Salute 27 Ottobre 2020

Tampone rischioso per i bambini? Marchisio (Sip Lombardia): «No, tutto sta nella preparazione del professionista»

La Presidente della sezione Lombardia della Società Italiana di Pediatria (Sip), che dalla sua ha un’esperienza relativa ai tamponi naso-faringei ultra trentennale, garantisce: «Almeno per quanto riguarda la mia esperienza, non è mai successo niente»

Il tampone è rischioso per i bambini piccoli? È una domanda che circola online e nei gruppi WhatsApp di mamme preoccupate. Il problema non è di secondo piano in quanto, con l’apertura delle scuole, il numero di bambini con sintomi riconducibili al Covid-19 e che dunque hanno bisogno del tampone è aumentato vertiginosamente. Abbiamo chiesto un’opinione in merito a Paola Marchisio, Presidente della sezione Lombardia della Società Italiana di Pediatria (Sip), che dalla sua ha un’esperienza relativa ai tamponi naso-faringei ultra trentennale e che garantisce: «Almeno per quanto riguarda la mia esperienza, non è mai successo niente».

«Qualunque procedura – spiega –, più o meno invasiva, deve essere effettuata con competenza, soprattutto quando abbiamo a che fare con bambini nei primi mesi o anni di vita. La questione è tutta qui: ci sono cose che non può fare il primo che passa ma solo un professionista correttamente formato, che conosce la procedura e che è stato addestrato a farla». Non sarebbe dunque tanto un problema di rischi intrinseci nello strumento utilizzato per effettuare il test, seppur invasivo, ma una questione di competenze.

Nel caso specifico del tampone, dunque, «non è, di per sé, una procedura complicata, ma è ovvio che il bambino va tenuto fermo, non deve dimenarsi. Esiste tutta una letteratura su come tener fermo un bambino senza procurargli fastidi, in modo tale che la procedura sia il più veloce e indolore possibile. Se la persona che effettua il tampone è correttamente formata e sa fare il suo lavoro, il bambino non sente niente».

A dimostrazione di ciò, la Presidente Marchisio cita il caso degli Stati Uniti: «Solo sette giorni fa gli Usa avevano diagnosticato con tampone quasi 800mila casi pediatrici. Ci fossero state delle evidenze importanti di difficoltà ad eseguire la procedura, se ne sarebbe parlato a livello mondiale sugli organi di stampa più importanti. Invece nulla. Ora, è un esame fastidioso? Certo. È anche vero che non si può spiegare al lattante di tre o quattro mesi cosa si sta andando a fare, ma è possibile farlo con un bambino di quattro anni o con i genitori. Altra capacità importante che deve avere il professionista è dunque quella di riuscire a comunicare bene quel che si sta per fare».

Il tampone, d’altra parte, è fatto di «un materiale abbastanza flessibile che segue la forma del naso. Nei bambini molto piccoli, sotto l’anno di vita, si effettua l’aspirato naso-faringeo, ovvero un tubicino di plastica con un aspiratore che risucchia le secrezioni».

Ma non esiste un metodo alternativo per scovare casi di Covid-19, magari che vada a cercare il virus nella saliva? «Esiste – spiega Marchisio –, ma è una procedura altrettanto fastidiosa e invasiva (bisogna raschiare nella gola del paziente) ed è meno accurata nei risultati, in quanto ha minore capacità di identificare un positivo perché riesce a trovare una quantità di virus minore rispetto al naso-faringeo. Quando avremo i test salivari sarà tutto un altro discorso».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid e gravidanza, studio ISS: su 875 donne con virus nessuna morte, il 2% in terapia intensiva
Una rete ISS monitora le donne positive in gravidanza: alla luce dei dati, la trasmissione del virus da madre a neonato sembra possibile ma molto rara e non influenzata dalla modalità del parto, dall’allattamento o dal rooming-in
Covid-19, Gimbe: «Frena contagio, restrizioni funzionano. Ma il colore delle regioni sbiadisce troppo in fretta»
Il monitoraggio settimanale di Gimbe conferma timidi segnali di rallentamento dell’epidemia, ma i numeri sono ancora molto elevati: oltre 165 mila nuovi casi e 5.055 decessi. Quasi 780 mila attualmente positivi, con soglie di saturazione di ospedali superate in 15 regioni e le terapie intensive in 16
Dal 21 dicembre al 6 gennaio vietati spostamenti tra Regioni: il Dl sul Natale “prudente”
Feste di Natale all'insegna di pochi intimi. Vietati i viaggi verso le seconde case. 25, 26 dicembre e 1 gennaio si potranno trascorrere solo nel proprio Comune. Permesso tornare presso la propria residenza
Covid-19, con ruxolitinib e cortisone possibile riduzione della mortalità del 70%
D’Alessio (Policlinico San Marco di Zingonia): «Dopo aver sperimentato diversi farmaci, questo, somministrato precocemente, ha dato risultati interessanti in attesa del vaccino»
di Federica Bosco
Il Covid-19 acuisce ansia e stress. Con “niente paura” arriva un aiuto in piu’!
www.nientepaura.info, un sito dedicato a chi soffre di disturbi d’ansia, stress e insonnia. Consigli degli esperti per gestire questi eventi e ritrovare il benessere psicologico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli