Salute 23 Aprile 2019 12:53

Polifarma festeggia 100 anni, l’ad Bracci: «Tra i pochi a parlare di fake news ai congressi. Puntiamo molto su innovazione digitale»

L’azienda, tra le più antiche realtà italiane del settore, si aspetta un 2019 in crescita. Il manager: «I nostri punti di forza sono la partecipazione delle persone, la progettualità, la forza dell’investimento legata alla visione del nostro imprenditore che reinveste tutte le risorse»

di Federica Bosco

Cento candeline per Polifarma: una delle più antiche realtà italiane del settore farmaceutico taglia il prezioso traguardo dei cento anni con un fatturato di 55 milioni di euro atteso nel 2019 e una previsione di crescita del 30%. L’azienda, una piccola realtà fondata a Roma nel 1919, da vent’anni sotto la guida di Fidal e di Luisa Angelini, ha fatto dell’eccellenza dei propri prodotti e del fattore umano due elementi distintivi fino ad ottenere importanti collaborazioni con multinazionali farmaceutiche per la gestione, il lancio e l’acquisto di nuove molecole.

Per Andrea Bracci, amministratore delegato di Polifarma sono stati tre i momenti fondamentali per l’azienda: «Alla fine degli anni ’80 quando nell’azienda entrano le prime molecole importanti, il mercato farmaceutico inizia a crescere in maniera vertiginosa e noi siamo presenti. Negli anni ’90 quando entra nella nostra organizzazione il gruppo Fidal con a capo Luisa Angelini che dà un impulso ed una crescita significativa all’azienda e la fa crescere del 130 per cento in pochissimi anni. E poi l’altro momento di svolta quando nel 2008, dopo la crisi, siamo ripartiti con un concetto ed una visione completamente nuova che faceva della complessità uno degli elementi chiave».

Oggi quali sono i punti di forza della vostra azienda?

«Sicuramente la partecipazione delle persone, la progettualità, la forza dell’investimento legata alla visione del nostro imprenditore che reinveste tutte le risorse che siamo in grado di generare all’interno della nostra organizzazione e poi l’elemento innovativo digitale che ci sta restituendo tantissimo».

In che modo siete digitali?

«Abbiamo fatto un percorso con l’intera organizzazione aziendale, per poi formare la nostra rete di vendita informazione medico scientifica. Con la classe medica dialoghiamo oltre che con l’intervista frontale, anche con il digitale, attraverso un customer portal dove l’informatore può interagire direttamente con il medico. Tutte le azioni vengono fatte in maniera completamente digitale. Noi riteniamo che questo percorso debba continuare e debba esserci sempre maggiore interazione con la classe medica senza mai prescindere dall’operatore medico scientifico, questo è un tema fondamentale. Il digitale vive perché c’è l’informatore medico scientifico».

Lei ha ribadito a più riprese che intercettate i bisogni dei medici è fondamentale per l’azienda. Quali sono oggi le necessità evidenziate dai professionisti?

«Stiamo intercettando proprio un bisogno in ambito digitale. Siamo proprio una delle poche aziende che nei congressi scientifici parla di fake news, con grande interesse da parte della classe medica perché portiamo tutta una serie di applicazioni che andiamo a reperire in tutto il mondo ad uso dello specialista di quel congresso. Pensiamo ad esempio ad uno specialista che deve gestire sala operatoria, studio e mille impegni: noi offriamo la possibilità di leggere off line le informazioni di cui necessita attraverso il suo ipad».

Per i prossimi cento anni quale sarà la sfida di Polifarma?

«Non fermare questo processo di innovazione e di crescita e sfidarsi con tutto ciò che il mercato chiederà. Oggi siamo principalmente focalizzati sul medico, ma stiamo anche guardando alla distribuzione e alle farmacie, anche perché crediamo che una grande casa farmaceutica debba offrire un servizio a 360 gradi per poter essere pronta a qualsiasi tipo di esigenza del paziente e del medico».

Articoli correlati
“Insieme senza Paura”, Industrie Farmaceutiche Italiane FAB13 aderiscono a iniziativa FIMMG e Cittadinanzattiva
Verranno donati oltre 3 milioni di euro in risorse finanziarie e beni strumentali per fronteggiare l’emergenza Covid19
Farmaceutica, Fab 13 chiedono stabilità delle regole. Rapporto Nomisma: export medicinali in crescita nel 2019
Le 13 aziende di medio grandi dimensioni a capitale italiano (Fab13), aderenti a Farmindustria ogni anno investono in Italia 1 miliardo di euro
«Eliminare il superticket e abbattere la ‘barriera economica’ in Sanità». Aceti (FNOPI) commenta le diseguaglianze regionali
Disparità che dividono anche le Regioni commissariate da quelle con i conti in ordine. Il portavoce della Federazione degli Ordini delle Professioni infermieristiche (FNOPI): «La spesa pro capite per tutte le prestazioni sanitarie è più alta nelle Regioni del Nord e non in piano di rientro, più bassa invece nelle Regioni in piano di rientro»
Farmaceutica, come l’innovazione può cambiarne il passo. Liberatore (IQVIA): «Processo da velocizzare»
«In Italia l'accesso all'innovazione non è rapidissimo. Il Sistema Paese deve aiutare le aziende a renderla disponibile ai pazienti nel più breve tempo possibile e ai costi più ragionevoli». Così il general manager di IQVIA
di Federica Bosco
Nasce BioPharma Network, associazione culturale no profit che promuove l’innovazione nel settore
«Sentivamo la necessità di dare vita a un network di professionisti per poter indirizzare i singoli contributi verso obiettivi condivisi e più aderenti all’evoluzione della nostra professione”, spiega il presidente Domenico Guajana
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...