Salute 19 Ottobre 2018

“Estate Tranquilla”, parla il Comandante dei NAS Generale Lusi: «Molti casi di esercizio abusivo della professione infermieristica»

Presentato il report sui controlli estivi del Nucleo Anti Sofisticazioni dell’Arma dei Carabinieri. 3700 le ispezioni, 14 strutture socio-sanitarie chiuse. Grillo: «I nostri cittadini più fragili non possono vivere in strutture igienicamente carenti o in cui la manutenzione dei locali è scarsa o, peggio ancora, in cui le cure non sono erogate come previsto»

di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone

A dispetto del nome dell’operazione, non è stata proprio una Estate tranquilla” quella del 2018. Lo testimoniano i dati del Nucleo Anti Sofisticazioni dei Carabinieri che questa estate hanno realizzato 3741 ispezioni in tutto il territorio nazionale, sia su strutture della filiera alimentare e turistica (dalla produzione primaria fino agli agriturismi e alla ristorazione) che del settore della sanità pubblica e privata e della ricettività socio-assistenziale.

Il report è stato illustrato dal Generale Adelmo Lusi, Comandante dei Nas, al Ministero della Salute: sono state riscontrate irregolarità nel 30% delle strutture oggetto di ispezione, 127 le sanzioni penali e comminate oltre 1.500 violazioni amministrative, per un totale di un milione e 300 mila euro di sanzioni pecuniarie. In particolare, 117 aziende presentavano gravi irregolarità strutturali o igieniche da rendere necessario un immediato provvedimento di sospensione dell’attività o di sequestro. I Nas hanno inoltre eseguito ulteriori interventi cautelari individuando e operando il sequestro di quasi 15.000 kg di prodotti alimentari irregolari, impedendone la commercializzazione e il consumo finale. Riscontrate principalmente carenze igienico sanitarie, irregolarità nell’etichettatura e tracciabilità degli alimenti, inosservanza al divieto di fumo, frode in commercio e problemi sull’igiene degli alimenti.

LEGGI ANCHE: VACCINI, IN 10 GIORNI NAS SCOPRONO 55 AUTOCERTIFICAZIONI FALSE. QUASI 1500 GLI ISTI>TUTI CONTROLLATI

Nel comparto socio sanitario, soprattutto nelle case di riposo, le violazioni più frequenti sono l’abbandono di incapaci, maltrattamenti, l’omessa notifica alle autorità di persone alloggiate e la detenzione di farmaci scaduti, l’esercizio abusivo della professione sanitaria oltre che, sul fronte amministrativo, inadeguatezze strutturali, assistenziali autorizzative. «Come ministro della Salute – ha detto Giulia Grillo – mi preme sottolineare l’importanza del lavoro dei carabinieri del Nas nelle strutture socio-sanitarie. I nostri cittadini più fragili, gli anziani, le persone portatrici di disabilità, non possono vivere in strutture igienicamente carenti o in cui la manutenzione dei locali è scarsa o, peggio ancora, in cui le cure non sono erogate come previsto. Le persone non autosufficienti hanno diritto a un’assistenza adeguata e non possono essere tollerati atti di incuria».

Ne abbiamo parlato con il Generale Adelmo Lusi che ha sottolineato l’impegno profuso dai suoi uomini nel corso della stagione estiva.

Generale, nei controlli che avete effettuato questa estate avete controllato anche tante strutture socio-sanitarie. Sul tema dell’esercizio abusivo della professione, cosa avete riscontrato maggiormente?

«Beh, soprattutto per quanto riguarda la parte infermieristica. Molte case di cura assumono personale che vanta diplomi non riconosciuti dal nostro Ministero oppure diplomi che non consentono di accudire persone non autosufficienti. C’è molta confusione in questo settore e noi cerchiamo di individuare queste cose per poter intervenire e garantire ai nostri anziani un’assistenza adeguata e conforme alle leggi che pure ci sono e sono leggi stringenti e molto puntuali».

Lei ha parlato soprattutto di case di riposo per anziani, ma avete controllato anche cliniche private o ospedali?

«Questo rientra non tanto nell’attività di estate sicura, quella che noi abbiamo rapportato. Ma lo facciamo tutto l’anno: spesso facciamo controlli a sorpresa nei Pronto soccorso o anche a seguito di segnalazioni da parte di cittadini o associazioni di consumatori. Quindi gli ospedali sono anche loro un nostro settore, un nostro ambito strategico sul quale non abbassiamo mai il livello di guardia».

Continuano i controlli sulle autocertificazioni per i vaccini?

«Assolutamente sì. L’ultimo caso che posso ricordare in Sardegna, abbiamo individuato alcuni genitori che avevano fatto delle autocertificazioni infedeli e che quindi sono state segnalati all’autorità giudiziaria».

Articoli correlati
Liste d’attesa, insediato l’Osservatorio nazionale. Il ministro Grillo: «Così restituiamo sanità pubblica a cittadini»
Ieri pomeriggio al ministero della Salute, alla presenza del ministro Giulia Grillo, si è insediato l’Osservatorio nazionale liste d’attesa e si è svolta la prima riunione. «Siamo qui non solo per attivare un osservatorio operativo che possa concretamente vigilare sull’efficienza delle liste d’attesa – dichiara il Ministro in una nota -, ma per lavorare insieme […]
Intramoenia professioni sanitarie, Sileri (Commissione Sanità) presenta Ddl. Il plauso di FNOPI e Nursing Up
La presidente FNOPI Barbara Mangiacavalli: «Non sia strumento per sopperire alle carenze di organici». Il presidente Nursing Up Antonio De Palma: «Ddl segna momento storico»
Maratona Patto per la Salute, Giulia Grillo: «Servono risorse e serve usarle meglio»
In corso la “Maratona” per arrivare a chiudere il Patto della Salute. Sul tavolo temi quali l’autonomia regionale e il reperimento delle risorse. «Non nego che recuperare risorse per la sanità sarebbe importante – ha spiegato il ministro della Salute, Giulia Grillo – ma vediamo anche come organizzare meglio quelle che abbiamo»
Patto per la Salute, il pessimismo di FNOMCeO: «Soluzioni conservatrici e medici non ascoltati»
I vertici della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri pongono l’accento su una serie di criticità. Il presidente Anelli: «Contrari al fatto che i giovani medici possano entrare nel SSN senza un’adeguata formazione e sbalorditi del giudizio sull’Accordo collettivo nazionale della medicina generale»
Piano nazionale cronicità, Fnopi: «Manca in 5 Regioni, ancora troppe differenze territoriali»
«Le malattie croniche nel 2020 si stima che rappresenteranno l’80% di tutte le patologie nel mondo. Impegnano il 70-80% delle risorse sanitarie a livello mondiale. In Europa sono responsabili dell’86% di tutti i decessi e di una spesa sanitaria annua valutabile in 700 miliardi di euro; 24 milioni le persone che in Italia nel 2017 […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...