Salute 12 Giugno 2020 11:31

San Raffaele Pisana, 99 positivi e 5 decessi correlati. Unità crisi Lazio: «Destinati ad aumentare»

Salgono a 99 i casi legati al cluster dell’IRCCS San Raffaele Pisana di Roma. Due donne sono decedute. I positivi sono stati trasferiti allo Spallanzani. D’Amato (assessore Salute Lazio): «Situazione sotto controllo»

San Raffaele Pisana, 99 positivi e 5 decessi correlati. Unità crisi Lazio: «Destinati ad aumentare»

Sono in totale 99 i casi positivi del focolaio dell’Irccs San Raffaele Pisana, destinati ad aumentare. Un cluster che, per l’Unità di crisi Covid-19 della Regione Lazio «si dimostra impegnativo, ma il sistema dei doppi controlli sta funzionando, grazie alla tempestività degli interventi messi in atto sono stati individuati questi nuovi casi che erano negativi ai tamponi precedenti». “L’indagine epidemiologica andrà a ritroso a partire dal 1 di maggio e già sono stati chiamati i primi 200 pazienti dimessi dalla struttura presso i drive-in per effettuare i test sierologici L’attenzione resta altissima e i pazienti positivi sono stati tutti trasferiti. Proseguono le attività per i test sierologici sugli operatori sanitari e le Forze dell’ordine”, conclude l’assessore.

A distanza di cinque giorni dalla prima tornata di tamponi, sono emersi 16 nuovi casi positivi nell’ospedale romano. Si tratta di 14 pazienti, tutti collegabili ai primi positivi e due operatori. «I pazienti sono tutti in trasferimento verso l’Istituto Spallanzani – fanno sapere – ed è stato dato mandato alla struttura San Raffaele di comunicare tempestivamente le informazioni ai familiari». Sono, inoltre decedute due donne riferibile al cluster, una di 89 anni al Policlinico Gemelli e una di 82 all’ospedale militare del Celio. «I due dipendenti positivi – ha fatto sapere la Regione Lazio – sono un operatore sociosanitario e un fisioterapista in sorveglianza a domicilio».

LEGGI ANCHE COVID-19; IL VIRUS DELLA PAURA: IN UN DOCUFILM LA LEZIONE DA IMPARARE DALLA PANDEMIA

«La situazione al momento è sotto controllo, in quanto all’interno della struttura non vi sono più casi positivi», è quanto raccontava a “Omnibus” l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato. «Abbiamo delle code che stiamo gestendo – ha proseguito– stiamo richiamando diverse migliaia di persone che sono andate in questa struttura. Abbiamo fatto oggi oltre 5 mila tamponi. Abbiamo una piccola zona rossa e l’abbiamo istituita in 6 ore. Attraverso un contatto immediato con il prefetto, dopo 6 ore c’era l’esercito a presidiare il San Raffaele».

Capire da dove nasce il contagio all’Irccs San Raffaele Pisana di Roma «è fondamentale per capire come si circoscrive il focolaio» di coronavirus Sars-CoV-2. «Noi lo facciamo ovviamente – ha proseguito D’Amato – non solo in questa occasione, ma in tutte quelle in cui c’è necessità di capire l’andamento virale e risalire a ritroso via via a colui o colei che hanno causato questo andamento dell’epidemia».

LEGGI ANCHE TAMPONI, CARTABELLOTTA (GIMBE): «TREND IN PICCHIATA. ATTIVITA’ DI TESTING NON E’ PRIORITARIA PER MOLTE REGIONI»

Cinque le zone rosse già istituite in Lazio: Fondi, Nerola, Contigliano, Compagnano e Celleno. «La tempestività – ha ribadito – è un elemento essenziale se vogliamo contrastare e limitare i danni. Questo è stato un po’ il modello che ci ha condotto: testare, tracciare e trattare. Ormai credo che sia questo l’indirizzo che deve essere seguito in tutte le regioni italiane».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
I ricercatori in sanità chiedono la stabilizzazione: «Così è difficile programmare l’attività scientifica»
L’ARSI, Associazione Ricercatori in Sanità, chiede che nell’articolo 92 della Legge di Bilancio che stabilizza i precari assunti durante l’emergenza Covid siano inseriti anche i ricercatori degli IRCSS e degli IZS
di Francesco Torre
Anosmia da Covid, ecco come la fisioterapia nasale aiuta a ritrovare odori e sapori smarriti
Il Policlinico di Palermo in prima linea nella sperimentazione. Gallina (direttore Otorinolaringoiatria): «Un percorso a doppio binario farmacologico e sensoriale, privo di effetti collaterali e dai risultati incoraggianti»
Covid-19, D’Amato: «Il Natale sarà migliore. Ammonizione per chi supera i 180 giorni dal vaccino»
Il Lazio si difende dalla quarta ondata con più posti letto, terze dosi e anticorpi monoclonali. D’Amato: «Niente zona gialla ma mantenere alta l’attenzione»
Report Gimbe: 15,83 milioni di terze dosi entro dicembre. Trieste provincia con incidenza più alta
Sono +534 i ricoveri in area medica e +60 in terapia intensiva questa settimana. Per FVG e Provincia di Bolzano si avvicina la zona gialla
Report Gimbe, +37,7% di contagi in una settimana. Marche e Friuli superano la soglia ricoveri per area critica
L'aumento di casi continua di settimana in settimana, insieme anche con il numero di morti. Sessantasei province mostrano incidenza sopra i 50 casi per 100mila abitanti, le Regioni più colpite sono Friuli, Lazio e Veneto
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano