Salute 8 Gennaio 2019

Chirurgia post-bariatrica, è boom. De Santis (Sicpre): «Dopo perdita peso, bisogna affrontare il rilassamento cutaneo»

«Nuove metodiche prevengono le complicanze e riducono i costi». L’intervista al professore ordinario di chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica presso l’Università di Modena

Immagine articolo

Il boom della chirurgia bariatrica porta con sé, inevitabilmente, il boom della chirurgia post-bariatrica. Se con la prima le persone affette da obesità possono ridurre notevolmente il proprio peso, con la seconda si pone rimedio alla pelle cadente ed eccessivamente rilassata che caratterizza i pazienti che hanno perso peso così drasticamente e velocemente.

«Le persone obese che si sottopongono a cure integrate chirurgiche di riduzione dello stomaco o di bypass – ha spiegato a Sanità Informazione il professor Giorgio De Santis, ordinario di chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica presso l’Università di Modena e probiviro della Sicpre – raggiungono ottimi livelli di soddisfazione per quanto riguarda la perdita di peso corporeo, ma rimangono molte problematiche di rilassamento cutaneo che a volte sono tanto importanti da debilitarli da un punto di vista psicologico e meccanico. Ci sono casi in cui la pelle ingombra o, addirittura, impedisce dei movimenti funzionali».

Non è solo una questione di estetica, quindi, la «larghissima richiesta di interventi chirurgici di ritensionamento delle aree addominali, degli arti inferiori, del viso, delle mammelle o delle braccia», come ha spiegato De Santis. Interventi non sempre semplici, visto che «questi notevoli cali ponderali comportano sempre degli squilibri metabolici che possono poi riflettersi negativamente sulla qualità della cicatrizzazione e quindi su una maggiore incidenza di complicanze post-operatorie, come infezioni, diastasi o apertura delle ferite». I pazienti che si sottopongono ad interventi post-bariatrici sono quindi «un po’ più a rischio – prosegue De Santis – e le possibili complicanze comportano periodi di degenza prolungati e, quindi, alti costi per le strutture».

La ricerca sta allora cercando di ridurre al massimo le incidenze di complicanze: «Una delle più innovative – racconta il professore – è l’utilizzo della pressione negativa per medicazione incisionale. Si cerca cioè di prevenire la complicanza applicando sulle zone che vengono trattate chirurgicamente dei sistemi ad aspirazione negativa che riducono i fluidi della ferita, tengono più compattati i bordi e riducono le cariche batteriche. Dai primi studi, sembra che le aree trattate in questa maniera possano effettivamente trovare una minore incidenza di complicazioni, cosa che comporta anche una minore incidenza di costi sanitari».

Il mondo della chirurgia post-bariatrica è in piena espansione ed evoluzione, tant’è che c’è una «richiesta notevole di giovani chirurghi plastici che si dedichino in maniera attiva a questa branca. Molti dei nostri giovani neospecialisti trovano immediata collocazione in strutture convenzionate, ospedali pubblici o università che, come in tanti altri Paesi a partire dal Brasile e gli Stati Uniti, si stanno dedicando alla chirurgia post-bariatrica», conclude il professor De Santis.

LEGGI ANCHE: CHIRURGIA PLASTICA, IL NEO PRESIDENTE SICPRE FASANO: «FARO’ SENTIRE I SOCI A CASA LORO, PUNTANDO SU CONFRONTO E AGGIORNAMENTO»

Articoli correlati
Labbro leporino, la missione umanitaria in Senegal diventa un docu-film. Il chirurgo Maestrini: «Così regaliamo un sorriso ai più piccoli»
Il giovane medico è il protagonista della pellicola “Sulla strada giusta - rinascere medico in Senegal”, dedicata alla missione chirurgica della Onlus Emergenza Sorrisi e prodotta in collaborazione con il provider ECM 2506 Sanità in-Formazione ed il sostegno di Consulcesi Onlus. Il 7 marzo a Roma la presentazione
Ecco il guanto sensorizzato che insegna ad operare, valuta la funzionalità della mano e traduce la lingua dei segni
Sembra uscito da un film di supereroi, il guanto ‘sensorizzato’ inventato dal professor Giovanni Saggio dell’università Tor Vergata di Roma. A vederlo sembra un guanto comune, ma è l’unico in grado di misurare i movimenti della mano, valutando ogni singola articolazione delle dita. Può pilotare a distanza una mano robotica e controllare oggetti virtuali, può […]
In Italia sempre meno chirurghi, Schillaci (Tor Vergata): «Necessario ricreare rapporto di fiducia tra medico e paziente»
Il Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia all’Università Tor Vergata di Roma spiega ai nostri microfoni cosa bisogna fare per superare la “crisi di vocazione” in atto in Italia
Chirurgia, Marini (Acoi): «Per paura dei contenziosi, i giovani non vogliono più fare i chirurghi e i chirurghi non vogliono più operare»
Il presidente dell’Associazione chirurghi ospedalieri italiani sostiene la proposta di istituire un Tribunale della Salute per portare un po' di serenità nel settore e salvare il sistema chirurgia italiano, messo fortemente a rischio da pensionamenti, calo della vocazione e fuga all'estero
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Tribunale della Salute, De Paolis (SIC): «In Italia sempre meno chirurghi, colpa dei contenziosi. Bene camera di compensazione per arginarli»
I giovani non vogliono fare i chirurghi perché demotivati dai rischi professionali e dalle conseguenze giuridiche. Questa la fotografia che emerge dall’intervista a Paolo De Paolis, presidente della Società Italiana di Chirurgia
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone