Politica 20 Dicembre 2019 09:00

Disabilità, D’Arrando (M5S) lancia il ‘budget di salute’: «Così mettiamo la persona al centro di un progetto terapeutico personalizzato»

«L’obiettivo è un utilizzo virtuoso delle risorse economiche, sia pubbliche che private, affinchè la persona venga veramente sostenuta e reintegrata nella comunità», sottolinea la deputata M5S Celeste D’Arrando. Nella legge di Bilancio previsto un piano nazionale per la disabilità di 1,3 miliardi di euro

In tema di disabilità qualcosa si muove in Parlamento. Le buone notizie arrivano in primis dalla legge di Bilancio con un piano triennale straordinario sulla disabilità da 1 miliardo 356 milioni di euro. Il Piano si compone da un lato del Fondo per la non autosufficienza e disabilità, introdotto per la prima volta quest’anno con l’articolo 40 della Legge di Bilancio; e dall’altro dal Fondo per la non autosufficienza, una misura risalente al 2006 e finanziata in via strutturale ogni anno: saranno coinvolte per oltre 3 milioni di persone e circa 2,3 milioni di famiglie di disabili. Ma in Parlamento sono diverse le proposte di legge che puntano ad offrire un sostegno più concreto alle persone con disabilità. Una di queste è quella sul budget di salute presentata dalla deputata M5S Celeste D’Arrando.

LEGGI ANCHE: DISABILITÀ, SPERANZA: «ANCORA MOLTA STRADA DA FARE, MA DIREZIONE È QUELLA GIUSTA»

La proposta di legge ha la finalità di contrastare la disuguaglianza nell’accesso ai livelli essenziali di assistenza socio-sanitari e di valorizzare le persone con gravi malattie e vulnerabilità croniche riducendone le conseguenti o concomitanti disabilità sociali, spesso caratterizzate dall’assenza di protezione sociale.

Il budget di salute non è altro, dunque, che l’insieme delle risorse umane, professionali ed economiche necessarie per realizzare il progetto terapeutico riabilitativo individualizzato. Una presa in carico globale del paziente, che va oltre la mera sfera sanitaria ma che punta all’inclusione sociale. L’obiettivo è quello di redigere per ogni persona con disabilità un progetto terapeutico riabilitativo individualizzato, cioè l’insieme di azioni individuate ed elaborate da una apposita unità di valutazione integrata sulla base di una valutazione multidimensionale e multidisciplinare dei bisogni socio-sanitari della persona che tiene conto, in maniera globale, anche dei bisogni sociali, delle preferenze della persona, delle sue menomazioni, disabilità sociali e abilità residue e recuperabili, nonché delle esigenze legate ai diritti all’abitazione, alla formazione e al lavoro, all’affettività e alla socialità.

Onorevole, parliamo di fragilità e la disabilità. La politica cosa può fare per aiutare i disabili ma anche i caregiver?

«Per quanto riguarda i caregiver è incardinata ed è in fase di discussione al Senato una proposta di legge che è depositata anche alla Camera proprio perché come Movimento 5 Stelle ma anche come forza di governo abbiamo massima attenzione rispetto a questi temi. In primis perché i caregiver sono le figure principali che si prendono cura del proprio familiare che magari ha anche una disabilità grave e poi perché molto spesso rinunciano anche a lavorare per dedicarsi completamente alla famiglia perdendo una propria autonomia economica. Su questo stiamo già agendo e auspichiamo che la proposta di legge diventi legge il prima possibile».

Sulla disabilità cosa proponete?

«Su questo tema bisogna fare un cambio di paradigma per mettere al centro la persona con disabilità. Ad esempio il budget di salute che è oggetto di una mia proposta di legge dove la persona diventa il centro di un progetto personale terapeutico individualizzato attraverso il quale la persona con disabilità sceglie cosa fare insieme a tutto quello che è il mondo che gira intorno a lui: la famiglia, il medico di medicina generale, lo psicologo o psichiatra laddove c’è una disabilità mentale e soprattutto il mondo del terzo settore che è spesso un mondo virtuoso che può aiutare a integrare e sostenere la persona con disabilità. È lui il fulcro centrale del budget di salute. In questo modo c’è anche un utilizzo virtuoso delle risorse economiche, sia pubbliche che private, affinchè la persona venga veramente sostenuta e reintegrata in quella che è la comunità che è il contorno essenziale per le persone con disabilità per sentirsi meno emarginate ma più parte integrante della società».

Articoli correlati
Sanità, D’Arrando (M5S): «Assistenti sanitari cruciali per prevenzione ma mancano corsi di laurea»
«Vi sono ancora alcune regioni in cui non vengono avviati i corsi di laurea triennale costringendo, quindi, coloro che vogliono intraprendere questo percorso a spostarsi in altre regioni» spiega la deputata M5S
Long Covid, Lorefice (M5S): «Ok a Odg per estendere visite specialistiche gratuite a malati curati a domicilio»
«Ho chiesto con il mio Odg di estendere per i due anni successivi al contagio i controlli periodici: il Servizio sanitario nazionale non deve lasciare indietro nessuno», sottolinea la Presidente della Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice
Lavoratori malati oncologi, calendarizzata in Commissione Lavoro proposta per estendere diritti
«Mai come in questo momento dobbiamo proteggere i più fragili. Per questo, sono molto soddisfatta per la calendarizzazione, in commissione Lavoro alla Camera, della proposta di legge a mia prima firma che mira a modificare la disciplina relativa ai diritti dei lavoratori affetti da patologie oncologiche o da altre gravi malattie temporaneamente invalidanti». Lo afferma […]
Lauree abilitanti, Tuzi (M5S): «Dopo Medicina ora via libera anche per le altre professioni sanitarie»
«In questo modo andiamo a semplificare e a velocizzare il percorso universitario senza far venir meno l’accertamento dell’effettiva preparazione del candidato» spiega il relatore del provvedimento Manuel Tuzi
Deficit intellettivo, dalla realtà virtuale la chiave per il recupero delle abilità esecutive
Lo studio preliminare condotto dall’Università Federico II ha evidenziato l’importanza di ripensare i percorsi riabilitativi nell’ottica di una maggiore funzionalità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 2 agosto, sono 198.335.925 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.224.492 i decessi. Ad oggi, oltre 4.11 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva