Salute 29 Novembre 2019 10:45

Simulatori e medicina pratica, la rivoluzione del SIMG Lab al 36esimo Congresso SIMG

A Firenze si è parlato di cronicità, influenza e formazione. Il presidente Claudio Cricelli approva con riserva lo stanziamento di 200 milioni di euro previsto in legge di Bilancio per le tecnologie dei medici di famiglia: «Bene ma solo grazie alla scuola pratica gli MMG riusciranno a usare queste apparecchiature»

di Giovanni Cedrone e Arnaldo Iodice
Simulatori e medicina pratica, la rivoluzione del SIMG Lab al 36esimo Congresso SIMG

Simulatori fisici, simulazione di casi clinici, strumenti per l’apprendimento di casi pratici e persino la ricostruzione di uno scenario da “catastrofe” dove spesso i medici di base si trovano ad operare per primi per la loro capillarità sul territorio. SIMG Lab è la grande novità del 36esimo Congresso nazionale della Società Italiana di Medicina generale e delle cure primarie in corso a Firenze alla Fortezza di Basso. Massiccia l’adesione, con circa 3700 partecipanti registrati sulla piattaforma ECM. SIMG Lab è la prima scuola di Medicina pratica di proprietà di una società scientifica ed è destinata ad essere un modello in questo campo.

«SIMG lab è importante perché quello che manca ai giovani medici, ai quali è rivolto in maniera preponderante, è proprio la parte pratica della medicina perché le università moderne non ti fanno venire a contatto prima della laurea con le persone, con i casi clinici», sottolinea Claudio Cricelli, Presidente SIMG. «I giovani medici – continua – arrivano sul territorio dopo la laurea pieni di nozioni, pieni di conoscenze teoriche ma assolutamente impreparati dal punto di vista delle cose pratiche da fare. La maggior parte della medicina è fatta di cose pratiche. Noi pensiamo che tra le cose pratiche rientri principalmente prendere la pressione, in realtà ogni parte del nostro corpo, ogni apparato ha tante cose pratiche: dal saper palpare, dal saper mettere un otoscopio nell’orecchio, guardare un fondo dell’occhio, guardare una gola, prelevare il sangue, imparare a riconoscere e a usare gli apparecchi. Usare un ecografo, un elettrocardiografo, uno spirometro: tutta questa enorme quantità di cose che ci offre la tecnologia che non ci insegna nessuno ad usare. Allora noi abbiamo deciso, essendo una società di medici pratici, che avremmo finalmente aperto una scuola di medicina pratica. L’abbiamo chiamata SIMG Lab, una enorme raccolta di tutte le cose, di tutti gli strumenti che possono essere adoperati con semplicità. C’è un solo problema: bisogna che qualcuno ci insegni ad adoperarli. Abbiamo 20 aule, al ritmo di 20 persone ogni ora e mezza si avvicendano 2500 persone».

LEGGI ANCHE: PIANI TERAPEUTICI, CRICELLI (SIMG): «LIMITAZIONI A MMG SU DIABETE, TROMBOSI E BPCO INCOMPRENSIBILI»

Secondo i calcoli della SIMG una scuola di medicina pratica permetterebbe un enorme risparmio di risorse pubbliche nella gestione delle cronicità che costa 66,7 miliardi. In quest’ottica Cricelli approva la disposizione in legge di Bilancio di oltre 200 milioni di euro per l’innovazione tecnologica dei medici di famiglia anche se sottolinea come questa disposizione da sola non sia sufficiente per risolvere il problema di una presa in carico adeguata: «Benissimo i 200 milioni di euro per le tecnologie. Diciamo che vedersi riversare addosso una quantità enorme di denaro che nessuno sa adoperare è quasi un paradosso. Noi abbiamo iniziato l’anno scorso SIGM Lab: abbiamo capito con molto anticipo che la cosa migliore è quella di insegnare ad adoperare e quando deve essere usata una apparecchiatura e quindi se le decisioni di Speranza saranno confermate i medici saranno in grado di adoperare queste strumentazioni».

Articoli correlati
Riforma medicina territoriale, Scotti (Fimmg): «Microteam e contratti legati al raggiungimento di obiettivi»
In Senato le audizioni di SIMG e FIMMG per riscrivere l’assistenza territoriale del futuro
Simg, Cricelli: «Vaccinazione per il Covid durerà per tutto il 2021»
«Quando i vaccini in fase di produzione saranno somministrabili, servirà strutturare una grande organizzazione sanitaria perché si tratterà di vaccinare progressivamente circa 40-50 milioni di persone»
Medici di base sotto accusa, Caudo (Fimmg): «Attacchi strumentali e facilmente contestabili. Siamo il primo riferimento dei cittadini»
Giacomo Caudo, presidente nazionale della Fimmg, pone l’accento sui mancati investimenti per la medicina di famiglia e ricorda: «Mezzo milione di positivi chiamano i medici di base per motivi di salute, psicologici, sociali e anche burocratico-amministrativi»
ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»
Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema ECM: «Accostare a sanzioni sistema premiante, come uno sconto sui premi assicurativi»
ECM, i provider scrivono a Speranza: «Ci rassicuri su Consulta e futuro della formazione in Italia»
«Convocare al più presto la Consulta nazionale a supporto della Commissione ECM e discutere quanto prima il futuro del comparto professionale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’8 marzo, sono 116.859.911 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.593.931 i decessi. Ad oggi, oltre 300,10 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elabo...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...