Salute 27 Ottobre 2020 14:00

Tampone rischioso per i bambini? Marchisio (Sip Lombardia): «No, tutto sta nella preparazione del professionista»

La Presidente della sezione Lombardia della Società Italiana di Pediatria (Sip), che dalla sua ha un’esperienza relativa ai tamponi naso-faringei ultra trentennale, garantisce: «Almeno per quanto riguarda la mia esperienza, non è mai successo niente»

Il tampone è rischioso per i bambini piccoli? È una domanda che circola online e nei gruppi WhatsApp di mamme preoccupate. Il problema non è di secondo piano in quanto, con l’apertura delle scuole, il numero di bambini con sintomi riconducibili al Covid-19 e che dunque hanno bisogno del tampone è aumentato vertiginosamente. Abbiamo chiesto un’opinione in merito a Paola Marchisio, Presidente della sezione Lombardia della Società Italiana di Pediatria (Sip), che dalla sua ha un’esperienza relativa ai tamponi naso-faringei ultra trentennale e che garantisce: «Almeno per quanto riguarda la mia esperienza, non è mai successo niente».

«Qualunque procedura – spiega –, più o meno invasiva, deve essere effettuata con competenza, soprattutto quando abbiamo a che fare con bambini nei primi mesi o anni di vita. La questione è tutta qui: ci sono cose che non può fare il primo che passa ma solo un professionista correttamente formato, che conosce la procedura e che è stato addestrato a farla». Non sarebbe dunque tanto un problema di rischi intrinseci nello strumento utilizzato per effettuare il test, seppur invasivo, ma una questione di competenze.

Nel caso specifico del tampone, dunque, «non è, di per sé, una procedura complicata, ma è ovvio che il bambino va tenuto fermo, non deve dimenarsi. Esiste tutta una letteratura su come tener fermo un bambino senza procurargli fastidi, in modo tale che la procedura sia il più veloce e indolore possibile. Se la persona che effettua il tampone è correttamente formata e sa fare il suo lavoro, il bambino non sente niente».

A dimostrazione di ciò, la Presidente Marchisio cita il caso degli Stati Uniti: «Solo sette giorni fa gli Usa avevano diagnosticato con tampone quasi 800mila casi pediatrici. Ci fossero state delle evidenze importanti di difficoltà ad eseguire la procedura, se ne sarebbe parlato a livello mondiale sugli organi di stampa più importanti. Invece nulla. Ora, è un esame fastidioso? Certo. È anche vero che non si può spiegare al lattante di tre o quattro mesi cosa si sta andando a fare, ma è possibile farlo con un bambino di quattro anni o con i genitori. Altra capacità importante che deve avere il professionista è dunque quella di riuscire a comunicare bene quel che si sta per fare».

Il tampone, d’altra parte, è fatto di «un materiale abbastanza flessibile che segue la forma del naso. Nei bambini molto piccoli, sotto l’anno di vita, si effettua l’aspirato naso-faringeo, ovvero un tubicino di plastica con un aspiratore che risucchia le secrezioni».

Ma non esiste un metodo alternativo per scovare casi di Covid-19, magari che vada a cercare il virus nella saliva? «Esiste – spiega Marchisio –, ma è una procedura altrettanto fastidiosa e invasiva (bisogna raschiare nella gola del paziente) ed è meno accurata nei risultati, in quanto ha minore capacità di identificare un positivo perché riesce a trovare una quantità di virus minore rispetto al naso-faringeo. Quando avremo i test salivari sarà tutto un altro discorso».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, nuovo report cabina di regia: «Chiara accelerazione aumento incidenza. Servono misure urgenti»
Pubblicato il monitoraggio settimanale di ISS e Ministero Salute: Rt stabile a 0,99. Cinque regioni a rischio alto
Tamponi molecolari, test rapidi e salivari: a che punto siamo con le tecnologie di screening del Covid-19?
Sanità Informazione ha fatto il punto della situazione con Massimo Pica, Presidente Assodiagnostici di Confindustria Dispositivi Medici
Contrasto della pandemia, la Corte costituzionale: «Spetta allo Stato determinare le misure necessarie»
Anelli (Fnomceo) plaude: «Spetta al Governo centrale il ruolo di guida. Rafforzare il Ministero della Salute e coinvolgere i professionisti»
Premio Nobel al Corpo sanitario italiano, l’idea della Fondazione Gorbachev conquista adesioni
«Abbiamo scelto questa definizione inclusiva perchè voleva dire comprendere tutti, medici, infermieri, operatori sanitari, farmacisti, civili e militari impegnati nella prevenzione e nella cura del Covid» spiega il Presidente delle Fondazione Marzio Dallagiovanna
Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto
La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marziale (specialista in diritto del lavoro e sanitario)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Professioni Sanitarie

Osteopati, raggiunto l’accordo per la definizione del profilo professionale ma manca il decreto attuativo

Sciomachen (ROI): «Il Miur istituirà il percorso di laurea triennale in osteopatia. A completare l’iter verso il riconoscimento tra le professioni sanitarie sarà, poi, l’equipollenza dei titoli...
di Isabella Faggiano