Politica 2 febbraio 2018

Stabilizzazione precari e liste d’attesa, Zingaretti: «I medici prescriveranno e prenoteranno esami dal loro pc»

Il presidente uscente della Regione Lazio a Sanità Informazione: «Serve sistema eccellente, non bastano eccellenze isolate». Poi annuncia grandi novità per abbattere le liste d’attesa

Immagine articolo

I sondaggi lo danno in testa ma lui non si scompone, consapevole che queste ultime settimane di campagna elettorale saranno comunque decisive per l’esito finale. Il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti si presenta agli elettori dopo cinque anni di governo: al suo attivo può vantare la fine del commissariamento della sanità del Lazio dopo dieci lunghi anni, un traguardo che sarà raggiunto entro il 31 dicembre 2018. Un risultato a cui si è arrivati anche grazie a sacrifici elevati per il mondo degli operatori sanitari: blocco del turnover per tutto il personale, tagli alle spese, ai servizi e anche ai posti letto. Ora l’inversione di tendenza: saranno 3.562 i lavoratori da collocare in corsia a tempo indeterminato e, da poco, Zingaretti ha firmato il decreto con il quale si autorizzano le Aziende sanitarie a indire i concorsi nazionali per la selezione di 60 direttori di Unità Operative Complesse (Uoc) in tutto il Lazio. «Dobbiamo portare i risultati raggiunti dentro la vita del mondo sanitario» afferma a Sanità Informazione Nicola Zingaretti.

Presidente, quali saranno le prime due cose che farà sulla sanità se dovesse essere riconfermato?

«Portiamo a compimento il programma di stabilizzazione dei precari, perché soprattutto chi lavora nella sanità non può essere precario e faremo di tutto per spendere finalmente i 700 milioni di euro che abbiamo recuperato sull’edilizia sanitaria. Perché aver finito il commissariamento è un primo risultato, ora bisogna portare i risultati dentro la vita del mondo sanitario».

Qual è il provvedimento sulla sanità più importante approvato in questi anni?

«Abbiamo approvato molti decreti commissariali, quello più importante è stato l’avvio della fine del blocco del turnover sul lavoro perché per troppi anni c’è stato un massacro che ha colpito soprattutto gli operatori. Questa sicuramente è stata la grande svolta».

Tra le eccellenze nella sanità che ha visitato nella Regione Lazio, qual è quella che vi ha colpito di più in questi 5 anni?

«Questo non lo dirò mai, però la cosa più importante è che le eccellenze isolate non bastano. La vera rivoluzione che stiamo facendo è quella di costruire un sistema eccellente, perché tante eccellenze, se non c’è un sistema, non fanno un sistema eccellente. Ad esempio basta pensare alla follia che nel Lazio non erano mai esistite le reti di cura invece con i piani operativi e gli atti aziendali le abbiamo costituite».

Parliamo di liste d’attesa, un tema che i pazienti e i cittadini sentono molto…

«Abbiamo iniziato a lavorarci. Sono una vergogna, figlia di laboratori che chiudevano troppo presto, di macchinari troppo vecchi, di antiquati metodi di iscrizione alle liste. Noi abbiamo già investito 10 milioni, già c’è una leggera inversione di tendenza. Oggi si possono eliminare perché c’è più lavoro, ci sono più soldi per i macchinari e, soprattutto, cito ad esempio il protocollo con i medici di medicina generale: ora saranno i medici non solo a prescrivere delle analisi ma a doverle prenotare sul proprio computer. Possiamo dire che sta cambiando davvero tutto».

Articoli correlati
Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»
«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Legge di Bilancio, Zingaretti la boccia: «Spread alto brucia risorse anche per la sanità. Nel Lazio tagliamo sprechi e facciamo innovazione»
Il governatore è intervenuto all’inaugurazione del Centro Studi Clinici Fase 1 dell’IFO Regina Elena a Roma. «Siamo preoccupati - ha sottolineato - dopo discussioni infinite ancora non è chiaro quale sarà la manovra economica del governo». Poi torna sull’accordo stipulato con Sardegna, Valle d’Aosta, Piemonte e Veneto sul prezzo dei farmaci: «Ci farà risparmiare in tutto 31 milioni di euro e riguarderà un’area di 17 milioni di cittadini»
Ministero Salute, liste d’attesa: al via il numero 1500 per l’ascolto dei cittadini
Il Ministero della Salute ha attivato il numero di pubblica utilità 1500 sul tema delle liste di attesa. Dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 16.00, infatti, il personale sanitario risponderà ai cittadini per informare sulle modalità di accesso alle prestazioni garantite dal Servizio sanitario nazionale e raccogliere eventuali segnalazioni. «Il servizio di risposta telefonica, […]
Tumore al seno, Zingaretti: «Al via l’ottobre rosa, il mese della prevenzione»
«Prende il via nel Lazio per tutto il mese la campagna di prevenzione del tumore al seno “Ottobre Rosa”. Un fitto programma di iniziative e percorsi di prevenzione interamente dedicati alle donne. I progressi nella ricerca hanno determinato negli anni una crescita continua delle percentuali di sopravvivenza, evidenziando in particolare l’importanza di una diagnosi precoce. […]
D’Amato (Regione Lazio): «Prima riunione per l’Osservatorio per le aggressioni al personale sanitario»
Si riunirà oggi per la prima volta l’Osservatorio sulla sicurezza degli operatori sanitari istituito dalla Regione Lazio. Si tratta di una struttura, fortemente richiesta dagli operatori, per delineare e comprendere il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario che negli ultimi mesi ha visto aumentare a livello nazionale il numero dei casi denunciati. L’Osservatorio avrà il compito […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...