Salute 12 Giugno 2020 11:31

San Raffaele Pisana, 99 positivi e 5 decessi correlati. Unità crisi Lazio: «Destinati ad aumentare»

Salgono a 99 i casi legati al cluster dell’IRCCS San Raffaele Pisana di Roma. Due donne sono decedute. I positivi sono stati trasferiti allo Spallanzani. D’Amato (assessore Salute Lazio): «Situazione sotto controllo»

San Raffaele Pisana, 99 positivi e 5 decessi correlati. Unità crisi Lazio: «Destinati ad aumentare»

Sono in totale 99 i casi positivi del focolaio dell’Irccs San Raffaele Pisana, destinati ad aumentare. Un cluster che, per l’Unità di crisi Covid-19 della Regione Lazio «si dimostra impegnativo, ma il sistema dei doppi controlli sta funzionando, grazie alla tempestività degli interventi messi in atto sono stati individuati questi nuovi casi che erano negativi ai tamponi precedenti». “L’indagine epidemiologica andrà a ritroso a partire dal 1 di maggio e già sono stati chiamati i primi 200 pazienti dimessi dalla struttura presso i drive-in per effettuare i test sierologici L’attenzione resta altissima e i pazienti positivi sono stati tutti trasferiti. Proseguono le attività per i test sierologici sugli operatori sanitari e le Forze dell’ordine”, conclude l’assessore.

A distanza di cinque giorni dalla prima tornata di tamponi, sono emersi 16 nuovi casi positivi nell’ospedale romano. Si tratta di 14 pazienti, tutti collegabili ai primi positivi e due operatori. «I pazienti sono tutti in trasferimento verso l’Istituto Spallanzani – fanno sapere – ed è stato dato mandato alla struttura San Raffaele di comunicare tempestivamente le informazioni ai familiari». Sono, inoltre decedute due donne riferibile al cluster, una di 89 anni al Policlinico Gemelli e una di 82 all’ospedale militare del Celio. «I due dipendenti positivi – ha fatto sapere la Regione Lazio – sono un operatore sociosanitario e un fisioterapista in sorveglianza a domicilio».

LEGGI ANCHE COVID-19; IL VIRUS DELLA PAURA: IN UN DOCUFILM LA LEZIONE DA IMPARARE DALLA PANDEMIA

«La situazione al momento è sotto controllo, in quanto all’interno della struttura non vi sono più casi positivi», è quanto raccontava a “Omnibus” l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato. «Abbiamo delle code che stiamo gestendo – ha proseguito– stiamo richiamando diverse migliaia di persone che sono andate in questa struttura. Abbiamo fatto oggi oltre 5 mila tamponi. Abbiamo una piccola zona rossa e l’abbiamo istituita in 6 ore. Attraverso un contatto immediato con il prefetto, dopo 6 ore c’era l’esercito a presidiare il San Raffaele».

Capire da dove nasce il contagio all’Irccs San Raffaele Pisana di Roma «è fondamentale per capire come si circoscrive il focolaio» di coronavirus Sars-CoV-2. «Noi lo facciamo ovviamente – ha proseguito D’Amato – non solo in questa occasione, ma in tutte quelle in cui c’è necessità di capire l’andamento virale e risalire a ritroso via via a colui o colei che hanno causato questo andamento dell’epidemia».

LEGGI ANCHE TAMPONI, CARTABELLOTTA (GIMBE): «TREND IN PICCHIATA. ATTIVITA’ DI TESTING NON E’ PRIORITARIA PER MOLTE REGIONI»

Cinque le zone rosse già istituite in Lazio: Fondi, Nerola, Contigliano, Compagnano e Celleno. «La tempestività – ha ribadito – è un elemento essenziale se vogliamo contrastare e limitare i danni. Questo è stato un po’ il modello che ci ha condotto: testare, tracciare e trattare. Ormai credo che sia questo l’indirizzo che deve essere seguito in tutte le regioni italiane».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Medici di Emergenza, Borgese (SMI): «No alla sospensione della prestazione aggiuntiva»
La protesta di Maurizio Borgese, Responsabile Nazionale SMI Settore Emergenza 118
Covid, Senior Italia FederAnziani: «Da inizio anno quasi 20mila morti»
Il Presidente Messina: «Chiediamo cambio di passo su campagna vaccinale per arrivare a immunità di gregge e salvare migliaia di vite dei nostri anziani»
I libero professionisti non vogliono il vaccino AstraZeneca. Magi (OMCeO Roma): «Hanno diritto di rifiutarlo»
Nell'Hub vaccinale dell’aeroporto di Fiumicino è iniziata la somministrazione di AstraZeneca ai medici liberi professionisti e altri sanitari under 55. L’inoculazione del siero inglese, anziché Pfizer o Moderna, ha provocato polemiche. Il presidente dell'Ordine dei Medici di Roma: «Non ci sono vaccini di serie A e di serie B»
Esistono farmaci efficaci contro il Covid-19?
Qual è lo stato dell’arte relativo alle cure contro il SARS-CoV-2, sia in ambito domestico che ospedaliero? Risponde l’AIFA
Tecnici di neurofisiopatologia: «In prima linea per la valutazione dei sintomi neurologici da Covid e da lungo allettamento»
Insegnamenti e criticità della pandemia: «La medicina territoriale può fare la differenza nella gestione degli ammalati: siamo arrivati direttamente al letto dei pazienti Covid-free. Penalizzati gli studenti universitari che hanno dovuto rinunciare alla formazione sul campo»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 marzo, sono 115.199.608 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.560.287 i decessi. Ad oggi, oltre 268,57 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’av...