Salute 19 Novembre 2020 10:58

Una vita all’ombra di un fratello “raro”. La storia di Alessandra

La giovane è una dei 20 ragazzi che hanno partecipato alla seconda edizione del Progetto Rare Sibling, realizzato dall’Osservatorio Malattie Rare: un’occasione che vede fratelli e sorelle di malati rari affrontare un percorso interiore alla scoperta di sé

di Isabella Faggiano

Alessandra, all’età di 11 anni, non poteva capire cosa fosse la malattia di Fabry. Non poteva comprendere quei discorsi da grandi che i suoi genitori, a volte, si trovavano ad affrontare, inevitabilmente, davanti a lei. Ma il dolore di suo fratello era lì, visibile, quasi tangibile: irrompeva improvvisamente nelle sue giornate definendone ogni sfumatura.

Alessandra è una dei 20 ragazzi che hanno partecipato alla seconda edizione del Progetto Rare Sibling, realizzato dall’Osservatorio Malattie Rare. Da luglio ad ottobre, fratelli e sorelle di ragazzi affetti da malattie rare si sono riuniti virtualmente, più volte, alla presenza di una psicologa che li ha accompagnati in un percorso di consapevolezza e conoscenza di se stessi. I risultati ottenuti sono stati presentati oggi, alla vigilia della Giornata Internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, che si celebra il 20 novembre di tutti gli anni.

«Rare Sibling è stato fondamentale per la mia vita – racconta Alessandra -, un’esperienza grazie alla quale ho capito chi devo essere per e con mio fratello: non un sostituto dei miei genitori, ma sua sorella». Eppure, ancora oggi, se chiedete ad Alessandra di parlare dell’effetto che la malattia ha avuto sulla sua vita riesce a parlare solo di suo fratello Salvatore, di quei crampi addominali che, a soli 5 anni, hanno cambiato per sempre la sua esistenza.

«Avevo 11 anni quando è arrivata la diagnosi della malattia di Fabry e non potevo di certo immaginare quanto questa anomalia congenita potesse cambiare la vita di tutti noi». La malattia di Fabry fa parte dell’eterogeneo gruppo delle patologie da accumulo lisosomiale. I sintomi e i segni clinici comprendono ritardato sviluppo, febbre, dolore alle mani e ai piedi o di natura neuropatica, difficoltà nel sudare, angiocheratoma, dispnea, nausea, cefalea, alterazioni oftalmologiche, cardiopatie, nefropatia fino all’insufficienza renale cronica, uremia, disturbi gastrointestinali, ictus e infarto miocardico.

Tutti effetti di una malattia subdola che, con gli anni, Alessandra ha imparato a conoscere così profondamente da condizionare la sua esistenza: «Difficilmente riesco ad immaginare me stessa senza prima pensare a mio fratello – spiega la ventitreenne -. Un filo rosso unisce due diversi io che, insieme, costituiscono la mia personalità. Da una parte ci sono la mia vita e i miei sogni. Dall’altro, la consapevolezza che quella stessa esistenza, quegli stessi progetti sono legati indissolubilmente a mio fratello Salvatore». Ed è sufficiente parlare 5 minuti con Alessandra per percepire la presenza di questo filo rosso, così teso da sembrare quasi reale, visibile: Alessandra difficilmente parla soltanto di sé.  Ma lo ammette serenamente: «Non ho mai avuto un rapporto aperto con i miei coetanei. È solo da qualche anno, da quando ho cominciato l’università, che riesco ad esprimere me stessa un po’ più liberamente».

Alessandra studia ingegneria e ama viaggiare. Emergenza Covid a parte, girare il mondo è stato sempre uno dei suoi passatempo preferiti. L’Oriente ha su di lei un effetto calamita, ma quando sogna di trasferirsi stabilmente altrove, non può che pensare alle sue responsabilità di sorella ed alle cure alle quali Salvatore dovrà sottoporsi tutta la vita. E quasi come per auto-rassicurarsi dice: «Ora non ha più bisogno di andare in ospedale per sottoporsi alle terapie necessarie, le fa a domicilio e non è escluso che possa fare le sue cure in qualunque altra parte del mondo».

Ed ecco che quel filo rosso si mostra ancora una volta, in tutta la sua tensione: il senso di responsabilità da un lato e la paura di perdere la possibilità di un futuro autonomo dall’altro. Ma l’esperienza vissuta attraverso il Progetto Rare Sibling ha provato ad insegnarle anche questo: la ricerca di un equilibrio tra il restare accanto alla sua famiglia ed andare per la propria strada, verso il suo futuro.

Tante altre cose le ha imparate osservando Salvatore: «Lui è vita pura – dice descrivendo suo fratello con voce emozionata ed occhi lucidi -. Non vede la sua malattia come un danno, un difetto. Vive appieno senza sprecare nemmeno un secondo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Malattie rare, Bologna (IAC): «Proseguire anche nella prossima legislatura lavoro su decreti attuativi»
«L’approvazione della legge sulle malattie rare, di cui sono stata firmataria e relatrice, è stato un grande traguardo di questa legislatura; una legge di iniziativa parlamentare che ha richiesto tre anni e mezzo di lavoro ed é riuscita a superare molti ostacoli, costruendo una cornice normativa per la tutela di due milioni di malati e […]
Testo unico malattie rare, 6 mesi sono già stati persi. Omar consegna una ‘road map’ alle istituzioni
Macchia (OMaR): «I tempi sono stretti, per questo abbiamo raccolto criticità e indicazioni che speriamo possano essere usati dalle istituzioni competenti per procedere con i decreti e regolamenti attuativi»
Sibling Day, Omar presenta il progetto rare Sibling con un corso rivolto ai pediatri
Domani si celebra il Sibling Day, la Giornata Europea dei fratelli e sorelle. L’occhio di Osservatorio Malattie Rare è rivolto ai “rare sibling”: per lo più bambini e giovani, con un ruolo importante nell’equilibrio familiare, ma alle prese con bisogni particolari non sempre facili da identificare
Parte la terza edizione di HackeRare, l’hackaton sulle malattie rare: la sfida del 2022 parla di comunicazione intra e multidisciplinare
Sono le parole e le relazioni al centro della nuova edizione di HackeRare, l’hackaton sulle malattie rare realizzato da CSL Behring con il contributo scientifico-culturale della SIFO (Società Italiana di Farmacia Ospedaliera). I lavori, della durata di una settimana, si svolgeranno online e la sfida su cui si confronteranno i farmacisti ospedalieri, con il supporto […]
Per i farmacisti ospedalieri manca formazione su comunicazione e relazioni
Solo il 10% della formazione è dedicato alla comunicazione e alle relazioni, gap da colmare. Il tema al centro della terza edizione di HackeRare è la comunicazione intra e multidisciplinare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi