Salute 20 Dicembre 2019 09:00

Disabilità, D’Arrando (M5S) lancia il ‘budget di salute’: «Così mettiamo la persona al centro di un progetto terapeutico personalizzato»

«L’obiettivo è un utilizzo virtuoso delle risorse economiche, sia pubbliche che private, affinchè la persona venga veramente sostenuta e reintegrata nella comunità», sottolinea la deputata M5S Celeste D’Arrando. Nella legge di Bilancio previsto un piano nazionale per la disabilità di 1,3 miliardi di euro

In tema di disabilità qualcosa si muove in Parlamento. Le buone notizie arrivano in primis dalla legge di Bilancio con un piano triennale straordinario sulla disabilità da 1 miliardo 356 milioni di euro. Il Piano si compone da un lato del Fondo per la non autosufficienza e disabilità, introdotto per la prima volta quest’anno con l’articolo 40 della Legge di Bilancio; e dall’altro dal Fondo per la non autosufficienza, una misura risalente al 2006 e finanziata in via strutturale ogni anno: saranno coinvolte per oltre 3 milioni di persone e circa 2,3 milioni di famiglie di disabili. Ma in Parlamento sono diverse le proposte di legge che puntano ad offrire un sostegno più concreto alle persone con disabilità. Una di queste è quella sul budget di salute presentata dalla deputata M5S Celeste D’Arrando.

LEGGI ANCHE: DISABILITÀ, SPERANZA: «ANCORA MOLTA STRADA DA FARE, MA DIREZIONE È QUELLA GIUSTA»

La proposta di legge ha la finalità di contrastare la disuguaglianza nell’accesso ai livelli essenziali di assistenza socio-sanitari e di valorizzare le persone con gravi malattie e vulnerabilità croniche riducendone le conseguenti o concomitanti disabilità sociali, spesso caratterizzate dall’assenza di protezione sociale.

Il budget di salute non è altro, dunque, che l’insieme delle risorse umane, professionali ed economiche necessarie per realizzare il progetto terapeutico riabilitativo individualizzato. Una presa in carico globale del paziente, che va oltre la mera sfera sanitaria ma che punta all’inclusione sociale. L’obiettivo è quello di redigere per ogni persona con disabilità un progetto terapeutico riabilitativo individualizzato, cioè l’insieme di azioni individuate ed elaborate da una apposita unità di valutazione integrata sulla base di una valutazione multidimensionale e multidisciplinare dei bisogni socio-sanitari della persona che tiene conto, in maniera globale, anche dei bisogni sociali, delle preferenze della persona, delle sue menomazioni, disabilità sociali e abilità residue e recuperabili, nonché delle esigenze legate ai diritti all’abitazione, alla formazione e al lavoro, all’affettività e alla socialità.

Onorevole, parliamo di fragilità e la disabilità. La politica cosa può fare per aiutare i disabili ma anche i caregiver?

«Per quanto riguarda i caregiver è incardinata ed è in fase di discussione al Senato una proposta di legge che è depositata anche alla Camera proprio perché come Movimento 5 Stelle ma anche come forza di governo abbiamo massima attenzione rispetto a questi temi. In primis perché i caregiver sono le figure principali che si prendono cura del proprio familiare che magari ha anche una disabilità grave e poi perché molto spesso rinunciano anche a lavorare per dedicarsi completamente alla famiglia perdendo una propria autonomia economica. Su questo stiamo già agendo e auspichiamo che la proposta di legge diventi legge il prima possibile».

Sulla disabilità cosa proponete?

«Su questo tema bisogna fare un cambio di paradigma per mettere al centro la persona con disabilità. Ad esempio il budget di salute che è oggetto di una mia proposta di legge dove la persona diventa il centro di un progetto personale terapeutico individualizzato attraverso il quale la persona con disabilità sceglie cosa fare insieme a tutto quello che è il mondo che gira intorno a lui: la famiglia, il medico di medicina generale, lo psicologo o psichiatra laddove c’è una disabilità mentale e soprattutto il mondo del terzo settore che è spesso un mondo virtuoso che può aiutare a integrare e sostenere la persona con disabilità. È lui il fulcro centrale del budget di salute. In questo modo c’è anche un utilizzo virtuoso delle risorse economiche, sia pubbliche che private, affinchè la persona venga veramente sostenuta e reintegrata in quella che è la comunità che è il contorno essenziale per le persone con disabilità per sentirsi meno emarginate ma più parte integrante della società».

Articoli correlati
Tumori, M5S al fianco di “Una stanza per un sorriso”: «Lavoro associazioni è fondamentale»
Restituire un sorriso alle donne che affrontano, con la chemioterapia, tutti i disagi della cura e della malattia. Con questo scopo le volontarie dell’associazione “Una stanza per un sorriso” portano avanti la loro attività. Ne hanno parlato, al Senato, la presidente e la vicepresidente dell’associazione “Una stanza per un sorriso” Rosanna Galantucci e Amelia Sgobba […]
Gli invalidi parziali che lavorano non avranno più diritto all’assegno di assistenza. L’appello: «Sanare stortura»
CoorDown e Uniamo a Governo e Parlamento: «Intervenire subito per restituire un segnale positivo a favore dell’occupabilità delle persone con disabilità». Il question time di Orlando
di Isabella Faggiano
Disabilità, D’Arrando (M5S): «Bene legge delega ma budget di salute e altri ddl proseguano iter»
«Accogliamo con favore l’approvazione da parte del Consiglio dei ministri del disegno di legge delega in materia di disabilità per riformare e riorganizzare la normativa in questo ambito. Si tratta di una delle riforme previste dal PNRR e ci auguriamo possa essere l’occasione giusta per venire incontro alle richieste di famiglie, associazioni e cittadini con […]
Assegni invalidità, Falabella (FISH): «Interpretazione INPS restrittiva, intervenga ministro Stefani»
«Ancora una volta si gettano nello sconforto le persone con disabilità e le loro famiglie, che sono state tra le più colpite in questi due anni di pandemia»: così il presidente della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) Vincenzo Falabella, di fronte al recente messaggio prodotto dall’INPS, che ha stabilito come, per avere diritto all’assegno per invalidi […]
Disturbi comportamento alimentare, M5S: «Pandemia ha acuito problema, serve spazio autonomo nei LEA»
Le parlamentari del MoVimento 5 stelle Celeste D’Arrando, Marta Grande e Azzurra Cancelleri hanno partecipato a una manifestazione davanti al Ministero della Salute con associazione e famiglie coinvolte dal problema
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 2 dicembre, sono 263.601.780 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.226.923 i decessi. Ad oggi, oltre 8 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano