Salute 25 Maggio 2021 13:05

Gliomi, compreso il meccanismo di crescita grazie al moscerino della frutta

Una scoperta che porta la firma di Thomas Vaccari, ricercatore dell’Università di Milano, e che permetterà, con la medicina di precisione, di aumentare la sopravvivenza dei malati di uno dei tumori cerebrali più aggressivi

di Federica Bosco
Gliomi, compreso il meccanismo di crescita grazie al moscerino della frutta

Comprendere il meccanismo di crescita del glioblastoma per fermarlo grazie al moscerino della frutta. È quanto sono riusciti a fare alcuni scienziati dell’Università di Milano, del Policlinico Ospedale Maggiore Cà Granda, in collaborazione con l’Institute for Cancer Research dell’Oslo University Hospital. Un lavoro di équipe che ha permesso, attraverso uno studio sulla genetica dei gliomi, a cui appartiene il glioblastoma, di individuare nuovi potenziali bersagli genetici per contrastare la crescita tumorale.

Lo studio, sostenuto da Fondazione AIRC e Fondazione Cariplo, prevedeva che venissero ricreate le lesioni genetiche che sono alla base dello sviluppo del glioblastoma, tra i tumori cerebrali più aggressivi, nel moscerino della frutta. In questo modo è stato possibile studiare i sistemi che regolano l’utilizzo di nutrienti a disposizione delle cellule, e il loro contributo alla crescita incontrollata delle cellule tumorali.

Perché il moscerino della frutta

Tra gli autori del progetto, Thomas Vaccari, che spiega a Sanità Informazione come le alterazioni genetiche del glioblastoma blocchino il funzionamento dell’autofagia, uno dei processi principali per metabolizzare i nutrienti. «Abbiamo ricostruito il circuito di lesioni genetiche utilizzando il moscerino della frutta che è un organismo molto semplice nel quale si possono modificare facilmente l’attività di molti geni – spiega Vaccari -. In particolare, è possibile accenderli e spegnerli, specificatamente nelle cellule gliali che crescono a fianco dei neuroni e del moscerino della frutta, per cui è possibile indurre la presenza di un glioma all’interno del sistema nervoso del moscerino stesso che può essere studiato».

Obiettivo: capire la vulnerabilità delle cellule

Come capire le vulnerabilità di queste cellule è il tema dominante dello studio che ha potuto contare sulla preziosa collaborazione anche degli scienziati norvegesi guidati dalla professoressa Helene Knævelsrud, principal investigator all’Institute for Cancer Research, Oslo University Hospital. «Dallo studio è emerso che le cellule tumorali si comportano in maniera differente rispetto a cellule normali, soprattutto in riferimento all’utilizzo delle sostanze nutritizie – riprende Vaccari -. Infatti, queste cellule, a causa delle loro caratteristiche genetiche, non hanno la possibilità di utilizzare la via autofagica, che gli permetterebbe di mobilizzare risorse interne per autoalimentarsi. Perciò le cellule gliali tumorali, a differenza di quelle normali, sono più vulnerabili e dipendenti da fonti di nutrimento esterne».

Verso la medicina di precisione

Grazie alla scoperta di geni che, se manipolati, riattivano la via autofagica ed equilibrano la capacità di nutrirsi delle cellule tumorali, è stato possibile ottenere un modello di sviluppo del glioma a crescita ridotta. In futuro questi modelli potranno essere utilizzati per approcci di medicina di precisione. «In questo modo troveremo il sistema di colpire le cellule tumorali in maniera mirata senza danneggiare tutte le cellule indistintamente», conclude Vaccari.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tumori radioresistenti e inoperabili, cos’è l’adroterapia disponibile in soli 5 Paesi al mondo (tra cui l’Italia)
A Pavia festeggia 20 anni di attività il Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica con una nuova piattaforma per mettere in rete i professionisti e favorire l’accesso dei pazienti oncologici. Orlandi: «Un acceleratore di particelle scompone gli atomi e dirige i fasci sui tessuti tumorali risparmiando le strutture sane»
di Federica Bosco
Giornata nazionale contro Leucemie, Mielomi e Linfomi: il punto su ricerca e nuove terapie
Il 21 giugno specialisti ed ematologi di AIL risponderanno alle domande dei pazienti, dalle 8 alle 20, al numero verde 800226524. L'obiettivo è raccontare i progressi della ricerca e il supporto avuto durante la pandemia da Covid dalla telemedicina e dai volontari
di Federica Bosco
In Europa un milione di diagnosi di cancro in meno a causa della pandemia. Foce e Aiom: «È tempo di agire»
L’appello della Federazione che riunisce Oncologi, Cardiologi ed Ematologi e della Società Scientifica degli oncologi: «Alla sanità italiana servono maggiori investimenti e risorse»
Tumori, Aiom: «Con Covid -11% di nuove diagnosi, torniamo a visitarci gli ospedali sono sicuri»
Nuove diagnosi a -11%, nuovi trattamenti farmacologici a -13% e interventi chirurgici a -18%, Aiom lancia l'allarme
Tumore testa e collo, oltre mille pazienti trattati con l’adroterapia. Ecco cos’è
Sono 5 i centri in tutto il mondo, in Italia si trova a Pavia. 1185 pazienti con tumori del distretto testa collo resistenti ad altre terapie sono stati trattati con protoni e ioni di carbonio
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 giugno, sono 179.164.193 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.882.531 i decessi. Ad oggi, oltre 2,68 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM