Salute 28 Agosto 2020 07:51

Partorire senza accorgersene: un fenomeno rarissimo “spia” di alcune problematiche

Vicario (FNOPO): «Il parto completamente indolore è causato da incontinenza cervico-istmica e raccorciamento uterino, che predispongono anche a poliabortività e parti pretermine»

Partorire senza accorgersene: un fenomeno rarissimo “spia” di alcune problematiche

“Partorirai con dolore”, ammonisce la Bibbia. Ma nella realtà non è sempre così. E non solo per i progressi nel campo della partoanalgesia; a volte, semplicemente, si partorisce senza doglie e senza fatica nella fase espulsiva. In poche parole, senza accorgersene. È sicuramente il caso della giovane donna di Frosinone, che qualche notte fa ha dato alla luce il suo secondogenito nel suo letto, mentre dormiva. Al risveglio, si è ritrovata il bambino sul letto e ha ovviamente allertato il 118, il quale, per fortuna, ha constatato il buono stato di salute di entrambi, successivamente ricoverati all’ospedale “Spaziani” in via precauzionale.

Un caso che ha fatto notizia per la sua eccezionalità. Ma quanto è effettivamente frequente partorire in questo modo? Da quali fattori dipende? Rientra comunque nella fisiologia oppure, a dispetto del fatto di non soffrire, è comunque una modalità non auspicabile? Abbiamo voluto saperne di più con l’aiuto della dottoressa Maria Vicario, presidente della Federazione Nazionale Ordini della Professione Ostetrica (FNOPO).

È POSSIBILE PARTORIRE SENZA ACCORGERSENE?

«È sicuramente un evento molto raro – commenta Vicario ai nostri microfoni – ma non impossibile nei parti successivi al primo. In alcune donne, a seguito del primo parto, permane una dilatazione passiva, cioè un raccorciamento parafisiologico del collo dell’utero, che fa sì che la partoriente avverta sì i prodromi del travaglio, magari confondendoli con una colica addominale o renale, ma non si accorga della fase espulsiva, cosa che con tutta probabilità è avvenuta in questo caso specifico».

LA FREQUENZA DEL FENOMENO

«Arrivare a partorire senza accorgersene – precisa Vicario – è un caso rarissimo, ma una cosa che accade relativamente di frequente è che la gestante arrivi in pronto soccorso già a dilatazione completa senza aver avuto dolori».

PARTORIRE SENZA ACCORGERSENE, LE CAUSE

«Questo può dipendere sia, come detto, dal raccorciamento del collo uterino che permane a seguito del primo parto, oppure – spiega la presidente FNOPO – da una condizione patologica denominata “incontinenza cervico – istmica”. Si tratta dell’assenza, a livello di anatomia uterina, di quella sezione che fa da raccordo tra corpo e collo dell’utero. È una condizione predisponente alla poliabortività o a parti pretermine».

UN EVENTO DA SPERARE O DA TEMERE?

«Parlando del caso specifico – osserva Vicario – quel che sappiamo è solo che madre e bambino stanno bene, ma non sappiamo l’età gestazionale a cui è avvenuto questo parto né il peso del bambino. Per fortuna è andato tutto per il meglio, ma sarebbero potuti sorgere vari problemi come, ad esempio, un prolasso di cordone».

«Una visita ostetrica, anche al di fuori della gravidanza, può riconoscere queste condizioni uterine predisponenti a fenomeni del genere, e – conclude – mettere in guardia la gestante rispetto al fatto che dei semplici sintomi prodromici potrebbero già condurre a dilatazione completa e, quindi, al parto».

Articoli correlati
Covid e gravidanza: l’infezione è più pericolosa nei nove mesi
I ginecologi Siru chiedono la vaccinazione per le future mamme
Giornata internazionale ostetrici, Fnopo: «Investimenti per migliorare la salute di tutti»
«Investire e valorizzare il ruolo delle ostetriche e modelli organizzativi di continuità assistenziale può ridurre del 67% le morti materne e del 64% le morti neonatali prevedibili»
Partorire in Italia, quali punti su cui lavorare ancora? Partoanalgesia, parto a domicilio e violenza ostetrica
L'appello di ginecologi e ostetrici: «Investire sul personale per favorire il rapporto one to one e il ripristino dell’alleanza terapeutica»
Rinnovati i vertici FNOPO: Silvia Vaccari è la nuova presidente nazionale
Vicepresidente della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica è Caterina Masé (Ordine Trento); segretaria Elsa Del Bo (Ordine Pavia); tesoriere Elio Lopresti (Ordine Palermo)
Ostetriche, oltre 20mila professioniste pronte a sostenere la campagna vaccini anti-Covid
La presidente Vicario: «Già nel Regio Decreto, nei primi decenni del ‘900, promuovevamo la diffusione delle vaccinazioni disponibili in qualità di ostetriche condotte. Oggi, sosteniamo la prevenzione di malattie come l’Hpv o le patologie che si possono contrarre in gravidanza»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco