Salute 24 ottobre 2017

Medicina e tecnologia, un binomio indivisibile ma «attenzione alla privacy e al dialogo col paziente»

Il punto della situazione al convegno “Etica, deontologia e tecnologie nella formazione dei professionisti sanitari” tenutosi il 19 e 20 Ottobre a Napoli. Roberta Chersevani, presidente FNOMCeO: «Viaggiamo con risorse limitate ma il progresso tecnologico fa passi da gigante»

Parterre de roi a Napoli nei giorni scorsi dove, in occasione della Giornata Mondiale della Bioetica, si è tenuto il convegno “Etica, deontologia e tecnologie nella formazione dei professionisti sanitari” organizzato dall’Università Federico II e patrocinato, tra gli altri, dalla FNOMCeO e dall’UNESCO.

Dal confronto tra le voci autorevoli presenti al congresso è emersa la necessità di integrare le nuove tecnologie in medicina con una sempre maggiore personalizzazione delle cure, data dall’imprescindibile rapporto di dialogo e fiducia tra medico e paziente. Ed è proprio la Roberta Chersevani, Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri a tracciare il primo punto all’ordine del giorno: «I temi della bioetica debbono permeare tutta la nostra attività, ed è rassicurante sapere che sono proprio i giovani a manifestare un interesse crescente verso la materia. Il nostro caposaldo  – prosegue – è il Codice di Deontologia Medica, il quale già nella sua ultima versione del 2014 rilevava i profondi cambiamenti in atto nella nostra professione: il diverso contesto in cui si trova ad operare il medico, che deve oggi tener conto anche di aspetti organizzativi e gestionali; il modo diverso di considerare la salute – non più solo assenza di patologia ma ‘benessere’ – e non ultima la crescente diffusione delle medicine non convenzionali. Viaggiamo con risorse paurosamente limitate – conclude Chersevani – mentre il progresso avanza senza sosta».

Ma in che misura sono oggi i pazienti stessi ad avvalersi delle nuove tecnologie? Un po’ di dati ce li fornisce l’oncologo prof. Alberto Scanni, primario emerito al Fatebenefratelli Oftalmico di Milano: «Consideriamo innanzitutto che, su Google, una ricerca su venti riguarda la salute. Detto questo, sono i laureati ad affidarsi maggiormente a internet per informazioni sulla salute rispetto a chi ha la licenza elementare, rispettivamente il 75% e il 24%». Chi non ha proseguito gli studi, insomma, preferisce affidarsi all’ esperto vis a vis . Ma non è tutto. Secondo una ricerca effettuata dall’Osservatorio Innovazione in sanità del Politecnico di Milano «il 76% degli utenti del web non sa distinguere informazioni di valore dalle bufale: ciò significa che il medico avrà anche l’onere di smentire un’autodiagnosi errata. Eppure – conclude il professor Scanni – non solo il rapporto medico paziente in senso generico, ma la visita personale, che permette di vedere e toccare il paziente, all’interno di una relazione di ascolto e comprensione, resta fondamentale. Perché è lì che il fattore personale diventa fattore professionale».

E anche in ambito odontoiatrico la tecnologia fa passi da gigante, come conferma il prof. Alberto Laino (Università Federico II di Napoli): «Oggigiorno i calchi dentali si fanno solo tramite scannerizzazione dell’arcata dentale. Questo, oltre ad arrecare meno disturbo al paziente, garantisce una maggiore velocità nella preparazione di protesi e apparecchi, il che si traduce a sua volta in una riduzione dei costi e aumentata competitività». E il nuovo assistente alla poltrona che caratteristiche avrà? «Un giovane smanettone del PC – afferma Laino – che elabori tutti i dati il più velocemente possibile».

Articoli correlati
MMG, Scotti a Grillo: «No a sanatorie, non svendere futuro giovani medici». La replica del Ministro: «Valorizzeremo merito»
Botta e risposta tra il Segretario della Fimmg e la titolare della Salute sul tema dei medici precari e della formazione dei medici di famiglia: «I provvedimenti annunciati dal ministero – spiega Scotti - altro non farebbero che gettare alle ortiche il grande lavoro fatto per ottenere l’incremento delle borse»
MMG, Anelli (FNOMCeO): «Formazione 1+2? Accettiamo la sfida, non ci tiriamo indietro»
«La Federazione accetta la sfida del cambiamento e vuole dare la possibilità ai giovani medici di sfruttare al meglio il loro tempo. Nessun passo indietro sulla qualità o sugli obiettivi di formazione dei MMG» così Filippo Anelli
Legge Bilancio, rapporto deficit-Pil fissato al 2,4%. Sileri (Comm. Sanità): «C’è volontà di sbloccare il rinnovo del contratto dei medici»
«Stiamo lavorando contro le ingerenze politiche in sanità», commenta l’esponente Cinque Stelle. Ieri il Cdm ha approvato in via definitiva il ddl contro le aggressioni ai camici bianchi: prevista aggravante e Osservatorio nazionale
Contratto medici, l’Intersindacale annuncia lo stop alle trattative e lo stato d’agitazione: a ottobre scioperi e manifestazioni
Oltre al mancato finanziamento del contratto della categoria, sono le notizie (non buone) che arrivano dal Governo per il Def ed il momento critico per il SSN, «che rischia di inabissarsi» ad aver portato i sindacati sulla strada della protesta. L'annuncio del Ministro Grillo: «Per il 2019 il Fondo Sanitario Nazionale sarà incrementato di un miliardo»
Al presidente FNOMCeO Anelli il Caduceo d’oro. L’annuncio di Lettieri (FOFI) alle Giornate della formazione del medico
Il prestigioso riconoscimento da parte dall'Ordine dei Farmacisti di Bari e BAT sarà consegnato il 10 novembre. Tra le motivazioni, la proficua collaborazione portata avanti da Filippo Anelli tra la professione del medico e quella del farmacista
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila