Salute 7 Febbraio 2018 17:52

OSAS, anche la forma e la dimensione del volto possono aiutare nella diagnosi di disturbi del sonno

«Per fare una buona analisi diagnostica occorre anche ‘guardare in faccia il paziente’ ma attenzione anche alla massa corporea». L’intervista al dottor Gabriele Reale, chirurgo maxillo-facciale

OSAS, anche la forma e la dimensione del volto possono aiutare nella diagnosi di disturbi del sonno

Anche la forma e la dimensione del volto possono influire sui disturbi del sonno. Sia per l’approccio terapeutico che diagnostico, l’asse facciale è infatti uno dei parametri da prendere in considerazione, come spiega ai microfoni di Sanità Informazione il dottor Gabriele Reale, chirurgo maxillo-facciale.

«Nell’inquadramento dei pazienti che soffrono di disturbi del sonno, e in particolare di apnee ostruttive (OSAS), ci sono dei dati oggettivi che si possono reperire grazie ad una cefalometria: si tratta dell’esame del cranio in proiezione laterale su un RX che, avendo dei punti di riferimento fissi, ci indica le anomalie anatomiche che ha il paziente. Queste possono allora indicarci questo tipo di malattia, appunto la sindrome delle apnee ostruttive del sonno».

Guardare in faccia il paziente può quindi aiutare nella diagnosi di queste patologie. Ma che ruolo svolge la massa corporea? Può in qualche modo avere un’influenza nel manifestarsi, e poi magari nell’acuirsi, dei disturbi del sonno?

«Assolutamente sì – risponde il dottor Reale -. Anzi, visto che nella stragrandissima maggioranza dei casi i pazienti che soffrono di OSAS sono soggetti in sovrappeso, il primo intervento in assoluto da fare è proprio l’educazione nutrizionale. Il paziente deve infatti perdere peso e le strutture corporee devono avere meno ingombro. In questo modo il quadro generale può migliorare», conclude.

LEGGI ANCHE: PALLORE, OCCHIAIE E SUDORE NOTTURNO? «IL NOSTRO BAMBINO POTREBBE SOFFRIRE DI OSAS» L’INTERVISTA ALL’OTORINO

Articoli correlati
Giornata mondiale del sonno: ora le apnee si curano a casa
Attivo il servizio di polisonnografia domiciliare del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico di Roma, in collaborazione con Ve.Di.Se. Hospital Spa
OSAS e malattie cardiovascolari: il rischio aumenta. L’analisi del cardiologo
Nei pazienti con OSAS (sindrome da apnee ostruttive del sonno) l’incidenza di ipertensione arteriosa, aritmie, scompenso cardiaco, ictus e cardiopatia è maggiore, a confermarlo gli studi più recenti. Con il cardiologo Filippo Scalise (Policlinico Monza) analizziamo questa connessione tutt'altro che scontata
Apnee ostruttive del sonno, a cosa deve fare attenzione un odontoiatra per riconoscerle in adulti e bambini?
Intervista al professor Luca Levrini, odontoiatra dell’Università degli Studi dell’Insubria di Como e Varese
Apnee ostruttive del sonno, a cosa deve fare attenzione un Mmg per riconoscerle nei pazienti?
Quali sono i campanelli di allarme e cosa fare una volta arrivata la diagnosi? Ne abbiamo parlato con il dottor Stefano de Lillo, Mmg e Vicepresidente dell’OMCeO di Roma
OSAS: cos’è, diagnosi e cura. Ne parliamo con lo pneumologo
La sindrome da apnee ostruttive del sonno (OSAS) tormenta più persone di quante si possa pensare. Diagnosticarla non è sempre semplice, nemmeno per professionisti esperti e comporta una serie di rischi spesso sconosciuti. I chiarimenti dell'esperto, dott. Drigo (Ospedale Montebelluna)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 10 agosto, sono 586.482.524 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.423.901 i decessi. Ad oggi, oltre 11,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale