Salute 28 Agosto 2017

Uova contaminate: davvero non ci sono rischi? Il medico: tutto quello che c’è da sapere sull’allarme Fipronil

Proseguono le indagini tossicologiche negli allevamenti italiani e aumentano i sequestri da parte dei Nas. «Si tratta di un prodotto vietato negli allevamenti, non è stata rispettata la normativa» l’intervista al Vice-presidente della Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva (SIMeVeP)

Immagine articolo

«Non ci sono rischi evidenti sulla salute umana, tuttavia dipende anche dalle dosi assunte» è quanto ribadisce a Sanità informazione il Vicepresidente SIMeVeP (Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva) Vitantonio Perrone sull’allarme uova contaminate dall’insetticida Fipronil che dal Belgio e dalla Germania ha valicato i confini italiani portando al sequestro di alcuni allevamenti in Lombardia, Emilia Romagna, Marche, Toscana, Lazio, Campania e Puglia.

«Il Fipronil è un farmaco autorizzato unicamente come antiparassitario per gli animali domestici (per contrastare l’ectoparassitosi in cani e gatti) ed è vietato per tutti gli altri; in particolare ne è proibito l’ utilizzo per animali destinati alla produzione di alimenti» spiega il dottore aggiungendo che allo stato attuale «le percentuali di Fipronil individuate nelle uova italiane non sono allarmanti ma di fatto un pesticida non deve  per legge entrare in contatto con alimenti destinati al consumo».

Oltre alle uova, ad essere ritirati dal commercio anche alcuni lotti di fettuccine italiane che in seguito ad analisi di controllo approfondite sono risultate “contaminate da Fipronil” scrive il Ministero della Salute nella circolare di richiamo ufficiale diffusa qualche giorno fa.  «Inevitabile che fosse coinvolta anche la filiera alimentare – spiega il Dottor Perrone – senza dubbio il nostro Paese è autosufficiente per la produzione di uova, quindi la presenza di Fipronil in prodotti alimentare è altamente probabile che dipenda da scambi di ovoprodotti entrati come ingredienti da alcune aziende. Desta comunque sconcerto che tale pratica illecita sia stata posta in essere in alcuni allevamenti italiani: sono in corso analisi e indagini ma come troppo spesso accade pochi scorretti mettono a serio rischio la fiducia dei consumatori  e nei controlli dell’autorità competente».

«L’intera questione è legata ad un parassita particolarmente aggressivo che può essere sconfitto proprio dal Fipronil» prosegue il Dottore riferendosi all’Acaro rosso (Dermanyssus gallinae), uno dei più pericolosi ectoparassiti degli allevamenti avicoli che mette a rischio in particolare la produttività delle galline ovaiole. «Si tratta di un problema storico dell’allevamento avicolo di ogni tipo, un insetto che può comportare con la sua azione ematofaga (nutrirsi di sangue) danni all’animale colpito che diventa meno produttivo e più vulnerabile».

Le ipotesi che si fanno largo in questi giorni sono che, complice il grande caldo, il parassita in questione abbia avuto una diffusione più virulenta e per contrastarlo sia stato fatto un uso sconsiderato del Fipronil. «In ogni caso voglio sottolineare che l’insetticida se impiegato correttamente su cani o gatti, non espone a nessun rischio di carattere tossicologico; le dosi applicate per garantire la sicurezza dei nostri animali sono letali per i parassiti e non per gli animali su cui vengono applicati».

Articoli correlati
Nomine in sanità, Castellone (M5S): «Primo punto contratto governo è stop all’influenza della politica»
Presentato il disegno di legge per le nomine della dirigenza sanitaria che, secondo il vicepremier Di Maio, «Va approvato entro l'anno». La proposta M5S prevede che i direttori generali siano scelti dall'elenco di soggetti idonei istituito presso il Ministero della Salute
Farmaci scaduti e autorizzazioni mancanti, i Nas chiudono 52 cliniche private
Un particolare fenomeno rilevato dai NAS ha interessato l'indebita erogazione di prestazioni di medicina estetica denominate 'PRP' (plasma ricco di piastrine), riscontrate presso alcune cliniche private.
Biotestamento, Grillo: «Nessuna inerzia sull’avvio del registro Dat»
«Contestualmente il ministero è riuscito ad ottenere specifiche risorse, - chiarisce Grillo - pari a 400mila euro all’anno, per avviare la realizzazione informatica della banca dati»
Caserta, sacche di sangue infette contagiano due coniugi. Tar condanna il Ministero della Salute
Il Ministero della Salute è stato condannato dal Tribunale di Napoli Nord per non aver controllato le sacche di sangue infette che hanno procurato l’epatite C a due coniugi originari di San Cipriano di Aversa (Caserta). La settimana scorsa la sentenza dopo otto anni di battaglie giudiziarie. In particolare, l’uomo ha scoperto nel 2011 che […]
Sessa Aurunca, sequestrato ospedale. Grillo: «Sanità pubblica non può essere usata come un bancomat»
Ospedale sotto sequestro e 18 provvedimenti di custodia cautelare tra il personale medico. I carabinieri hanno riscontrato che la struttura era priva di autorizzazione all'esercizio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...