Politica 14 Febbraio 2019

Lombardia, arriva il bando per aiutare ex malati nel ritorno al lavoro. Cosentino (Lombardia ideale): «Formazione e sostegno per non lasciare indietro nessuno»

Data di apertura del bando “dote ritorno lavoro” è il 21 marzo. Fino a 2mila euro il contributo regionale che andrà all’agenzia accreditata che si occuperà della formazione e del supporto necessario al rientro del lavoratore. Destinatari sono i lavoratori dipendenti a tempo determinato o indeterminato con impiego full time o part time, con contratto di lavoro intermittente, di somministrazione e soci lavoratori di cooperative

di Federica Bosco

Si chiama “dote ritorno al lavoro” ed è l’ultima novità pensata da Regione Lombardia per aiutare i malati oncologici o con altre patologie invalidanti, a fare ritorno nel mondo del lavoro dopo un periodo di assenza a causa della malattia. Promossa dall’assessorato al Lavoro e alle Attività produttive e presentata dal Consigliere regionale di Lombardia Ideale Giacomo Cosentino durante il convegno “Human capital Lab” organizzato dall’Università Lum lo scorso 7 febbraio. Questa dote, che affianca la già nota dote lavoro, prenderà il via a partire dal prossimo 21 marzo, data in cui ufficialmente si aprirà il bando. Destinatari potranno essere lavoratori dipendenti a tempo determinato o indeterminato con impiego full time o part time, con contratto di lavoro intermittente, di somministrazione e soci lavoratori di cooperative.

In un momento in cui si discute di reddito di cittadinanza, navigator e centri per l’impiego, questo provvedimento sembra mettere tutti d’accordo con una misura che va ad aiutare i lavoratori in un momento di grande criticità quando subentra una malattia. «È una misura che aiuta coloro che sono stati assenti dal lavoro a causa di patologie oncologiche o invalidanti a fare ritorno dopo mesi di assenza. – spiega il consigliere Cosentino – In quel caso sarà compito del centro per l’impiego accreditato formare il lavoratore, dare un sostegno psicologico, o normativo necessario per non rimanere indietro».

LEGGI ANCHE: IN LOMBARDIA IL PRIMO LABORATORIO DI GENETICA FORENSE DELLA POLIZIA DI STATO: «VEDRA’ LA LUCE IN UN OSPEDALE PUBBLICO»

Per questo bando, che aprirà il prossimo 21 marzo, Regione Lombardia stanzierà mezzo milione di euro e rimarrà in vigore fino ad esaurimento fondi. «I cittadini interessati ad accreditarsi – prosegue Cosentino – potranno andare sul sito di Regione Lombardia, sezione Bandi, dove troveranno la dicitura “dote ritorno al lavoro”. All’interno della procedura i lavoratori potranno scegliere a quale singola agenzia per il lavoro accreditata rivolgersi, sceglieranno il tipo di supporto che necessitano e poi, se rientreranno nei criteri, verrà assegnata loro una dote fino a 2mila euro che verrà erogata non al singolo lavoratore, ma all’agenzia accreditata che si occuperà della formazione e del supporto necessario al rientro del lavoratore. In questo modo i cittadini non dovranno avere alcun esborso di denaro, perché Regione Lombardia direttamente rimborserà l’agenzia del lavoro accreditata presso cui si rivolgerà il lavoratore per essere formato e supportato».

Articoli correlati
Lombardia, presentate le Regole 2020: assunzioni, rinnovamento ospedali e investimenti su liste d’attesa
Previsti due milioni per l’assistenza domiciliare integrata, tre in più per le cure palliative e novità su telemedicina. Lunedì l’esame in Giunta. Gallera (assessore Welfare): «Interventi specifici nella prevenzione, autismo e neuropsichiatria infantile»
di Federica Bosco
Specializzandi in corsia, Rossi (OMCeO Milano): «Bene i 2mila della Lombardia, ma si punti alla formazione non a usarli come tappabuchi…»
In Lombardia ben 2mila specializzandi in corsia per arginare la carenza di camici bianchi a partire dal prossimo mese di ottobre. Quella che, da un lato, potrebbe sembrare una buona notizia, dall’altra sembra aver generato qualche preoccupazione nella categoria già scossa dal “caso Veneto”
di Federica Bosco
Carenza medici di famiglia, l’assessore Gallera (Lombardia): «Stiamo lavorando a 350 nuove borse di formazione per il 2019»
Inoltre la figura del medico di medicina generale è stata messa al centro del progetto di gestione delle cronicità attraverso le cooperative di medici. «Un modo per valorizzare la figura del medico di medicina generale che non può essere solo colui che sta in studio», spiega in un’intervista l’assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera
Lombardia, sospeso lo stato di agitazione dei sindacati medici. Incontro in Regione fissato per il 24 maggio
«È dal mese di marzo che attendiamo una risposta da Fontana e Gallera, - spiega Danilo Mazzacane CISL Medici - fino ad allora non parteciperemo ad altri incontri. Abbiamo l’esigenza di capire l’indirizzo di Regione Lombardia e far passare ai medici il messaggio su quanto contano per le Istituzioni»
di Federica Bosco
Ludopatia: Regione Lombardia e Comune di Milano mettono sul piatto 3 milioni di euro
“Tre milioni di euro per finanziare 68 progetti contro la ludopatia su tutto il territorio regionale, che hanno coinvolto 1.542 soggetti, tra cui oltre 700 Comuni, 258 associazioni del terzo settore, 319 tra scuole, parrocchie, centri anziani, 45 associazioni professionali, 15 associazioni per la tutela dei consumatori”. Questi i numeri illustrati da Viviana Beccalossi, assessore […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Diritto

Reperibilità notturna, Palermo (Anaao): «Se succede un “fattaccio” gli avvocati controllano se il medico ha riposato almeno 11 ore»

Il Segretario del sindacato spiega a Sanità Informazione i motivi alla base del ricorso alla Commissione europea: «Rischi enormi per la salute dei pazienti e per il professionista. Speriamo in pronu...