Salute 17 Novembre 2020 18:00

Covid-19, Brusaferro: «Stima di rischio non è una pagella»

Il presidente dell’Istituto superiore di sanità spiega perché la stima di rischio e l’Rt non sono dati incerti come qualcuno ha suggerito. Oggi dati stabili per Rezza: 32 mila nuovi positivi e 731 morti

Covid-19, Brusaferro: «Stima di rischio non è una pagella»

Forse bisogna ricordare che «la stima di rischio non è una pagella». Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, ha voluto ribadirlo in apertura della conferenza al Ministero della Salute. «Alcuni indicatori richiedono del tempo, anche solo per la raccolta. Ad esempio questo accade se vogliamo sapere la differenza di tempo fra l’inizio dei sintomi o conoscere meglio il range di incubazione. Non si tratta di stime istantanee», ha voluto spiegare.

Sull’Rt, il più dibattuto degli elementi in calcolo, si è espresso Stefano Merler, matematico della Fondazione Bruno Kessler di Trento, che ha collaborato alle stime di questi mesi. «Le stime dell’Rt sono tutto tranne che incerte – ha insistito -. Le forchette delle varie Regioni non sono grandi. Non c’è molta incertezza sulle stime che facciamo, i dati sono pubblici da settimane, per chi è interessato sono pubblicati sul sito del ministero della Salute, basta andare a vederseli».

«Dipende molto da come ci comportiamo, se rispettiamo le regole. L’aver adottato delle misure stringenti nelle zone del Paese dove l’Rt è più elevato ha la finalità di raffreddare l’indicatore e che rapidamente l’Rt vada sotto 1, che comunque vuol dire una crescita dei casi più lenta, ma sempre una crescita. L’obiettivo è portare Rt dove è sopra 1 sotto a questo livello», ha insistito Brusaferro, a chi chiedeva qual è lo scenario previsto per Natale.

Sull’influenza della scuola nel rialzo dei contagi, Brusaferro è netto. «C’è un monitoraggio che ha sviluppato il Miur mirato ad individuare eventuali focolai o presenza di casi nel mondo scolastico. In realtà si è valutato come la diffusione nelle scuole sia sovrapponibile a quella delle altre fasce del Paese».

32 MILA NUOVI CASI E 731 DECESSI

Gianni Rezza, direttore della Prevenzione al ministero, ha poi snocciolato i dati della giornata. Dopo un abbassamento dei dati sotto la soglia dei 30 mila ieri, dovuto al classico abbassamento del weekend, oggi l’Italia registra 32.191 nuovi casi positivi. Con 208.500 tamponi effettuati. «Dai dati che vediamo c’è una stabilizzazione nel numero dei test positivi giornalieri, forse una lieve flessione. Non sembra esserci una crescita», ha commentato Rezza sul momento.

I ricoveri in area medica sono stati 538, mentre quelli in intensiva 120. Aumentano anche i decessi, che oggi toccano soglia 731, «effetto dei casi degli ultimi due mesi». «La percentuale di test positivi sul numero totale è oggi ancora sopra il 10%, intorno al 15%. Un dato abbastanza elevato» ha concluso Rezza.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Infezioni sessualmente trasmesse in calo: “solo” merito della pandemia? Attenzione all’estate
Nel 2020 si è registrato un calo delle diagnosi delle infezioni sessualmente trasmesse, in buona parte dovuto al minor numero di test. Ma la scarsa consapevolezza preoccupa: in Italia sono diminuiti i vaccini contro il papilloma. Squillace (infettivologo): «Indagare sul fenomeno del chemsex, ovvero l’uso di sostanze tossiche per incrementare la durata delle prestazioni sessuali fino a 24 ore consecutive: disinibiscono e alterano la percezione del rischio»
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Un italiano su 2 usa ausili, oltre il 75% li compra di tasca propria
Un italiano su due utilizza ausili. Secondo l'indagine rATA, gli occhiali sono gli ausili più utilizzati
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi