articoli correlati
Farmaci biosimilari, Ministero: campagne Aifa rivolte a medici e pazienti per loro uso appropriato
Le attuali conoscenze scientifiche – sottolinea il report del Ministero sulla nuova governance del farmaco - sono tali da garantire la sovrapponibilità in termini di efficacia e sicurezza fra i farmaci originatori e i biosimilari
Aids, nel 2017 sono 3443 le nuove diagnosi da infezione HIV. Più colpita la fascia di età 25-29 anni
Il Sistema di sorveglianza delle nuove diagnosi di infezione da HIV e il Registro Nazionale Aids costituiscono due basi di dati dinamiche, permanentemente aggiornate dall’afflusso continuo delle segnalazioni inviate dalle regioni e dai centri segnalatori al Centro Operativo Aids (COA) dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS). Il COA pubblica annualmente un fascicolo del Notiziario dell’Istituto Superiore […]
Giornate della Ricerca, Bartolazzi: «È unico antidoto a fake news e a cure miracolose, al lavoro per trovare risorse»
Il Presidente della Repubblica ha aperto ufficialmente “I Giorni della Ricerca” al Palazzo del Quirinale ricevendo i più autorevoli rappresentanti del mondo dell’oncologia italiana e una rappresentanza dei sostenitori di AIRC, l’associazione che promuove l’evento dal 1995 quale momento fondamentale per informare e sensibilizzare il nostro Paese sui principali progressi compiuti nella lotta contro il cancro. È […]
Invecchiamento attivo, Italia Longeva promuove spot per la vaccinazione degli anziani
La Rete del Ministero della Salute per l’invecchiamento e la longevità attiva sottolinea: i tassi di copertura dei vaccini per influenza, polmonite pneumococcica e herpes zoster sono bassi, manca informazione
Piano Nazionale della Prevenzione 2020-2025, partono i lavori: obiettivo riduzione diseguaglianze geografiche e sociali
Riduzione delle principali disuguaglianze sociali e geografiche che si osservano nel Paese, definizione di indicatori omogenei, misurabili e robusti collegati al monitoraggio dei Lea, azione proattiva mirata a intercettare i bisogni di salute. Sono queste alcune delle linee prioritarie per il nuovo Piano Nazionale della Prevenzione 2020-2025, frutto di un primo incontro che si è tenuto […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...