Salute 14 maggio 2018

FADOI, al 23° Congresso Nazionale presentato “Hospitalist” la nuova figura del medico internista

Un professionista con competenze cliniche e relazionali necessarie per seguire pazienti affetti da più patologie. Nell’ottica di un Paese sempre più colpito dalla cronicità, nascono nuove professionalità pronte a sopperire ai bisogni assistenziali: tutto questo al Congresso della Federazione Nazionale dei Dirigenti Ospedalieri Internisti

Immagine articolo

Le condizioni di salute degli italiani, sempre più anziani e malati cronici. La nuova figura dell’Hospitalist, medico internista con competenze cliniche e relazionali necessarie per seguire pazienti affetti da più patologie. E la terza campagna per la sicurezza dei pazienti promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità. Sono solo alcuni dei temi al centro del 23° Congresso di Fadoi – Federazione nazionale dirigenti ospedalieri internisti -, in programma dal 12 al 15 maggio a Bologna, presso il Palazzo della Cultura e dei Congressi.

LEGGI ANCHE: “CLINICAL COMPETENCE”, IL PROGETTO FADOI PER LA FORMAZIONE DEL FUTURO: SI BASERÀ SU CASI CLINICI REALI

Tanti gli esperti e gli ospiti illustri a intervenire: il Ministro della Sanità Beatrice Lorenzin e del Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Walter Ricciardi.

«In Italia il 30% della popolazione è affetto da patologie croniche ed è in trattamento con multiterapia. Pazienti over 65 le cui cure impattano sul 70% delle risorse disponibili del Sistema sanitario nazionale» ha spiegato Mario Melazzini, Direttore generale dell’Aifa (Agenzia italiana del Farmaco), intervenendo all’inaugurazione del congresso. «La sfida importante è raggiungere un’adeguata e appropriata terapia per garantire la sostenibilità del sistema».

Ampio spazio sarà dedicato al ruolo che Fadoi sta assumendo nei confronti del Sistema Sanitario Nazionale e al contributo delle società scientifiche nella produzione di informazioni utili al Ssn e all’Aifa. Quindi focus su: malattie rare, rene, gravidanza e infezioni gravi in Medicina interna. «Siamo il secondo Paese più vecchio al mondo – ha affermato Andrea Fontanella, Presidente Nazionale Fadoi – e il terzo per aspettativa di vita. I nuovi farmaci, le nuove tecnologie, la diagnostica rapida ed efficace, hanno permesso di contrastare in modo significativo le malattie acute: si muore molto meno per infarto e ictus, persino il cancro è stato ‘cronicizzato’».

«Eppure il 70,7% degli over 65 – ha spiegato – ha almeno due patologie concomitanti e assume dai 5 ai 10 farmaci al giorno». Questi pazienti, però, vengono gestiti in modo frammentario e non hanno un medico di riferimento. Da qui la figura dell’Hospitalist, per garantire la migliore assistenza ai pazienti cronici complessi.

Articoli correlati
Il futuro della sanità è il 5G, Pillon (Min. Salute): «Grande opportunità per telemedicina e cronicità»
Delle applicazioni della nuova tecnologia anche alla sfera della salute dei cittadini se ne è parlato di recente al 5GItaly Global Meeting a Roma. Il Coordinatore della Commissione di sviluppo della Telemedicina del Ministero della Salute ai nostri microfoni: “Rischi da valutare ma benefici enormi: il campo di applicazione di queste tecnologie è estesissimo»
Revoca membri Consiglio superiore di sanità, Ricciardi (ISS): «Sono scienziati di fama internazionale, Ministro avrebbe dovuto almeno ringraziarli»
Il Presidente dell’Istituto superiore di sanità commenta la scelta di revocare i trenta membri non di diritto del Css: «È comprensibile che il Ministro voglia un organismo di cui si fidi, ma molti si sono rammaricati»
I cambiamenti climatici causeranno 250mila morti l’anno. Ricciardi (ISS): «È armageddon a fuoco lento»
A Roma la prima conferenza sugli effetti dei cambiamenti climatici sulla salute. Il 13 l'incontro ISS-Mattarella. Il messaggio di Maria Neira (OMS) alla COP24: «La battaglia per il clima non è solo degli ambientalisti. Pensiamo anche alla nostra salute, poi parliamo del pianeta. Forse così, dopo 24 conferenze, arriveremo a risultati concreti». E anticipa le linee d’azione che l’Organizzazione Mondiale della Sanità presenterà mercoledì a Katovice
Ambulanze senza medici, OMCeO Bologna radia Sergio Venturi. Professioni sanitarie lo difendono, opposizioni chiedono dimissioni
Una decisione «grave e inaudita» la definisce così il Governatore Bonaccini che rinnova la sua fiducia all’assessore alla sanità dell’Emilia Romagna. A fianco di Venturi, Ricciardi (ISS), il virologo Burioni e la Federazione TSRM
Medici di famiglia, il 90% degli italiani li preferisce. Scotti (FIMMG): «Eppure invece di dare strumenti alla categoria vengono sottratti»
Da un’indagine del Censis gli italiani preferiscono il medico di Medicina generale. «Il problema è che mentre i cittadini si fidano, le istituzioni no. Occorre dare più margine d'azione alla categoria, solo così migliorerà l'assistenza sul territorio» ribadisce il segretario della Federazione di Medicina generale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...