Salute 24 ottobre 2017

Medicina e tecnologia, un binomio indivisibile ma «attenzione alla privacy e al dialogo col paziente»

Il punto della situazione al convegno “Etica, deontologia e tecnologie nella formazione dei professionisti sanitari” tenutosi il 19 e 20 Ottobre a Napoli. Roberta Chersevani, presidente FNOMCeO: «Viaggiamo con risorse limitate ma il progresso tecnologico fa passi da gigante»

Parterre de roi a Napoli nei giorni scorsi dove, in occasione della Giornata Mondiale della Bioetica, si è tenuto il convegno “Etica, deontologia e tecnologie nella formazione dei professionisti sanitari” organizzato dall’Università Federico II e patrocinato, tra gli altri, dalla FNOMCeO e dall’UNESCO.

Dal confronto tra le voci autorevoli presenti al congresso è emersa la necessità di integrare le nuove tecnologie in medicina con una sempre maggiore personalizzazione delle cure, data dall’imprescindibile rapporto di dialogo e fiducia tra medico e paziente. Ed è proprio la Roberta Chersevani, Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri a tracciare il primo punto all’ordine del giorno: «I temi della bioetica debbono permeare tutta la nostra attività, ed è rassicurante sapere che sono proprio i giovani a manifestare un interesse crescente verso la materia. Il nostro caposaldo  – prosegue – è il Codice di Deontologia Medica, il quale già nella sua ultima versione del 2014 rilevava i profondi cambiamenti in atto nella nostra professione: il diverso contesto in cui si trova ad operare il medico, che deve oggi tener conto anche di aspetti organizzativi e gestionali; il modo diverso di considerare la salute – non più solo assenza di patologia ma ‘benessere’ – e non ultima la crescente diffusione delle medicine non convenzionali. Viaggiamo con risorse paurosamente limitate – conclude Chersevani – mentre il progresso avanza senza sosta».

Ma in che misura sono oggi i pazienti stessi ad avvalersi delle nuove tecnologie? Un po’ di dati ce li fornisce l’oncologo prof. Alberto Scanni, primario emerito al Fatebenefratelli Oftalmico di Milano: «Consideriamo innanzitutto che, su Google, una ricerca su venti riguarda la salute. Detto questo, sono i laureati ad affidarsi maggiormente a internet per informazioni sulla salute rispetto a chi ha la licenza elementare, rispettivamente il 75% e il 24%». Chi non ha proseguito gli studi, insomma, preferisce affidarsi all’ esperto vis a vis . Ma non è tutto. Secondo una ricerca effettuata dall’Osservatorio Innovazione in sanità del Politecnico di Milano «il 76% degli utenti del web non sa distinguere informazioni di valore dalle bufale: ciò significa che il medico avrà anche l’onere di smentire un’autodiagnosi errata. Eppure – conclude il professor Scanni – non solo il rapporto medico paziente in senso generico, ma la visita personale, che permette di vedere e toccare il paziente, all’interno di una relazione di ascolto e comprensione, resta fondamentale. Perché è lì che il fattore personale diventa fattore professionale».

E anche in ambito odontoiatrico la tecnologia fa passi da gigante, come conferma il prof. Alberto Laino (Università Federico II di Napoli): «Oggigiorno i calchi dentali si fanno solo tramite scannerizzazione dell’arcata dentale. Questo, oltre ad arrecare meno disturbo al paziente, garantisce una maggiore velocità nella preparazione di protesi e apparecchi, il che si traduce a sua volta in una riduzione dei costi e aumentata competitività». E il nuovo assistente alla poltrona che caratteristiche avrà? «Un giovane smanettone del PC – afferma Laino – che elabori tutti i dati il più velocemente possibile».

Articoli correlati
Criptovalute e Blockchain per rivoluzionare l’odontoiatria. Dentacoin: «Così puntiamo su prevenzione e bisogni dei pazienti»
ESCLUSIVA | Intervista a Jeremias Grenzebach, co-fondatore e core developer del network presente in 20 Paesi, Italia compresa: «Il livello di frammentazione ed il basso grado di industrializzazione del mondo odontoiatrico lo rendono un settore ideale per l’applicazione della Blockchain. Tutti hanno diritto a cure dentistiche di qualità, ma oggi può permettersele solo il 20% della popolazione. Noi intendiamo cambiare questa deplorevole situazione»
Aaa cercansi medici italiani. Storie di procacciatori e di camici bianchi in fuga dal SSN
Si aggirano negli ospedali del Nord Italia e promettono soldi, carriera e una vita più semplice al di là delle Alpi. Sono dei veri e propri talent scout e portano all’estero i professionisti più ricercati, contribuendo ad aggravare la carenza di specialisti che sta svuotando le corsie delle nostre strutture. Giovanni Leoni (FNOMCeO): «Così perdiamo qualità intellettuale importante per l’evoluzione della classe medica»
Sicurezza delle cure, la FNOMCeO lancia gli Sportelli del cittadino dove confrontarsi con medici e avvocati
Nell’ambito dell’incontro con il Consiglio nazionale forense, concordato anche un tavolo di confronto sulla ‘pubblicità etica’ in sanità
Medici sotto attacco, 35mila nuove cause all’anno. FNOMCeO e Regioni chiedono legge per regolamentare spot contro Ssn
Libero pubblica i numeri drammatici dell’ «attacco conclamato alla categoria» e promuove la petizione lanciata da Consulcesi per istituire il Tribunale della Salute. Tra i sottoscrittori anche il Senatore Sileri (pres. 12° commissione): «Tornare a un rapporto sano tra i cittadini e la sanità, il clima di sfiducia non fa bene a nessuno»
Spot risarcimento danni, Fnomceo e sindacati chiedono intervento della Grillo. E la Rai sospende la messa in onda
La questione approda in Parlamento: M5S chiede ritiro della pubblicità. Filippo Anelli scrive a Vigilanza Rai: «Stato tuteli SSN». Magi (OMCeO) Roma: «Messaggio che scredita sanità». E intanto partono le denunce...
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...