Salute 23 Ottobre 2019

Manovra, Scaccabarozzi (Farmindustria): «Confermare fondi per farmaci innovativi. No a revisioni ‘selvagge’ del prontuario»

Il Presidente degli industriali italiani rivendica per il settore la ‘svolta green’: «Abbiamo ridotto di oltre il 70% le emissioni, di oltre il 50% il consumo di energia». Poi chiede di «evitare altri payback»

Manovra, Scaccabarozzi (Farmindustria): «Confermare fondi per farmaci innovativi. No a revisioni ‘selvagge’ del prontuario»

Evitare nuovi payback farmaceutici e confermare i due fondi per i farmaci innoviti. Sono due delle richieste che Massimo Scaccabarozzi, Presidente di Farmindustria, rivolge alla politica italiana anche in vista dell’approvazione della legge di Bilancio che però al momento non vede particolari interventi su questo settore. Scaccabarozzi rivendica per l’industria farmaceutica il fatto di aver anticipato la ‘svolta green’: «Abbiamo ridotto di oltre il 70% le emissioni, di oltre il 50% il consumo di energia», sottolinea a Sanità Informazione. Poi  mette in guardia da una revisione ‘selvaggia’ del prontuario: «Si rischia di mettere in ginocchio un’industria senza portare alcun vantaggio per il finanziamento del sistema sanitario nazionale. Se si pensa di risolvere il problema con questi sistemi è utopia».

Presidente, l’ex viceministro Garavaglia sostiene che basterebbe lo 0,2% del PIL da destinare all’innovazione farmaceutica. Perché non si fa?

«Non siamo noi i decisori politici. Credo sia importante venga fatto questo. Pensi che si sta ancora dibattendo sulla conferma o meno dei due fondi per i farmaci innovativi che erano stati previsti ormai un paio di anni fa, che hanno dato tanto e hanno consentito ai malati italiani di avere accesso ai farmaci più nuovi. Mi auguro si vada in una direzione che tuteli l’innovazione perché lo dobbiamo ai malati. Intanto un buon segnale sarebbe la riconferma di questi due fondi».

LEGGI ANCHE: FARMACI ONCOLOGICI INNOVATIVI, LUPPI (MSD): «SERVE REVISIONE GOVERNANCE CHE VALUTI INTERO PERCORSO, DALLA PREVENZIONE ALLA CURA»

Nella finanziaria sembra che non ci sia molto per l’industria farmaceutica…

«Al momento non abbiamo visto nulla, poi credo che nel percorso arriverà qualcosa».

Cosa vi aspettate?

«Ho apprezzato molto le dichiarazioni che il ministro Speranza ha fatto in questi giorni quando ha detto che la sanità non è un costo ma deve essere un investimento nella salute dei cittadini e ho apprezzato che non ci saranno tagli perché sappiamo cosa le politiche dei tagli hanno comportato. Mi auguro effettivamente che ci sia anche la conferma dei fondi dell’innovazione e anche il bilanciamento, se ne parla da tempo e faceva parte del patto che abbiamo siglato quando abbiamo chiuso la vicenda del payback che era lì da 5 anni perchè altri payback ci attendono, non creiamo quello che è successo negli ultimi 5 anni con i payback passati. Il patto prevedeva che noi assolvessimo al debito e che poi si sarebbero rivisti i tetti perché da un lato c’è un disavanzo e dall’altro c’è una mancanza di finanziamento. È un peccato perché senza il travaso di questi fondi si sprecano risorse da una parte senza dare assistenza ai cittadini dall’altra parte. Quindi ci auguriamo almeno di vedere queste due iniziative e di non vedere revisioni fatte selvaggiamente del prontuario che non portano da nessuna parte. Non ci dimentichiamo che nell’ambito della spesa territoriale non si riescono a spendere tutte le risorse che ci sono e in più siamo ormai a dei farmaci che sono per oltre il 90% a brevetto scaduto, quindi con dei prezzi che sono nell’ordine di 4-5 euro a confezione. Se si fanno quelle revisioni selvagge si metterà in ginocchio un’industria senza portare alcun vantaggio per il finanziamento del sistema sanitario nazionale perché se si pensa di risolvere il problema con questi sistemi è utopia».

Si è parlato di sostenibilità ambientale. C’è una nuova coscienza che sta maturando?

«Noi siamo avanti da anni. Per esempio siamo riusciti a ridurre di oltre il 70% le emissioni, di oltre il 50% il consumo di energia perché credo che il nostro debba essere un settore coerente. Noi ci occupiamo di salute e dobbiamo farlo a 360 gradi non solo producendo farmaci che fanno guarire ma anche tutelando l’ambiente facendo sì che le persone non si ammalino. Quindi anche da un punto di vista green siamo ben oltre i parametri della media industriale».

Articoli correlati
Vaccino Covid, Scaccabarozzi (Janssen): «In produzione già da aprile, dosi disponibili a gennaio»
«Siamo fiduciosi, ci siamo assunti questo rischio per non arrivare tardi». Intanto aumenta del 40% la produzione del vaccino antinfluenzale
di Federica Bosco
Audizioni in Parlamento, gli esperti fanno il punto sull’evoluzione dell’epidemia, la sieroprevalenza, la terapia al plasma e i vaccini
Miozzo (Cts): «Ecco cosa ha fatto il Comitato tecnico-scientifico». Ippolito (Spallanzani): «Indagine di sieroprevalenza su 150mila italia fotograferà situazione». De Donno (Poma): «Non capisco accanimento contro l'utilizzo del plasma iperimmune». Scaccabarozzi (Farmindustria): «Sono 110 i vaccini candidati nel mondo, speriamo che qualcuno arrivi in fondo»
di Giovanni Cedrone e Gloria Frezza
Roma protagonista del rock benefico: la JC Band in concerto per le famiglie fragili e le vittime di disagio, abuso e violenza
La rock band di Janssen Italia si esibirà stasera alle 20:30 presso il Planet Roma, per sostenere il progetto “Avrò cura di te”, dell’Associazione Oltre l’Orizzonte
Depressione, in Italia colpisce 3,5 milioni di persone. Il dossier della Fondazione Onda
Meno del 50% di chi ne soffre riceve diagnosi tempestiva e trattamento corretto. Oltre un anno e mezzo tra comparsa dei primi sintomi e decisione di rivolgersi a un medico, circa due anni prima di ricevere una diagnosi corretta.
Malattie rare, ISS lancia network per ampliare casistica dei pazienti e fornire diagnosi a un numero crescente di persone
Domenica Taruscio, direttore del Centro Nazionale Malattie Rare: «Con un nuovo progetto, sempre in collaborazione con la Rete Nazionale Malattie Rare, in un anno nuove caratterizzazioni di pazienti con malattia rara senza diagnosi insieme agli ospedali del Centro Sud». Scaccabarozzi (Farmindustria): «Le imprese del farmaco vogliono continuare a impegnarsi anche su questo fronte»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 novembre, sono 62.789.645 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.460.049 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli