Salute 5 Febbraio 2018

Casa Internazionale delle donne a rischio chiusura: «Attacco al valore che rappresenta». L’intervista alla Presidente di “Essere Donna”

«Le donne lanciano segnali di disagio: “urla silenziose” che abbiamo il dovere di riconoscere. La tutela della salute femminile richiede un potenziamento dei servizi, non una sottrazione». Il punto di vista della dottoressa Elisabetta Maturi, psicoterapeuta della Casa di via della Lungara

Immagine articolo

Dall’assistenza nelle fasi pre e post parto agli incontri di gruppo tra neomamme, passando per la psicoterapia donna-bambino fino ad arrivare a consulenze psicologiche per adolescenti e terapie di coppia. E poi incontri culturali, spettacoli musicali e teatrali, un centro nazionale e internazionale di accoglienza, supporto e promozione dei diritti. La Casa Internazionale delle donne di Roma è questo e molto altro: un punto di riferimento, un luogo “sicuro” per le tantissime donne che ogni giorno usufruiscono dei servizi che offre. Molti di questi, sono sostenuti  dall’associazione Essere Donna”; ne parla a Sanità Informazione la Presidente Elisabetta Maturi.

Dottoressa, cos’è “Essere Donna” e quali servizi offre all’interno della Casa internazionale delle donne?

«Ѐ un’associazione senza fine di lucro che opera all’interno della Casa: siamo un gruppo di professioniste (psicologhe, psicoterapeute, ostetriche e nutrizioniste) impegnate da anni nella prevenzione del disagio e nella tutela della “salute al femminile”. Offriamo informazioni, sostegno e cura alle donne nelle fasi caratterizzate da importanti cambiamenti dell’identità femminile (l’adolescenza, la maternità e la menopausa) ma anche assistenza a bambini ed adolescenti.

Come e perché è nata l’esigenza di creare un ambulatorio dedicato all’universo femminile?

«L’ambulatorio è un punto di riferimento per tutte le donne che vivono situazioni di difficoltà e di disagio: il 90% di loro sono italiane. Il nostro intento è stato sempre quello di rispondere alla richiesta di aiuto che arriva dalle donne stesse, soprattutto sulle problematiche di genere. “Urla silenziose” e segnali di disagio non solo personale ma “sociale”, che come operatori e come società dobbiamo essere in grado di cogliere e di interpretare, per poter intervenire in modo appropriato. Dalla nostra esperienza e dalla cronaca quotidiana è palese che bisogni negati o lasciati senza risposta, i segnali inviati dalle donne e non riconosciuti, possono portare a drammatiche conseguenze».

Parliamo degli adolescenti: la dipendenza da web colpisce sempre più i giovani (e non solo). Come si deve comportare un genitore?

«A causa del gap generazionale, oggi, i genitori degli adolescenti vengono “delegittimati”, in quanto “non esperti” dei nuovi media e la trasmissione educativa è bypassata dall’uso delle nuove tecnologie. Sono in aumento i casi di dipendenza dai social, con sintomi che vanno dai disturbi del sonno e stanchezza al calo del rendimento scolastico, fino ad arrivare all’isolamento o al cyberbullismo. C’è da dire anche che un uso scorretto dei social altera la percezione della realtà fornendone un’esperienza diversa: cambia la capacità di relazionarsi, valutare sé stessi e il tempo della riflessione e la capacità di concentrazione sono ridotte. Tutto questo crea un vuoto che si “compensa” con l’eterna connessione, il bisogno impellente di essere visti e apprezzati con i feedback positivi dei like. I genitori devono partecipare alle attività dei figli, esserne coinvolti, stabilendo “regole” per evitare di incorrere in rischi: come quando si insegna ad attraversare la strada»

La Casa internazionale delle donne rischia di chiudere per un debito pregresso con il Comune di Roma: qual è il suo pensiero?

«In un momento storico e sociale in cui aumentano in modo esponenziale tutte le forme di abuso e violenza sulle donne – fisica, sessuale, psicologica ed economica – due importanti realtà rischiano di chiudere: la Casa Internazionale delle Donne di Via della Lungara e il centro antiviolenza Lucha y Siesta di Via Tuscolana. La tutela della salute femminile ha importanti ricadute sul benessere della intera collettività; per questo, richiederebbe un potenziamento, non una sottrazione dei servizi: è necessaria un’attenzione maggiore alle politiche familiari – non solo bonus una tantum –  una progettualità indirizzata a valutare i rapidi cambiamenti sociali e culturali che tenga conto dei  bisogni mutati delle donne e delle ormai diverse composizioni familiari. La Casa rappresenta da oltre 30 anni una risorsa, un surplus per la città di Roma: per la funzione che svolge attraverso le persone che con forza, passione e costanza ci lavorano, la frequentano, la animano».

 

 

 

Articoli correlati
Salute Mentale, oltre 850mila i pazienti curati da meno di 30mila operatori. Grillo: «Dobbiamo investire di più»
Presentato a Roma il Rapporto sul SISM-Sistema informativo salute mentale. Tra gli assistiti il 70% è over 45, mentre oltre la metà sono donne
Caregiver sempre più centrale nell’assistenza al paziente. Grigioni (ISS): «Con welfare technology alcune attività diventano semplici»
«La tecnologia può supportare il malato e chi lo assiste. Necessario renderne effettivo l’uso e la sua accettazione anche in contesti sociali e organizzativi» così l’ingegner Mauro Grigioni, direttore del centro TISP all’ISS, in occasione del Convegno ‘La figura del caregiver: tecnologie e ausili per migliorare la qualità della vita’ tenutosi all’Istituto Superiore di Sanità
di Lucia Oggianu
Salute donne, D’Amato (Regione Lazio): «Raddoppiata prevenzione per tumore alla mammella»
«La Regione Lazio è stata tra le prime ad adottare le linee guida sulle Breast Unit prodotte dal Ministero della Salute» dichiara in una nota l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato – . «Nel 2018 il 75% dell’attività chirurgica riguardante il tumore alla mammella è stato effettuato in uno dei […]
Patto per la salute, Giulia Grillo: «Ascolteremo i protagonisti della sanità per raccogliere idee e modelli innovativi»
L’8, il 9 e il 10 luglio, per tre giorni consecutivi, il ministero della Salute ascolterà i protagonisti della sanità italiana, in vista della definizione del Patto per la Salute 2019-21. L’accordo sarà stipulato da Governo e Regioni per progettare le politiche sanitarie del prossimo triennio. La tre giorni sarà una vera e propria maratona […]
Patto per la salute, Grillo: «Non firmerò con quella clausola» e chiede incontro al Mef su finanziamenti SSN
«Per avere la certezza che quanto già stanziato nella scorsa legge di Bilancio non venga toccato», spiega il ministro della Salute, Giulia Grillo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano