Salute 19 Ottobre 2018 11:07

“Estate Tranquilla”, parla il Comandante dei NAS Generale Lusi: «Molti casi di esercizio abusivo della professione infermieristica»

Presentato il report sui controlli estivi del Nucleo Anti Sofisticazioni dell’Arma dei Carabinieri. 3700 le ispezioni, 14 strutture socio-sanitarie chiuse. Grillo: «I nostri cittadini più fragili non possono vivere in strutture igienicamente carenti o in cui la manutenzione dei locali è scarsa o, peggio ancora, in cui le cure non sono erogate come previsto»

di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone

A dispetto del nome dell’operazione, non è stata proprio una Estate tranquilla” quella del 2018. Lo testimoniano i dati del Nucleo Anti Sofisticazioni dei Carabinieri che questa estate hanno realizzato 3741 ispezioni in tutto il territorio nazionale, sia su strutture della filiera alimentare e turistica (dalla produzione primaria fino agli agriturismi e alla ristorazione) che del settore della sanità pubblica e privata e della ricettività socio-assistenziale.

Il report è stato illustrato dal Generale Adelmo Lusi, Comandante dei Nas, al Ministero della Salute: sono state riscontrate irregolarità nel 30% delle strutture oggetto di ispezione, 127 le sanzioni penali e comminate oltre 1.500 violazioni amministrative, per un totale di un milione e 300 mila euro di sanzioni pecuniarie. In particolare, 117 aziende presentavano gravi irregolarità strutturali o igieniche da rendere necessario un immediato provvedimento di sospensione dell’attività o di sequestro. I Nas hanno inoltre eseguito ulteriori interventi cautelari individuando e operando il sequestro di quasi 15.000 kg di prodotti alimentari irregolari, impedendone la commercializzazione e il consumo finale. Riscontrate principalmente carenze igienico sanitarie, irregolarità nell’etichettatura e tracciabilità degli alimenti, inosservanza al divieto di fumo, frode in commercio e problemi sull’igiene degli alimenti.

LEGGI ANCHE: VACCINI, IN 10 GIORNI NAS SCOPRONO 55 AUTOCERTIFICAZIONI FALSE. QUASI 1500 GLI ISTI>TUTI CONTROLLATI

Nel comparto socio sanitario, soprattutto nelle case di riposo, le violazioni più frequenti sono l’abbandono di incapaci, maltrattamenti, l’omessa notifica alle autorità di persone alloggiate e la detenzione di farmaci scaduti, l’esercizio abusivo della professione sanitaria oltre che, sul fronte amministrativo, inadeguatezze strutturali, assistenziali autorizzative. «Come ministro della Salute – ha detto Giulia Grillo – mi preme sottolineare l’importanza del lavoro dei carabinieri del Nas nelle strutture socio-sanitarie. I nostri cittadini più fragili, gli anziani, le persone portatrici di disabilità, non possono vivere in strutture igienicamente carenti o in cui la manutenzione dei locali è scarsa o, peggio ancora, in cui le cure non sono erogate come previsto. Le persone non autosufficienti hanno diritto a un’assistenza adeguata e non possono essere tollerati atti di incuria».

Ne abbiamo parlato con il Generale Adelmo Lusi che ha sottolineato l’impegno profuso dai suoi uomini nel corso della stagione estiva.

Generale, nei controlli che avete effettuato questa estate avete controllato anche tante strutture socio-sanitarie. Sul tema dell’esercizio abusivo della professione, cosa avete riscontrato maggiormente?

«Beh, soprattutto per quanto riguarda la parte infermieristica. Molte case di cura assumono personale che vanta diplomi non riconosciuti dal nostro Ministero oppure diplomi che non consentono di accudire persone non autosufficienti. C’è molta confusione in questo settore e noi cerchiamo di individuare queste cose per poter intervenire e garantire ai nostri anziani un’assistenza adeguata e conforme alle leggi che pure ci sono e sono leggi stringenti e molto puntuali».

Lei ha parlato soprattutto di case di riposo per anziani, ma avete controllato anche cliniche private o ospedali?

«Questo rientra non tanto nell’attività di estate sicura, quella che noi abbiamo rapportato. Ma lo facciamo tutto l’anno: spesso facciamo controlli a sorpresa nei Pronto soccorso o anche a seguito di segnalazioni da parte di cittadini o associazioni di consumatori. Quindi gli ospedali sono anche loro un nostro settore, un nostro ambito strategico sul quale non abbassiamo mai il livello di guardia».

Continuano i controlli sulle autocertificazioni per i vaccini?

«Assolutamente sì. L’ultimo caso che posso ricordare in Sardegna, abbiamo individuato alcuni genitori che avevano fatto delle autocertificazioni infedeli e che quindi sono state segnalati all’autorità giudiziaria».

Articoli correlati
Rsa, fuga di infermieri verso le Aziende Ospedaliere. Degani (Uneba Lombardia): «Necessario creare nuove figure»
Il presidente di UNEBA Lombardia: «Stato e Regioni devono prevedere una programmazione tale da poter aumentare il numero di infermieri formati o di istituire operatori sociosanitari specializzati, figure para infermieristiche e para sanitarie che possano aiutare le fragilità e le cronicità»
di Federica Bosco
Fnopi, gli infermieri chiedono l’allentamento dell’esclusiva per poter vaccinare
Il tempo ormai stringe, la lettera di Fnopi al Ministero della Salute: passare rapidamente dal “dire” al “fare” su allentamento dell’esclusiva, assistenza sul territorio e autonomia della professione infermieristica
La sala operatoria al tempo del Covid-19, Alvaro: «Infermieri depositari della sicurezza del paziente»
Il responsabile scientifico del corso Fad offerto dal provider di Consulcesi Club Rosaria Alvaro: «L’infermiere è l’unica presenza costante all’interno delle sale operatorie. Ha la competenza educativa di far rispettare tutti i protocolli che sono stati condivisi in relazione alla pandemia che stiamo vivendo»
Infermieri, documento Fnopi delinea quelli del futuro. Garattini: «Prescrizione di farmaci agevolerà il lavoro del medico»
Un documento della Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche composto da un advisory board di esperti lancia diverse proposte: dalla formazione alla gestione dei servizi assistenziali. Il farmacologo Silvio Garattini: «Troppi pochi infermieri in Italia»
«Io, infermiera presa a calci in PS, ho ancora gli incubi mentre i miei aggressori sono a piede libero»
«Hanno anche provato a cavarmi un occhio». Il racconto dell’infermiera del Cardarelli di Napoli: il trauma, la paura, la speranza che la giustizia faccia il suo corso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco