Salute 1 Luglio 2024 15:16

Fascicolo Sanitario Elettronico, solo il 41% degli utenti lo ha utilizzato

Le regioni che offrono più servizi in Italia sono la Toscana e  l’Emilia Romagna. I risultati dell’analisi dell’Osservatorio Sanità  Digitale della School of Management del Politecnico di Milano

Fascicolo Sanitario Elettronico, solo il 41% degli utenti lo ha utilizzato

È l’insieme dei dati e documenti digitali di tipo sanitario e socio-sanitario di ogni cittadino. Si chiama Fascicolo Sanitario Elettronico e può essere consultato online da parte di medici e professionisti sanitari in tempo reale e ovunque si trovino, previo consenso dei diretto interessato. Presto operativo su tutto il territorio nazionale, “avrà – come detto nei  giorni scorsi il ministro della Salute, Orazio Schillaci – una ricaduta  importante sulla vita quotidiana dei cittadini”. Ma, stando ai dati dell’Osservatorio Sanità Digitale della School of Management del Politecnico di Milano, di strada da fare ce n’è ancora abbastanza: attualmente solo il 41% degli utenti lo ha utilizzato e le regioni che offrono più servizi in Italia sono la Toscana e  l’Emilia Romagna.

La campagna informativa

“È un’opportunità far conoscere ai cittadini questo strumento – dice Chiara Sgarbossa, Direttrice dell’Osservatorio, in riferimento alla campagna informativa delle ultime settimane ‘Fascicolo Sanitario Elettronico. Sicuri della nostra salute’ -.  Ha permesso di comunicare a tutta la popolazione italiana i vantaggi collegati alla raccolta e alla disponibilità dei dati sulla salute”. Dall’analisi dell’Osservatorio emerge che all’inizio del 2024 la percentuale di cittadini che ha effettuato almeno un accesso al Fascicolo Sanitario Elettronico per sé o per altri è pari al 41%, seppur in aumento rispetto al 2023 (35%). E solo una parte dei medici  specialisti e dei medici di medicina generale (rispettivamente il 35% e il 48% secondo i dati dell’Osservatorio) ha effettuato accessi al Fascicolo sanitario elettronico dei propri pazienti  nell’ultimo anno.

Le Regioni più virtuose

Dai dati del monitoraggio disponibile sul sito monitopen.fse.salute.gov.it, spiega l’Osservatorio, si evince poi che “i servizi più diffusi sono quelli legati all’accesso ai  certificati Covid (95% delle Regioni), alle esenzioni (81%) e  alla prenotazione e pagamento di visite ed esami (76%)”. Le  regioni che offrono una maggiore quantità di servizi sono  l’Emilia-Romagna e la Toscana (23 servizi) seguite da Lazio (22), Piemonte (21), Lombardia, Friuli-Venezia Giulia e Provincia  Autonoma di Trento (18 servizi ciascuna). “Grazie agli  investimenti del Pnrr per lo sviluppo del Fse 2.0 pari a 1,38  miliardi di euro sarà fondamentale uniformare la disponibilità di servizi e documenti tra le diverse regioni così da permettere a  tutti i cittadini di avere un unico punto di accesso alle  informazioni riguardanti la propria salute”, sottolinea  l’Osservatorio.

Il ‘problema’ della privacy

“Secondo i professionisti che lo hanno utilizzato – continua Sgarbossa – lo strumento riduce il tempo necessario per reperire le informazioni, semplifica la lettura dei documenti scambiati, fornisce informazioni critiche per la gestione del  paziente in situazioni di emergenza e permette di prendere  decisioni più personalizzate e basate sull’intera storia clinica  del paziente”. Il Fse porta con sé anche un dibattito sulla privacy: fino al  30 giugno è possibile infatti opporsi alla condivisione dei dati  sanitari precedenti al maggio 2020 con vari enti della Pubblica  amministrazione. Nei giorni scorsi il Garante Privacy ha notificato a 18 Regioni e alle Province autonome di Bolzano e Trento l’avvio di procedimenti correttivi e sanzionatori per le  violazioni riscontrate nell’attuazione della nuova disciplina sul Fse 2.0, introdotta con il decreto del ministero della Salute del 7 settembre 2023.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...