Salute 8 gennaio 2019

Chirurgia post-bariatrica, è boom. De Santis (Sicpre): «Dopo perdita peso, bisogna affrontare il rilassamento cutaneo»

«Nuove metodiche prevengono le complicanze e riducono i costi». L’intervista al professore ordinario di chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica presso l’Università di Modena

Immagine articolo

Il boom della chirurgia bariatrica porta con sé, inevitabilmente, il boom della chirurgia post-bariatrica. Se con la prima le persone affette da obesità possono ridurre notevolmente il proprio peso, con la seconda si pone rimedio alla pelle cadente ed eccessivamente rilassata che caratterizza i pazienti che hanno perso peso così drasticamente e velocemente.

«Le persone obese che si sottopongono a cure integrate chirurgiche di riduzione dello stomaco o di bypass – ha spiegato a Sanità Informazione il professor Giorgio De Santis, ordinario di chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica presso l’Università di Modena e probiviro della Sicpre – raggiungono ottimi livelli di soddisfazione per quanto riguarda la perdita di peso corporeo, ma rimangono molte problematiche di rilassamento cutaneo che a volte sono tanto importanti da debilitarli da un punto di vista psicologico e meccanico. Ci sono casi in cui la pelle ingombra o, addirittura, impedisce dei movimenti funzionali».

Non è solo una questione di estetica, quindi, la «larghissima richiesta di interventi chirurgici di ritensionamento delle aree addominali, degli arti inferiori, del viso, delle mammelle o delle braccia», come ha spiegato De Santis. Interventi non sempre semplici, visto che «questi notevoli cali ponderali comportano sempre degli squilibri metabolici che possono poi riflettersi negativamente sulla qualità della cicatrizzazione e quindi su una maggiore incidenza di complicanze post-operatorie, come infezioni, diastasi o apertura delle ferite». I pazienti che si sottopongono ad interventi post-bariatrici sono quindi «un po’ più a rischio – prosegue De Santis – e le possibili complicanze comportano periodi di degenza prolungati e, quindi, alti costi per le strutture».

La ricerca sta allora cercando di ridurre al massimo le incidenze di complicanze: «Una delle più innovative – racconta il professore – è l’utilizzo della pressione negativa per medicazione incisionale. Si cerca cioè di prevenire la complicanza applicando sulle zone che vengono trattate chirurgicamente dei sistemi ad aspirazione negativa che riducono i fluidi della ferita, tengono più compattati i bordi e riducono le cariche batteriche. Dai primi studi, sembra che le aree trattate in questa maniera possano effettivamente trovare una minore incidenza di complicazioni, cosa che comporta anche una minore incidenza di costi sanitari».

Il mondo della chirurgia post-bariatrica è in piena espansione ed evoluzione, tant’è che c’è una «richiesta notevole di giovani chirurghi plastici che si dedichino in maniera attiva a questa branca. Molti dei nostri giovani neospecialisti trovano immediata collocazione in strutture convenzionate, ospedali pubblici o università che, come in tanti altri Paesi a partire dal Brasile e gli Stati Uniti, si stanno dedicando alla chirurgia post-bariatrica», conclude il professor De Santis.

LEGGI ANCHE: CHIRURGIA PLASTICA, IL NEO PRESIDENTE SICPRE FASANO: «FARO’ SENTIRE I SOCI A CASA LORO, PUNTANDO SU CONFRONTO E AGGIORNAMENTO»

Articoli correlati
Chirurgia, la cartilagine del naso rigenera quella del ginocchio. Primo intervento a Milano
Primo intervento chirurgico in Italia di riparazione della cartilagine articolare del ginocchio utilizzando cellule prelevate dal setto nasale. Lo ha eseguito il professor Giuseppe Peretti, responsabile EUORR (Equipé Universitaria di Ortopedia Rigenerativa e Ricostruttiva) dell’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano e docente presso l’Università degli Studi di Milano. Questo primo intervento si colloca nell’ambito di uno […]
Università San Raffaele: pubblicati i bandi per l’ammissione ai corsi di laurea per le professioni sanitarie
Sono stati pubblicati i bandi dell’Università Vita-Salute San Raffaele relativi alle ammissioni all’anno accademico 2019/2020 dei corsi di laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia. I test si svolgeranno con la modalità computer based presso le sedi nazionali del centro Selexi Test Center tra l’1 e il 12 marzo 2019 e sarà possibile iscriversi online fino alle […]
Napoli, al Moraldi intervento di chirurgia addominale con il robot
Il Monaldi di Napoli inaugura la chirurgia addominale robotica. L’intervento, è stato effettuato per “riparare” la parte addominale di una signora di 80 anni. L’anziana donna soffriva di pericolose crisi occlusive recidivanti: i medici hanno inserito una protesi tra i muscoli addominali, evitando, con la strumentazione hi-tech, il contatto con le viscere e tutte le possibili conseguenze come, […]
Malattie del retto, le nuove frontiere chirurgiche al centro del congresso a Verona
Il congresso a Verona Le innovazioni chirurgiche per la cura delle malattie del retto saranno al centro dell’annuale congresso che si svolgerà a Verona venerdì 16 novembre, nelle sale della Fondazione Cariverona. Nell’arco delle tre sessioni dell’evento scientifico “Treatment of rectal disease: surgical insight”, si alterneranno professionisti provenienti da tutta Italia ed anche dal resto […]
Ricerca e formazione, parlano i vincitori del Premio “SICPRE Giovani”
Il Premio, organizzato dalla Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica, è andato a 10 giovani promesse della chirurgia italiana. I lavori verranno pubblicati sulla prestigiosa rivista internazionale PRS GO
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano