Salute 16 Febbraio 2021 07:54

Malattie rare, con #TheRareSide al via il social talk di OMaR per raccontare i protagonisti senza stereotipi

La prima di 10 puntate con 13 storytelling sui social per conquistare anche il pubblico giovane. Ilaria Ciancaleoni Bartoli (OMaR): «La narrazione di eroi senza tempo o vittime senza futuro lascia il passo al bisogno di mettere al centro la persona»

di Federica Bosco
Malattie rare, con #TheRareSide al via il social talk di OMaR per raccontare i protagonisti senza stereotipi

Il mondo delle malattie rare sbarca sui social in una veste inedita. Niente vittime o eroi: nelle 10 puntate al centro di 13 storytelling, ci saranno i malati nel loro quotidiano. Un approccio nuovo, quello di #TheRareSide, storie ai confini della rarità, che terrà i riflettori accesi per un mese intero, e lo farà con una chiave differente, ironica, capace di scavare nel profondo di chi vive la malattia, dei familiari e dei caregiver.

Persone prima che malati

«Per anni la narrazione era di eroi senza tempo o di vittime senza futuro – ha spiegato Ilaria Ciancaleoni Bartoli, direttrice di OMaR durante la conferenza stampa di presentazione della campagna divulgativa –. Con il social talk che verrà trasmesso in diretta sul canale Facebook e YouTube dell’associazione, vogliamo raccontare uomini e donne di diversa età e provenienza nella loro quotidianità, per parlare di sessualità, amore, lavoro, socialità, viaggi, tempo libero e amici, pur tenendo in considerazione i limiti della malattia».

Facebook e YouTube per avvicinare i giovani

«La chiave social è fondamentale per aprire una porta anche alle nuove generazioni – ha commentato durante la tavola rotonda Biagio Oppi di Federpi Emilia Romagna –. L’80% delle malattie rare è di origine genetica e si manifesta nei primi anni di vita, quindi il coinvolgimento dei giovani attraverso canali a loro consueti è molto importante».

Sulla stessa lunghezza d’onda Stefania Polvani, presidente della Società italiana di medicina narrativa. «Sono entusiasta – ha commentato –. Raccontare le malattie rare come uno storytelling è fondamentale per mettere in contatto le persone, far conoscere e riconoscere una malattia. Questa modalità sarà molto utile per la cura in senso lato del paziente».

A rappresentare questa metamorfosi sarà un simpatico personaggio realizzato dall’abile penna di Marianna Zanatta, manager di campioni dello sport che, folgorata dal progetto di OMaR, ha sostituito il dolce ed etereo unicorno con un ornitorinco, che del malato raro ha tutte le caratteristiche intrinseche, essendo portavoce del concetto di rarità, di unicità, di forza, ma anche di debolezza. Ne è nato un personaggio, “Ornitoarianna”, già assunto a mascotte dell’evento con l’intento di mettere la persona al centro.

«Un obiettivo che deve essere primario anche nella politica – ha commentato la senatrice Paola Binetti, presidente dell’Intergruppo Parlamentare per le Malattie Rare nel suo intervento introduttivo -. Intercettare i bisogni non solo medici ma anche umani è fondamentale affinché la rarità diventi normalità. Per questo ci sono questioni che non possono più attendere, a cominciare dal piano sulle malattie rare promesso da tempo».

Il sostegno dal cinema

Chi cerca normalità nella sua malattia è Lorenzo Santoni, regista del cortometraggio di Rai Cinema “Una bellissima bugia” che al progetto di OMaR riconosce un ruolo fondamentale per cambiare il paradigma. «Bisogna smettere di collocare i disabili su un piedistallo – ha dichiarato –. Non siamo più sensibili o più coraggiosi, siamo uomini e donne che vogliono vivere la quotidianità. La mia è nel cinema. La malattia è solo un dato di fatto, io sono tutto il resto dello spazio che rimane».

A proposito di emozioni, si comincia dall’amore

Una normalità che non prescinde dalla sessualità che sarà il tema della prima puntata in programma oggi, a partire dalle ore 17,30 sul canale Facebook e YouTube di OMaR. «La scelta di focalizzare l’attenzione sull’amore e il sesso non è casuale – ha detto Armanda Salvucci, ideatrice del progetto “Sensuability, ti ha detto niente la mamma?” e protagonista della prima puntata -. Chi ha una malattia rara è prima di tutto un uomo o una donna con emozioni e sentimenti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ustione malattia rara e spesso cronica. Ma non esiste un codice di esenzione né un PDTA
Nel convegno al Senato presentata la prima pubblicazione sull’ustione. Gestione eccellente dei pazienti nei 17 Centri Ustioni italiani, da potenziare l’assistenza post-ospedaliera
Giornata Mondiale delle malattie rare, sono 100mila i “fantasmi” senza diagnosi, codice e diritti
I bisogni e le richieste di chi ha una malattia rara non diagnosticata o non diagnosticabile. Ma ci sono specialisti che lavorano per dare un nome alla loro sofferenza
Decreto tariffe, Omar e Cittadinanzattiva alle regioni: «Aggiornate subito i LEA»
Dal Ministero della Salute arrivano notizie di ulteriori fondi e nuovi aggiornamenti già pronti, ma senza questo decreto tutto rimarrà bloccato
Giornata malattie rare. La legge c’è, mancano i decreti attuativi. L’appello unanime di politici, medici e pazienti
Lo scorso novembre è stato approvato il Testo Unico sulle Malattie rare, un provvedimento che affronta sia gli aspetti sanitari che sociali di queste patologie. Oggi, 28 febbraio, in occasione della Giornata delle Malattie Rare, la senatrice Paola Binetti lancia il suo appello: «In ballo la salute di due milioni di italiani. La legge formula delle proposte, ma servono i decreti attuativi affinché tali soluzioni si concretizzino»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 maggio, sono 521.544.720 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.264.094 i decessi. Ad oggi, oltre 11,40 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...