Salute 24 Settembre 2020 16:30

Covid, Financial Times: «L’Italia ha imparato la lezione, ora tiene a bada la seconda ondata»

La testata inglese loda l’Italia e la sua capacità di contenere il virus contro la seconda ondata europea. Ecco i tre fattori della strategia che funziona

Covid, Financial Times: «L’Italia ha imparato la lezione, ora tiene a bada la seconda ondata»

L’Italia che ce la fa e che diventa modello per tutti gli altri Paesi. È quella che racconta il Financial Times, in un articolo che delinea i tanti passaggi della pandemia italiana e le strategie che si sono rivelate efficaci. «Mentre Francia e Spagna affrontano la seconda ondata», si legge, l’Italia «mantiene il controllo dopo il primo brutale approccio».

«La vita sembra normale nella maggior parte del paese: i ristoranti e i bar sono aperti, le persone si godono gli ultimi giorni d’estate al mare e i ragazzi sono tornati a scuola». Una descrizione quasi idilliaca, che però non dimentica gli oltre 1.500 casi giornalieri che si presentano da qualche settimana. Messi, però, a paragone con i 10 mila dei nostri vicini, mostrano «un percorso alternativo», secondo la testata inglese.

FIRST-MOVER ADVANTAGE

Tre le principali ragioni per cui l’Italia sarebbe in vantaggio, la prima viene definita “vantaggio del primo ad agire“. Il FT si confronta con il virologo italiano Fabrizio Pregliasco, che parla della decisione di chiudere tutto per primi e di allentare poi le restrizioni molto lentamente. «Questo ha concesso al governo grande facilità nel reintrodurne in seguito se necessarie», spiega.

Il prolungamento dello stato di emergenza e la possibilità di regolare le restrizioni con i decreti legge vengono citati come buone norme per affrontare l’autunno. Contro i “poteri di emergenza” della Spagna, scaduti il 21 giugno scorso. Una lode estesa anche alle aziende italiane, che hanno scelto di prolungare lo smart-working o hanno riaperto con precise norme di sicurezza. «Mascherine tutto il giorno, controllo della temperatura, distanziamento e tamponi gratuiti», si citano.

GLI ITALIANI RISPETTANO LE REGOLE

Una seconda motivazione, certamente sorprendente considerata la tradizionale visione stereotipata degli italiani, è «l’elevato rispetto e l’applicazione ancora più rigorosa delle regole» da parte della popolazione. I cittadini italiani indossano le mascherine, nei negozi e sui mezzi pubblici. I gestori di negozi e ristoranti raccolgono tutti i contatti degli avventori.

«Secondo un sondaggio dell’Imperial College di Londra, l’84% degli italiani si dichiara “molto o abbastanza disposto” a indossare una mascherina, contro il 76% degli inglesi», scrive il FT. Anche grazie alle multe e sanzioni imposte a chi si rifiuta di rispettare le misure nei luoghi pubblici.

Il comportamento individuale e la responsabilità di ognuno hanno un ruolo molto importante, come racconta alla testata inglese Ferdinando Luca Lurini, direttore della terapia intensiva nell’ospedale di Bergamo. «Siamo passati dall’essere il Paese più colpito a uno dei più virtuosi nella gestione della pandemia, grazie alla chiarezza delle regole sin dall’inizio e alla volontà di ognuno di rispettarle».

Pochi giorni fa, proprio cavalcando questo impegno italiano, il premier inglese Boris Johnson aveva bollato questo atteggiamento di attenzione come frutto del fatto che «gli italiani non amano la libertà». Oggi il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha tenuto a ribadire che «sì gli italiani tengono alla libertà, ma anche alla serietà», chiudendo la querelle.

TESTING & TRACKING

Terza e ultima ragione citata dal Financial Times è «la precisione dell’Italia nel testare e monitorare l’andamento della pandemia». Un paese che il virologo Andrea Crisanti descrive come focalizzato sui test di massa e sulla sorveglianza dei contatti. «Più o meno il 2% dei test che si fanno risultano positivi, a confronto con il 13% in Spagna, il che suggerisce che il virus è molto meno diffuso», si legge.

Si cita l’atteggiamento virtuoso verso il focolaio in Sardegna e l’attività di tamponi drive in al porto di Civitavecchia e quella di tamponi rapidi negli aeroporti. «Mentre sono in pochi a voler sfidare il destino verso l’inverno, c’è una buona probabilità che l’Italia possa continuare a controllare il virus», conclude la testata inglese.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Omicron all’81% in Italia, rischio arancione per Valle D’Aosta. I dati ISS
l'Rt medio sui casi sintomatici è stato pari a 1,56, molto al di sopra della soglia epidemica. Diminuisce invece l'Rt ospedaliero, anche se con una variazione leggerissima (da 1,3 a 1,2)
Covid-19, Ecdc: «Italia unico Paese classificato a scarsa preoccupazione»
La scorsa settimana era ritenuta a livello moderato ma ora ricoveri e intensive tenderanno a stabilizzarsi. Cosa dice il report
Rt a 1,21 sopra la soglia epidemica. Friuli Venezia Giulia verso il rischio alto
Tutte le Regioni sono a rischio moderato mentre la Calabria resta a rischio basso. Aumentano Rt e incidenza e numero di casi fuori dalle catene di trasmissione
Pandemia, Ocse: in Italia scende aspettativa di vita, triplicati i casi di depressione. Bene vaccini e Green pass
Pubblicati i risultati del Rapporto “Health at a Glance 2021” dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico sull’impatto della pandemia nei paesi Ocse. In Italia preoccupa la salute mentale
Rt sopra la soglia epidemica: tutte le Regioni a rischio moderato
Gli indici continuano ad alzarsi: Rt a 1,15 e incidenza a 53 su 100mila abitanti. Un'allerta di resilienza in ogni Regione e PPA, in forte aumento i casi non legati a catene di trasmissione. Speranza dice che il vaccino per i bimbi sarà approvato per metà dicembre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali