Salute 4 Giugno 2020

Covid-19 e spiagge, le regole dell’Iss per andare al mare in sicurezza

Prenotazioni in orari scaglionati per evitare assembramenti e larga parte del controllo affidata ai sindaci delle località balneari: così potremmo andare in vacanza questa estate. Per gli esperti «rischio trascurabile in acqua, ma sulla sabbia bisogna fare attenzione»

Covid-19 e spiagge, le regole dell’Iss per andare al mare in sicurezza

L’estate è ormai alle porte e, con l’avvicinarsi del periodo vacanziero, il dibattito sulla pericolosità delle spiagge in tempi di Covid-19 è al centro delle richieste fatte agli esperti. Dall’Istituto Superiore di Sanità arriva un compendio di regole per la gestione del rischio nelle spiagge, il “Rapporto sulle attività di balneazione in relazione alla diffusione del virus Sars-CoV-2” redatto dal Gruppo di lavoro Ambiente-Rifiuti Covid-19 con il ministero della Salute.

LEGGI IL RAPPORTO

Nel documento si afferma con certezza che un rischio c’è, anche se «può assumere diversi gradi a seconda dei differenti indici sanitari valutati a livello regionale e locale». È definito, invece, di «scarsa rilevanza» quello correlato alla potenziale contaminazione delle acque da reflui o escreti infetti. A rendere trascurabile in questo caso la problematica sono le variabili ambientali cui il virus è suscettibile in quelle situazioni.

Per la sicurezza dei bagnanti, innanzitutto, si raccomanda di «prenotare l’accesso agli stabilimenti (anche online), eventualmente per fasce orarie, in modo da prevenire assembramenti», e ai singoli stabilimenti di «registrare gli utenti, anche per rintracciare retrospettivamente eventuali contatti a seguito di contagi, mantenendo l’elenco delle presenze per un periodo di almeno 14 giorni, nel rispetto della normativa sulla privacy». Nell’accesso allo stabilimento, gli esperti ricordano la necessità di misurare la febbre a bagnanti e personale, cui interdire l’accesso se superiore ai 37,5°.

LEGGI ANCHE: ESTATE E SALUTE DEGLI OCCHI: IL VADEMECUM PER UN’ESPOSIZIONE SICURA

Diverso è il discorso per le spiagge libere, in quanto la sorveglianza delle zone risulta di difficile praticabilità. Della gestione, secondo l’Iss, dovranno occuparsi i sindaci e altri enti locali competenti. «Ove necessario – si legge – dovranno definire attività di vigilanza sul rispetto delle misure da parte dei fruitori delle spiagge, regolamentare gli accessi per consentire il distanziamento interpersonale e individuare le procedure di sanificazione delle attrezzature e delle aree comuni».

L’Iss fa comunque appello alla responsabilità individuale, ricordando che «rimangono valide le seguenti indicazioni per tutti: rispetto del distanziamento interpersonale di almeno 1 metro; responsabilità di vigilanza sul distanziamento anche dei bambini; misure di igiene personale, pulizia e disinfezione frequenti delle mani; starnutire e/o tossire in fazzoletti di carta o nel gomito; uso di mascherine quando le misure di distanziamento siano di difficile mantenimento, da smaltire poi con i rifiuti indifferenziati».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Morti per Covid-19 o con il Covid-19? Come si calcola la mortalità da coronavirus
L’Istituto Superiore di Sanità spiega quali sono i criteri secondo cui vengono classificati i decessi per Covid-19
Covid-19, l’uso dell’aspirina potrebbe essere associato a un minore rischio di ricovero in terapia intensiva e mortalità
I risultati di due analisi condotte a Yale e all'università del Maryland sembrano essere promettenti, ma devono essere confermati da studi randomizzati controllati
di Peter D'Angelo
Andid, al via il 32º Congresso nazionale. L’impegno dei dietisti tra i nuovi ordini professionali e la tutela della salute pubblica
La professione in epoca Covid: dalla malnutrizione dei pazienti gravi alla nutrizione per eccesso causata dall’isolamento. L’intervista a Marco Tonelli, presidente della Commissione d’albo Dietisti
di Isabella Faggiano
Una giornata in un Covid hotel di Milano, dove i posti stanno per terminare
All'hotel Baviera del gruppo Mokinba forze dell’ordine, operatori sanitari e senza tetto aspettano in isolamento la negatività al virus
di Federica Bosco
«Ospedali sovraccarichi, non allentare le restrizioni». L’appello di medici e dirigenti sanitari
L’Intersindacale Medica, Sanitaria e Veterinaria prende posizione nel dibattito sulle possibili riaperture, in particolare in prossimità delle festività natalizie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli