Salute 19 Ottobre 2018

“Estate Tranquilla”, parla il Comandante dei NAS Generale Lusi: «Molti casi di esercizio abusivo della professione infermieristica»

Presentato il report sui controlli estivi del Nucleo Anti Sofisticazioni dell’Arma dei Carabinieri. 3700 le ispezioni, 14 strutture socio-sanitarie chiuse. Grillo: «I nostri cittadini più fragili non possono vivere in strutture igienicamente carenti o in cui la manutenzione dei locali è scarsa o, peggio ancora, in cui le cure non sono erogate come previsto»

di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone

A dispetto del nome dell’operazione, non è stata proprio una Estate tranquilla” quella del 2018. Lo testimoniano i dati del Nucleo Anti Sofisticazioni dei Carabinieri che questa estate hanno realizzato 3741 ispezioni in tutto il territorio nazionale, sia su strutture della filiera alimentare e turistica (dalla produzione primaria fino agli agriturismi e alla ristorazione) che del settore della sanità pubblica e privata e della ricettività socio-assistenziale.

Il report è stato illustrato dal Generale Adelmo Lusi, Comandante dei Nas, al Ministero della Salute: sono state riscontrate irregolarità nel 30% delle strutture oggetto di ispezione, 127 le sanzioni penali e comminate oltre 1.500 violazioni amministrative, per un totale di un milione e 300 mila euro di sanzioni pecuniarie. In particolare, 117 aziende presentavano gravi irregolarità strutturali o igieniche da rendere necessario un immediato provvedimento di sospensione dell’attività o di sequestro. I Nas hanno inoltre eseguito ulteriori interventi cautelari individuando e operando il sequestro di quasi 15.000 kg di prodotti alimentari irregolari, impedendone la commercializzazione e il consumo finale. Riscontrate principalmente carenze igienico sanitarie, irregolarità nell’etichettatura e tracciabilità degli alimenti, inosservanza al divieto di fumo, frode in commercio e problemi sull’igiene degli alimenti.

LEGGI ANCHE: VACCINI, IN 10 GIORNI NAS SCOPRONO 55 AUTOCERTIFICAZIONI FALSE. QUASI 1500 GLI ISTI>TUTI CONTROLLATI

Nel comparto socio sanitario, soprattutto nelle case di riposo, le violazioni più frequenti sono l’abbandono di incapaci, maltrattamenti, l’omessa notifica alle autorità di persone alloggiate e la detenzione di farmaci scaduti, l’esercizio abusivo della professione sanitaria oltre che, sul fronte amministrativo, inadeguatezze strutturali, assistenziali autorizzative. «Come ministro della Salute – ha detto Giulia Grillo – mi preme sottolineare l’importanza del lavoro dei carabinieri del Nas nelle strutture socio-sanitarie. I nostri cittadini più fragili, gli anziani, le persone portatrici di disabilità, non possono vivere in strutture igienicamente carenti o in cui la manutenzione dei locali è scarsa o, peggio ancora, in cui le cure non sono erogate come previsto. Le persone non autosufficienti hanno diritto a un’assistenza adeguata e non possono essere tollerati atti di incuria».

Ne abbiamo parlato con il Generale Adelmo Lusi che ha sottolineato l’impegno profuso dai suoi uomini nel corso della stagione estiva.

Generale, nei controlli che avete effettuato questa estate avete controllato anche tante strutture socio-sanitarie. Sul tema dell’esercizio abusivo della professione, cosa avete riscontrato maggiormente?

«Beh, soprattutto per quanto riguarda la parte infermieristica. Molte case di cura assumono personale che vanta diplomi non riconosciuti dal nostro Ministero oppure diplomi che non consentono di accudire persone non autosufficienti. C’è molta confusione in questo settore e noi cerchiamo di individuare queste cose per poter intervenire e garantire ai nostri anziani un’assistenza adeguata e conforme alle leggi che pure ci sono e sono leggi stringenti e molto puntuali».

Lei ha parlato soprattutto di case di riposo per anziani, ma avete controllato anche cliniche private o ospedali?

«Questo rientra non tanto nell’attività di estate sicura, quella che noi abbiamo rapportato. Ma lo facciamo tutto l’anno: spesso facciamo controlli a sorpresa nei Pronto soccorso o anche a seguito di segnalazioni da parte di cittadini o associazioni di consumatori. Quindi gli ospedali sono anche loro un nostro settore, un nostro ambito strategico sul quale non abbassiamo mai il livello di guardia».

Continuano i controlli sulle autocertificazioni per i vaccini?

«Assolutamente sì. L’ultimo caso che posso ricordare in Sardegna, abbiamo individuato alcuni genitori che avevano fatto delle autocertificazioni infedeli e che quindi sono state segnalati all’autorità giudiziaria».

Articoli correlati
«Stabilizzazione, aumenti salariali e riconoscimento della professione». Le richieste degli infermieri al Circo Massimo
«Siamo oltre duemila», comunica Nursing Up che ha convocato la piazza romana degli infermieri. Al centro della vertenza la richiesta di un comparto contrattuale autonomo. E il Ministero promette l'apertura dell'istruttoria
di Tommaso Caldarelli
Controlli Nas, 20% delle strutture di accoglienza anziani e disabili sono risultate non conformi
Nel report "Estate tranquilla" i Nas denunciano 208 strutture di accoglienza anziani e disabili in tutto il territorio nazionale considerate inadatte. Sono 131 i gestori e dipendenti denunciati, a cui si aggiungono alcuni familiari
Eutanasia, FNOPI e FNOMCeO alla Camera: «Medici e infermieri devono potersi attenere ai loro Codici deontologici»
Alla Camera sono riprese le audizioni sulla legge in materia di rifiuto dei trattamenti sanitari e liceità dell’eutanasia. Tra le richieste della Federazione degli Ordini dei Medici l’affidamento della certificazione dello stato clinico del richiedente a team professionali medici e l’attuazione omogenea della legge sulle Cure Palliative
Anziani e RSA, appello di FNOPI per riforma urgente e condivisa: «Servono almeno 29.700 professionisti»
Barbara Mangiacavalli, presidente della Federazione delle professioni infermieristiche, sottolinea la volontà degli infermieri, che già si occupano in prima linea dei fragili e degli anziani, di essere parte attiva nel cambiamento che il nuovo modello di sanità che si sta via via disegnando richiede
Elezioni Campania, Carbone (De Luca Presidente): «Con l’infermiere di quartiere più vicini a chi ha bisogno di assistenza»
Tra i candidati al Consiglio regionale della Campania c’è Ciro Carbone, Presidente dell’OPI Napoli, in corsa per la lista del Presidente De Luca: «Noi infermieri, e tutti gli operatori sanitari siamo spesso vicini a chi soffre. Per questo credo che la mia professione possa avermi dato un background importante per fare politica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...