Salute 28 Agosto 2020

Partorire senza accorgersene: un fenomeno rarissimo “spia” di alcune problematiche

Vicario (FNOPO): «Il parto completamente indolore è causato da incontinenza cervico-istmica e raccorciamento uterino, che predispongono anche a poliabortività e parti pretermine»

Immagine articolo

“Partorirai con dolore”, ammonisce la Bibbia. Ma nella realtà non è sempre così. E non solo per i progressi nel campo della partoanalgesia; a volte, semplicemente, si partorisce senza doglie e senza fatica nella fase espulsiva. In poche parole, senza accorgersene. È sicuramente il caso della giovane donna di Frosinone, che qualche notte fa ha dato alla luce il suo secondogenito nel suo letto, mentre dormiva. Al risveglio, si è ritrovata il bambino sul letto e ha ovviamente allertato il 118, il quale, per fortuna, ha constatato il buono stato di salute di entrambi, successivamente ricoverati all’ospedale “Spaziani” in via precauzionale.

Un caso che ha fatto notizia per la sua eccezionalità. Ma quanto è effettivamente frequente partorire in questo modo? Da quali fattori dipende? Rientra comunque nella fisiologia oppure, a dispetto del fatto di non soffrire, è comunque una modalità non auspicabile? Abbiamo voluto saperne di più con l’aiuto della dottoressa Maria Vicario, presidente della Federazione Nazionale Ordini della Professione Ostetrica (FNOPO).

È POSSIBILE PARTORIRE SENZA ACCORGERSENE?

«È sicuramente un evento molto raro – commenta Vicario ai nostri microfoni – ma non impossibile nei parti successivi al primo. In alcune donne, a seguito del primo parto, permane una dilatazione passiva, cioè un raccorciamento parafisiologico del collo dell’utero, che fa sì che la partoriente avverta sì i prodromi del travaglio, magari confondendoli con una colica addominale o renale, ma non si accorga della fase espulsiva, cosa che con tutta probabilità è avvenuta in questo caso specifico».

LA FREQUENZA DEL FENOMENO

«Arrivare a partorire senza accorgersene – precisa Vicario – è un caso rarissimo, ma una cosa che accade relativamente di frequente è che la gestante arrivi in pronto soccorso già a dilatazione completa senza aver avuto dolori».

PARTORIRE SENZA ACCORGERSENE, LE CAUSE

«Questo può dipendere sia, come detto, dal raccorciamento del collo uterino che permane a seguito del primo parto, oppure – spiega la presidente FNOPO – da una condizione patologica denominata “incontinenza cervico – istmica”. Si tratta dell’assenza, a livello di anatomia uterina, di quella sezione che fa da raccordo tra corpo e collo dell’utero. È una condizione predisponente alla poliabortività o a parti pretermine».

UN EVENTO DA SPERARE O DA TEMERE?

«Parlando del caso specifico – osserva Vicario – quel che sappiamo è solo che madre e bambino stanno bene, ma non sappiamo l’età gestazionale a cui è avvenuto questo parto né il peso del bambino. Per fortuna è andato tutto per il meglio, ma sarebbero potuti sorgere vari problemi come, ad esempio, un prolasso di cordone».

«Una visita ostetrica, anche al di fuori della gravidanza, può riconoscere queste condizioni uterine predisponenti a fenomeni del genere, e – conclude – mettere in guardia la gestante rispetto al fatto che dei semplici sintomi prodromici potrebbero già condurre a dilatazione completa e, quindi, al parto».

Articoli correlati
Gravidanza e Covid, durante il lockdown 90% in meno di parti prematuri
Lo studio incrociato a livello europeo. Vaccari (Fnopo): «Riposo, cura di sè e vicinanza agli affetti proteggono madre e bambino»
Seconda giornata sicurezza delle cure, Fnopo: «Sicurezza ostetriche, donne e bambini vera priorità»
La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica aderisce e partecipa attivamente alla seconda Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute con un proprio hashtag: #sicurezzaostetricheesicurezzadonneebambini
Recovery Plan, Fnopo: «Riorganizzare il territorio con ostetrica di famiglia e comunità»
L'appello della Federazione al governo per rimettere al centro salute di genere e denatalità: l'ostetrica di famiglia e comunità per sostenere le donne e i loro bisogni
A Catania il primo trapianto di utero in Italia. Ecco cosa prevede la procedura
L’intervento, effettuato su una giovane donna nata senza l’organo, le permetterà di avere una gravidanza. A seguito del parto, l’organo verrà rimosso. L'intervista al professor Paolo Scollo, responsabile dell’equipe che ha condotto l’intervento
«Il caffè in gravidanza non è sicuro per il feto». Uno studio invita a evitarlo, ma è scontro
Le linee guida limitano il consumo di caffè in gravidanza a 200 milligrammi al giorno, ma ora una ricerca pubblicata sul BMJ invita ad evitarlo totalmente. Tra le conseguenze aborto spontaneo, natimortalità e sottosviluppo del feto. Ma non tutti gli esperti sono d'accordo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...