Salute 27 Settembre 2021 17:42

Salute anziani, consegnato a Roma il Premio De Sanctis per la Salute Sociale

A Croce Rossa Italiana, Comunità Sant’Egidio, Regione Emilia Romagna, Roberto Bernabei e Alessandro Boccanelli la prima edizione del Premio De Sanctis per la Salute Sociale. Consegnato oggi a Roma da un parterre d’eccezione il riconoscimento a coloro che si sono distinti nella tutela della salute degli anziani

Salute anziani, consegnato a Roma il Premio De Sanctis per la Salute Sociale

In occasione del decennale, la Fondazione De Sanctis ha scelto di allargare l’attività ad altre discipline finalizzate alla promozione della salute e del benessere della popolazione istituendo, con il patrocinio di Egualia (Industrie Farmaci Accessibili) il “Premio De Sanctis per la Salute Sociale”. L’obiettivo dell’iniziativa è valorizzare le buone pratiche che puntano a migliorare la qualità della vita, a partire dalle fasce più deboli: il tema della prima edizione è stato proprio la tutela, il sostegno e l’impegno profusi nell’assistenza alle persone anziane.

Franco Locatelli ha consegnato il premio a Croce Rossa Italiana, sinonimo per Walter Ricciardi di un «modello esemplare di istituzione che senza esitazioni ha dato risposte ai bisogni degli anziani fungendo spesso da unico punto di riferimento su tutto il territorio nazionale» durante tutto il periodo pandemico.

«Come Croce Rossa Italiana siamo orgogliosi di questo importante riconoscimento al nostro impegno. Gli ultimi mesi sono stati un banco di prova incredibile per i nostri oltre 150.000 Volontari, capaci non solo di fornire risposte immediate sin dai primi giorni di pandemia nel 2020, ma per aver continuato sempre a sostenere ogni forma di vulnerabilità attraverso una serie di attività su tutto il territorio nazionale che abbiamo voluto ribattezzare ‘Il tempo della gentilezza’. E, nello stesso tempo, per non aver trascurato qualsiasi altro servizio o emergenza, come l’accoglienza alla popolazione afghana in fuga. Non ci siamo mai fermati e non ci fermeremo, proseguendo anche nei prossimi mesi nel supporto alla campagna vaccinale e nell’assistenza a chi è in difficoltà, ovunque e per chiunque», ha commentato Francesco Rocca, Presidente della Croce Rossa Italiana.

Gianni Letta ha consegnato il premio a Mons. Vincenzo Paglia, in rappresentanza della Comunità di Sant’Egidio di Roma, menzionata da Maria Chiara Carrozza, già Ministro dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca, per essere stata capace di “intervenire nei territori di frontiera del disagio sociale e delle nuove povertà, sviluppando soluzioni efficaci, dall’opera di ascolto rispetto alle difficoltà, alle sofferenze e alle solitudini delle fasce di popolazione più disagiate, alle attività di assistenza primaria, al supporto nella campagna vaccinale, alla formazione dei caregiver”.

«L’80% di tutta l’assistenza alle persone non autosufficienti viene da sempre fornita dai caregiver familiari, definiti da alcuni dei veri e propri “costruttori di comunità». In assenza di un quadro normativo nazionale che li supportasse nella loro attività, la Regione Emilia Romagna, prima fra le regioni italiane, ha approvato una legge nel 2014 (L.R. n.2/2014) per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare dandone poi attuazione e aprendo la strada al disegno di legge”. Così Franco Pesaresi ha motivato il premio alla regione Emilia Romagna, rappresentata dal Vice Presidente Elly Schlein e consegnato da Beatrice Lorenzin.

Maria Pia Garavaglia ha invece consegnato il Premio per la ricerca nel campo dell’assistenza e cura agli anziani a Roberto Bernabei, Professore del Dipartimento di Scienze Geriatriche e Ortopediche dell’Università Cattolica per aver contribuito – come ricordato da Corrado Augias (La Repubblica) – anche durante le fasi più acute della pandemia, nell’individuare le giuste misure da adottare a difesa degli anziani.

Il Premio a micro-esperienze di solidarietà sociale, motivato da Maria Emilia Bonaccorso (ANSA) è stato invece consegnato da Livia Turco al Professor Alessandro Boccanelli, Presidente Onlus Salute e Società e Società Italiana di Cardiologia geriatrica, per il progetto “La prevenzione va in paese”, esempio di rete territoriale e vicinanza durante la pandemia: giovani e anziani insieme tra social housing, mobilità alternativa e turismo sostenibile, in un luogo verde e non inquinato con lo scopo di promuovere e tutelare la salute e valorizzare le risorse naturali e un turismo green.

L’evento di premiazione, svoltosi nella cornice di Palazzo Spada (Roma), ha riunito numerose personalità di spicco del panorama salute con la collaborazione di Intesa Sanpaolo, Igiene Urbana Evolution, Abc Farmaceutici, Accord Healthcare Italia, Baxter, Doc Generici, EG, Laboratorio Farmacologico Milanese, Salf, Teva Italia, Viatris-Mylan.

Articoli correlati
Quando il viaggio è terapia: guida rapida per aumentare i benefici e gestire gli imprevisti
Aumenta le endorfine e abbassa il cortisolo. Ma le aspettative troppo alte e una mancata predisposizione potrebbero vanificare i vantaggi
Inserire la comunicazione medico paziente nei percorsi formativi, la proposta di Provenza (M5S)
Il medico e deputato M5S ha presentato una proposta per la predisposizione di un Piano volto al potenziamento degli aspetti comunicativi della relazione del professionista sanitario con il paziente e con i componenti dell’equipe sanitaria. Previsti incentivi anche nella formazione ECM
di Francesco Torre
«Inquinamento e salute bambini, con cambiamento climatico rischi aumentati». L’allarme della pediatra Reali (ISDE Lazio)
«Un aumento di temperatura cui sono esposti i bambini durante la vita in utero può aumentare il rischio di esiti avversi della gravidanza»
di Francesco Torre
A Padova il nuovo centro regionale per la terapia cellulare del diabete
Investiti da Regione Veneto un milione e 296 mila euro. Il centro unico nel nord est permette di eseguire su pazienti affetti da diabete di tipo 1 il trapianto di insule pancreatiche in modo da rimpiazzare le cellule distrutte dal sistema immunitario e riavviare la produzione di insulina
Asma grave, una proposta di legge punta a riconoscerla come patologia cronica e invalidante
La proposta di legge di Vito De Filippo (Pd) punta ad istituire un Registro nazionale e a percorsi terapeutici dedicati. Si parla di asma grave quando il trattamento prescritto, seppur assunto in maniera corretta e costante, non è sufficiente a controllare la malattia sia per gravità che frequenza dei sintomi
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...