Salute 26 Settembre 2019 09:00

Milano “capitale del cuore”, 1300 cardiologi per promuovere donazioni e prevenzione

A partecipare in collegamento dagli Stati Uniti anche Reginald Green, papà di Nicholas, il bambino ucciso 25 anni fa da una pallottola vagante sulla Salerno Reggio Calabria

di Federica Bosco
Milano “capitale del cuore”, 1300 cardiologi per promuovere donazioni e prevenzione

Incentivare la donazione degli organi e in particolare del cuore, è l’obiettivo alla base del messaggio di Reginald Green, papà di Nicholas, il bambino ucciso 25 anni fa da una pallottola vagante sulla Salerno Reggio Calabria, mentre con la famiglia era in vacanza in Italia. Papà Reginald, ora presidente della “Nicholas Green Foundation”, ha così partecipato, in collegamento dagli Stati Uniti, al 53esimo Convegno di cardiologia che si è svolto dal 23 al 26 settembre all’Hotel Marriott di Milano. Organizzato dalla Fondazione De Gasperis dell’Ospedale Niguarda, l’evento ha coinvolto 1300 cardiologi da tutta Italia ed ha acceso i riflettori su ”medicina senza sangue”, shock cardiogeno, rapporto tra cuore e cervello e sull’importanza della prevenzione.

«Questo è l’aspetto principale da cui deve partire tutta l’organizzazione sanitaria. – Commenta il professor Fabrizio Oliva, cardiologo dell’Ospedale Niguarda – Prevenire vuol dire rispettare stili di vita corretti, abolire il fumo, seguire una dieta equilibrata, fare movimento e periodici controlli che ci indirizzano su una migliore prevenzione primaria degli eventi cardiovascolari. I temi principali affrontati durante questa quattro giorni riguardano pazienti a rischio cardiovascolare per il quale ci sono nuovi trattamenti farmacologici, con la possibilità di estendere questi trattamenti per periodi più lunghi con vantaggi sulla sopravvivenza dei pazienti. Ci sono terapie innovative sulle cosiddette patologie strutturali, ovvero le valvulopatie che possono essere corrette senza un intervento chirurgico, ma per via percutanea. Cerchiamo inoltre di affrontare temi che ancora hanno un impatto negativo come lo shock cardiogeno, che è un problema clinico, ma anche organizzativo e altre tematiche come i flussi reciproci che hanno il cuore sul cervello e viceversa e anche aspetti delle aritmie che sono rilevanti e per i quali ci sono oggi trattamenti di tipo innovativo».

LEGGI: LOMBARDIA, DA NOVEMBRE OLTRE 1500 SPECIALIZZANDI IN CORSIA. GALLERA (ASS. WELFARE): «NON FARANNO DA TAPPABUCHI MA SARANNO AUTONOMI»

«Cuore e cervello vanno insieme – spiega Cristina Giannattasio, cardio center De Gasperis ASST Niguarda e Università Milano Bicocca – perché il cervello dà stimoli che condizionano l’attività del cuore anche in senso negativo e il cuore in alcune condizioni patologiche può indurre degli eventi che lo vanno a danneggiare. Ictus e infarto sono molto parenti perché la malattia di fondo che ne è origine e la causa ovvero l’arterioscleresi è una malattia sistemica ovvero non abbiamo mai una malattia solo localizzata in un distretto vascolare, ma è generalizzata. Quindi un paziente a forte rischio di avere un ictus è anche un paziente che ha un grande rischio di avere un infarto miocardico. Quindi oggi curando bene una delle due patologie si riduce la probabilità di avere un ictus dopo che ha avuto l’evento principale e questo vale anche per il paziente con ictus che, se ben trattato, avrà meno facilmente un evento avverso cardiaco».

Articoli correlati
Diabete Tipo 1, approvato primo protocollo di sperimentazione per il trapianto di isole ‘in capsule’ senza immunosoppressori
Passato, presente e futuro della cura del Diabete Tipo 1 al centro del nuovo Manuale dell’Associazione Medici Diabetologi “Le prospettive future della cura del diabete mellito di tipo 1”
Dal 7 all’11 giugno a Milano il Convegno europeo ISPCAN
Oltre 70 Paesi e 400 contributi con l’obiettivo di promuovere un network internazionale capace di potenziare le strategie di contrasto al maltrattamento e alla violenza su bambine, bambini e adolescenti
Giornata per la prevenzione cardiovascolare, malattie cardiache prima causa di morte e ospedalizzazione
La Società Italiana per la Prevenzione Cardiovascolare (SIPREC) lancia, per il 13 maggio 2021, un’iniziativa nazionale volta a diffondere la consapevolezza dell’importanza e dell’incidenza di queste patologie e, soprattutto, la possibilità di prevenirle
di Isabella Faggiano
Villa Marelli a Milano, modello di integrazione tra medicina ospedaliera e del territorio
Ribera (direttore Servizi territoriali ASST Niguarda): «Entro 72 ore siamo in grado fare la diagnosi e definire la cura del paziente Covid grazie alla collaborazione tra professionisti ospedalieri, medici di medicina generale e infermieri di comunità»
di Federica Bosco
Primi due treni Covid free sulla tratta Milano-Roma: come funziona il servizio di FS e CRI?
Partito lo scorso 16 aprile il treno Covid free ha già conquistato i viaggiatori. Liebschner (CRI): «Così si viaggia in sicurezza e si monitora la salute della popolazione»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 giugno, sono 177.043.245 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.833.075 i decessi. Ad oggi, oltre 2,44 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM