Salute 28 Agosto 2020 07:51

Partorire senza accorgersene: un fenomeno rarissimo “spia” di alcune problematiche

Vicario (FNOPO): «Il parto completamente indolore è causato da incontinenza cervico-istmica e raccorciamento uterino, che predispongono anche a poliabortività e parti pretermine»

Partorire senza accorgersene: un fenomeno rarissimo “spia” di alcune problematiche

“Partorirai con dolore”, ammonisce la Bibbia. Ma nella realtà non è sempre così. E non solo per i progressi nel campo della partoanalgesia; a volte, semplicemente, si partorisce senza doglie e senza fatica nella fase espulsiva. In poche parole, senza accorgersene. È sicuramente il caso della giovane donna di Frosinone, che qualche notte fa ha dato alla luce il suo secondogenito nel suo letto, mentre dormiva. Al risveglio, si è ritrovata il bambino sul letto e ha ovviamente allertato il 118, il quale, per fortuna, ha constatato il buono stato di salute di entrambi, successivamente ricoverati all’ospedale “Spaziani” in via precauzionale.

Un caso che ha fatto notizia per la sua eccezionalità. Ma quanto è effettivamente frequente partorire in questo modo? Da quali fattori dipende? Rientra comunque nella fisiologia oppure, a dispetto del fatto di non soffrire, è comunque una modalità non auspicabile? Abbiamo voluto saperne di più con l’aiuto della dottoressa Maria Vicario, presidente della Federazione Nazionale Ordini della Professione Ostetrica (FNOPO).

È POSSIBILE PARTORIRE SENZA ACCORGERSENE?

«È sicuramente un evento molto raro – commenta Vicario ai nostri microfoni – ma non impossibile nei parti successivi al primo. In alcune donne, a seguito del primo parto, permane una dilatazione passiva, cioè un raccorciamento parafisiologico del collo dell’utero, che fa sì che la partoriente avverta sì i prodromi del travaglio, magari confondendoli con una colica addominale o renale, ma non si accorga della fase espulsiva, cosa che con tutta probabilità è avvenuta in questo caso specifico».

LA FREQUENZA DEL FENOMENO

«Arrivare a partorire senza accorgersene – precisa Vicario – è un caso rarissimo, ma una cosa che accade relativamente di frequente è che la gestante arrivi in pronto soccorso già a dilatazione completa senza aver avuto dolori».

PARTORIRE SENZA ACCORGERSENE, LE CAUSE

«Questo può dipendere sia, come detto, dal raccorciamento del collo uterino che permane a seguito del primo parto, oppure – spiega la presidente FNOPO – da una condizione patologica denominata “incontinenza cervico – istmica”. Si tratta dell’assenza, a livello di anatomia uterina, di quella sezione che fa da raccordo tra corpo e collo dell’utero. È una condizione predisponente alla poliabortività o a parti pretermine».

UN EVENTO DA SPERARE O DA TEMERE?

«Parlando del caso specifico – osserva Vicario – quel che sappiamo è solo che madre e bambino stanno bene, ma non sappiamo l’età gestazionale a cui è avvenuto questo parto né il peso del bambino. Per fortuna è andato tutto per il meglio, ma sarebbero potuti sorgere vari problemi come, ad esempio, un prolasso di cordone».

«Una visita ostetrica, anche al di fuori della gravidanza, può riconoscere queste condizioni uterine predisponenti a fenomeni del genere, e – conclude – mettere in guardia la gestante rispetto al fatto che dei semplici sintomi prodromici potrebbero già condurre a dilatazione completa e, quindi, al parto».

Articoli correlati
Spose bambine e gravidanze precoci, il dramma post-Covid del Malawi
Alla riapertura della scuola mancavano all’appello il 40 per cento delle alunne. Paola Maceroni di Action Aid spiega le conseguenze di una gravidanza tra i 10 e i 14 anni, dall'aborto spontaneo all'impatto psicologico
di Federica Bosco
Ecm, Del Bo (Fnopo): «Formazione determinante, il dovere degli Ordini è verificare aggiornamento degli iscritti»
Il segretario della Federazione degli Ordini delle Ostetriche a Sanità Informazione: «Aggiornarsi, per un professionista, è anche un dovere etico oltre che un obbligo stabilito dalla legge. Il compito dell’Ordine è proprio quello di certificare la qualità del professionista»
La campagna vaccinale punta alle donne incinte. Migliore (Fiaso) «Iniziative in tutte Italia per intercettare attraverso i ginecologi»
Sportelli informativi nei reparti di Ostetricia, hub vaccinali e open day dedicati alle future mamme, counseling telefonico per le donne in gravidanza, opuscoli distribuiti nei reparti e punti rosa con specialisti a disposizione. Sono le iniziative messe in campo dalle Aziende sanitarie pubbliche per promuovere la vaccinazione contro il Covid-19 tra le donne incinte ancora […]
Vaccino in gravidanza, ISS: «Sì dal secondo trimestre. Nessun pericolo in allattamento»
L'Istituto Superiore di Sanità aggiorna le indicazioni per la vaccinazione in gravidanza e allattamento
FNOPO e FNO TSRM e PSTRP insieme per celebrare il “World Patient Safety Day”: impegno comune per cure sicure e di qualità
Il 17 settembre si celebra la Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, già “World patient safety day”, giunta alla sua terza edizione nazionale. Nata per sottolineare che la sicurezza delle cure è parte costitutiva del diritto alla salute, come riporta l’art.1 della legge 24 del 2017, questa giornata è stata […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 ottobre, sono 242.501.427 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.929.826 i decessi. Ad oggi, oltre 6,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?