Salute 12 Giugno 2020

San Raffaele Pisana, 99 positivi e 5 decessi correlati. Unità crisi Lazio: «Destinati ad aumentare»

Salgono a 99 i casi legati al cluster dell’IRCCS San Raffaele Pisana di Roma. Due donne sono decedute. I positivi sono stati trasferiti allo Spallanzani. D’Amato (assessore Salute Lazio): «Situazione sotto controllo»

Immagine articolo

Sono in totale 99 i casi positivi del focolaio dell’Irccs San Raffaele Pisana, destinati ad aumentare. Un cluster che, per l’Unità di crisi Covid-19 della Regione Lazio «si dimostra impegnativo, ma il sistema dei doppi controlli sta funzionando, grazie alla tempestività degli interventi messi in atto sono stati individuati questi nuovi casi che erano negativi ai tamponi precedenti». “L’indagine epidemiologica andrà a ritroso a partire dal 1 di maggio e già sono stati chiamati i primi 200 pazienti dimessi dalla struttura presso i drive-in per effettuare i test sierologici L’attenzione resta altissima e i pazienti positivi sono stati tutti trasferiti. Proseguono le attività per i test sierologici sugli operatori sanitari e le Forze dell’ordine”, conclude l’assessore.

A distanza di cinque giorni dalla prima tornata di tamponi, sono emersi 16 nuovi casi positivi nell’ospedale romano. Si tratta di 14 pazienti, tutti collegabili ai primi positivi e due operatori. «I pazienti sono tutti in trasferimento verso l’Istituto Spallanzani – fanno sapere – ed è stato dato mandato alla struttura San Raffaele di comunicare tempestivamente le informazioni ai familiari». Sono, inoltre decedute due donne riferibile al cluster, una di 89 anni al Policlinico Gemelli e una di 82 all’ospedale militare del Celio. «I due dipendenti positivi – ha fatto sapere la Regione Lazio – sono un operatore sociosanitario e un fisioterapista in sorveglianza a domicilio».

LEGGI ANCHE COVID-19; IL VIRUS DELLA PAURA: IN UN DOCUFILM LA LEZIONE DA IMPARARE DALLA PANDEMIA

«La situazione al momento è sotto controllo, in quanto all’interno della struttura non vi sono più casi positivi», è quanto raccontava a “Omnibus” l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato. «Abbiamo delle code che stiamo gestendo – ha proseguito– stiamo richiamando diverse migliaia di persone che sono andate in questa struttura. Abbiamo fatto oggi oltre 5 mila tamponi. Abbiamo una piccola zona rossa e l’abbiamo istituita in 6 ore. Attraverso un contatto immediato con il prefetto, dopo 6 ore c’era l’esercito a presidiare il San Raffaele».

Capire da dove nasce il contagio all’Irccs San Raffaele Pisana di Roma «è fondamentale per capire come si circoscrive il focolaio» di coronavirus Sars-CoV-2. «Noi lo facciamo ovviamente – ha proseguito D’Amato – non solo in questa occasione, ma in tutte quelle in cui c’è necessità di capire l’andamento virale e risalire a ritroso via via a colui o colei che hanno causato questo andamento dell’epidemia».

LEGGI ANCHE TAMPONI, CARTABELLOTTA (GIMBE): «TREND IN PICCHIATA. ATTIVITA’ DI TESTING NON E’ PRIORITARIA PER MOLTE REGIONI»

Cinque le zone rosse già istituite in Lazio: Fondi, Nerola, Contigliano, Compagnano e Celleno. «La tempestività – ha ribadito – è un elemento essenziale se vogliamo contrastare e limitare i danni. Questo è stato un po’ il modello che ci ha condotto: testare, tracciare e trattare. Ormai credo che sia questo l’indirizzo che deve essere seguito in tutte le regioni italiane».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Seconda ondata, Quici (Cimo-Fesmed): «Sono molto preoccupato. In questi mesi non è stato fatto niente»
Secondo il Presidente del sindacato dei medici, nel lasso di tempo trascorso tra la prima e la seconda ondata di Covid «non è stato fatto nulla: nessun intervento strutturale né sul personale né, soprattutto, sulla formazione». La soluzione? «Lockdown di due settimane»
Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute
In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Chirurgo positivo al Covid opera paziente. L’Avv. Rodinò Toscano (C&P): «Condotta inquadrabile nello stato di necessità»
È successo ad Aosta. La procura ha ottenuto l’emissione di un decreto penale di condanna nei confronti del chirurgo, del direttore della US e del responsabile del 118: «Onorato il giuramento di Ippocrate»
Al via sorveglianza epidemiologica delle sindromi simil influenzali. Ecco il nuovo protocollo alla luce del Covid
La partecipazione dei medici è volontaria ma è importante che i professionisti che decidono di aderire garantiscano la continuità della rilevazione dei dati per tutto il periodo della sorveglianza
Coronavirus, Oms: «Crescita record, 2,2 milioni di nuovi casi in una settimana»
Dal 30 dicembre 2019 all'11 ottobre, inoltre, sono stati segnalati oltre 37 milioni di casi di Covid-19 e 1 milione di decessi in tutto il mondo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 20 ottobre, sono 40.403.537 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.118.293 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 20 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...