Salute 24 ottobre 2017

Medicina e tecnologia, un binomio indivisibile ma «attenzione alla privacy e al dialogo col paziente»

Il punto della situazione al convegno “Etica, deontologia e tecnologie nella formazione dei professionisti sanitari” tenutosi il 19 e 20 Ottobre a Napoli. Roberta Chersevani, presidente FNOMCeO: «Viaggiamo con risorse limitate ma il progresso tecnologico fa passi da gigante»

Parterre de roi a Napoli nei giorni scorsi dove, in occasione della Giornata Mondiale della Bioetica, si è tenuto il convegno “Etica, deontologia e tecnologie nella formazione dei professionisti sanitari” organizzato dall’Università Federico II e patrocinato, tra gli altri, dalla FNOMCeO e dall’UNESCO.

Dal confronto tra le voci autorevoli presenti al congresso è emersa la necessità di integrare le nuove tecnologie in medicina con una sempre maggiore personalizzazione delle cure, data dall’imprescindibile rapporto di dialogo e fiducia tra medico e paziente. Ed è proprio la Roberta Chersevani, Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri a tracciare il primo punto all’ordine del giorno: «I temi della bioetica debbono permeare tutta la nostra attività, ed è rassicurante sapere che sono proprio i giovani a manifestare un interesse crescente verso la materia. Il nostro caposaldo  – prosegue – è il Codice di Deontologia Medica, il quale già nella sua ultima versione del 2014 rilevava i profondi cambiamenti in atto nella nostra professione: il diverso contesto in cui si trova ad operare il medico, che deve oggi tener conto anche di aspetti organizzativi e gestionali; il modo diverso di considerare la salute – non più solo assenza di patologia ma ‘benessere’ – e non ultima la crescente diffusione delle medicine non convenzionali. Viaggiamo con risorse paurosamente limitate – conclude Chersevani – mentre il progresso avanza senza sosta».

Ma in che misura sono oggi i pazienti stessi ad avvalersi delle nuove tecnologie? Un po’ di dati ce li fornisce l’oncologo prof. Alberto Scanni, primario emerito al Fatebenefratelli Oftalmico di Milano: «Consideriamo innanzitutto che, su Google, una ricerca su venti riguarda la salute. Detto questo, sono i laureati ad affidarsi maggiormente a internet per informazioni sulla salute rispetto a chi ha la licenza elementare, rispettivamente il 75% e il 24%». Chi non ha proseguito gli studi, insomma, preferisce affidarsi all’ esperto vis a vis . Ma non è tutto. Secondo una ricerca effettuata dall’Osservatorio Innovazione in sanità del Politecnico di Milano «il 76% degli utenti del web non sa distinguere informazioni di valore dalle bufale: ciò significa che il medico avrà anche l’onere di smentire un’autodiagnosi errata. Eppure – conclude il professor Scanni – non solo il rapporto medico paziente in senso generico, ma la visita personale, che permette di vedere e toccare il paziente, all’interno di una relazione di ascolto e comprensione, resta fondamentale. Perché è lì che il fattore personale diventa fattore professionale».

E anche in ambito odontoiatrico la tecnologia fa passi da gigante, come conferma il prof. Alberto Laino (Università Federico II di Napoli): «Oggigiorno i calchi dentali si fanno solo tramite scannerizzazione dell’arcata dentale. Questo, oltre ad arrecare meno disturbo al paziente, garantisce una maggiore velocità nella preparazione di protesi e apparecchi, il che si traduce a sua volta in una riduzione dei costi e aumentata competitività». E il nuovo assistente alla poltrona che caratteristiche avrà? «Un giovane smanettone del PC – afferma Laino – che elabori tutti i dati il più velocemente possibile».

Articoli correlati
Crotone, dottoressa aggredita con cacciavite. Anelli (FNOMCeO): «Parole non bastano più: Ddl aggressioni diventi Decreto legge»
L’uomo, arrestato, rimproverava alla professionista di non aver fatto abbastanza per salvare la vita della madre. «Le brutalità nei confronti dei lavoratori della sanità sono, ormai, all’ordine del giorno. Il Parlamento approvi presto il Ddl antiviolenza. Tutta la mia solidarietà alla dottoressa», ha affermato il Ministro della Salute Giulia Grillo
Fnomceo-Regioni, nasce tavolo di confronto permanente. Anelli: «Così garantiamo tutela del diritto alla salute e difesa SSN»
Nove, sinora, gli argomenti al centro del tavolo: dal ruolo professionale del medico e dell'odontoiatra alla qualità tecnico-professionale, la valorizzazione della funzione sociale, la salvaguardia dei diritti umani e dei princìpi etici dell'esercizio professionale indicati nel codice deontologico
Formazione medico, la proposta di riforma di FNOMCeO: percorso unico, specialità per MMG e crediti al liceo
I centosei presidenti degli ordini territoriali dei Medici hanno approvato all’unanimità una Mozione, con l’intento di far fronte alla grave carenza di specialisti e di medici di medicina generale attesa per i prossimi cinque anni per via della cosiddetta ‘gobba pensionistica’, e di portare al completamento del percorso di specializzazione i 15cimila medici ancora intrappolati nell’‘imbuto formativo’
40 anni SSN, Filippo Anelli (FNOMCeO): «Medici hanno sempre garantito diritto alla salute. Ora però governo intervenga per scongiurare sciopero»
Kermesse organizzata al Plaza di Roma in occasione del quarantesimo della legge 833 del 1978. Oliveti (Enpam): «Prossime sfide sono quelle legate al cambiamento demografico e tecnologico»
Aggressioni ai medici, Leoni (FNOMCeO): «Causano stress, autodimissioni anche per questo. Intervenire con posti di polizia e schedatura violenti»
Il vicepresidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici lega le violenze agli operatori al fenomeno dell’abbandono del servizio pubblico da parte dei camici bianchi. Boccia il Daspo negli ospedali e chiede l’equiparazione al pubblico ufficiale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...