Politica 28 Gennaio 2019

Infiltrazioni mafiose, creato comitato ad hoc in ambito sanitario. Morra (Antimafia): «Salute settore che scatena appetito criminale, serve trasparenza»

Il Presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali sottolinea il particolare caso della Calabria: «Qui da circa 10 anni SSN è guidato da un commissario ma abbiamo registrato un abbassamento dei LEA e un innalzamento del deficit, si capisce c’è qualcosa di strano». Sul contenzioso medico paziente: «Bene iniziative volte a ridurlo ma serve migliorare qualità offerta sanitaria»

Immagine articolo

Corruzione e infiltrazioni criminali. Ma anche diseguaglianze nell’offerta sanitaria. Il Presidente della Commissione Nazionale Antimafia Nicola Morra, Movimento Cinque Stelle, parla di due dei problemi più sentiti della sanità italiana. Lo fa ai microfoni di Sanità Informazione intervenendo a margine del convegno “Diventare chirurgo generale oggi: una scelta difficile” presso Sala dell’Istituto di Santa Maria in Aquiro del Senato. In cima ai pensieri di Morra i problemi che sta affrontando la sua regione, la Calabria, proprio sui temi della sanità: recentemente il Ministro della Salute Giulia Grillo ha nominato un nuovo commissario, il generale dei Carabinieri Saverio Cotticelli.

«Come ci ha insegnato Giovanni Falcone, lì dove ci sono i soldi molto spesso ci sono appetiti criminali e per questo motivo che preventivamente quanto più si fa trasparenza, tanto più si concede di capire tanto meno certi fenomeni possono essere favoriti», ha affermato Morra. Per il presidente della Commissione Antimafia non va sottovalutato anche il tema delle tante cause che spesso vengono intentate ai medici dai pazienti, contenziosi spesso «artificiosi»: per questo Morra promuove ogni iniziativa, come quella lanciata da una petizione online per l’istituzione del Tribunale della Salute, volta a far calare le cause medici-pazienti anche se «è necessario contestualmente innalzare il livello della qualità dell’offerta sanitaria pubblica in tutte le regioni». Intanto, sui temi dell’antimafia, è stata approvata la creazione del Comitato per l’infiltrazione criminale nell’ambito del sistema di assistenza sanitaria pubblico e privato, tramite il quale la Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, guidata da Nicola Morra, organizzerà il suo lavoro in ambito sanitario. Focalizzerà la propria attenzione sulle modalità con le quali la criminalità organizzata si infiltra e interferisce con il sistema di gestione della sanità pubblica e privata nelle varie realtà territoriali, approfondendo anche l’eventuale rischio del traffico di influenze nelle procedure di selezione dei vertici.

LEGGI ANCHE: SANITA’, LA RICETTA ANTI-CORRUZIONE DI CARLO COTTARELLI: «LA COLPA E’ ‘DEI SETTE PECCATI CAPITALI’. DOSARE NEL MODO GIUSTO PREVENZIONE E REPRESSIONE»

Presidente Morra, lei ha parlato del problema delle infiltrazioni anche nelle strutture sanitarie, come le Asl. Cosa si può fare per contrastare questo fenomeno?

«Intanto si può far seguire alle parole i fatti per cui c’è necessità di introdurre in ogni interstizio trasparenza, legalità. Io provengo da una regione in cui purtroppo da circa 10 anni il servizio sanitario nazionale è guidato da un commissario tuttavia noi abbiamo registrato un abbassamento dei LEA e un innalzamento del deficit, come si capisce c’è qualcosa di strano. Poi ricordo a tutti che è stato ammazzato il vicepresidente della Regione Calabria Francesco Fortugno per problemi legati appunto all’infiltrazione in ambito sanitario e ricordo ancora che, per esempio, in Calabria ci sono due Aziende sanitarie provinciali in cui attualmente c’è una Commissione d’accesso ispettivo antimafia e che la Calabria ha oltre trecento milioni circa di mobilità sanitaria passiva pur in presenza di un commissario. Se lei mi dice che questo è un quadro normale significa che io posso diventare un astrofisico da qui a breve. Al di là della battuta, la sanità significa tanti e tanti soldi e purtroppo, come ci ha insegnato Giovanni Falcone, lì dove ci sono i soldi molto spesso ci sono appetiti criminali e per questo motivo che preventivamente quanto più si fa trasparenza, tanto più si concede di capire tanto meno certi fenomeni possono essere favoriti».

Un altro tema di cui parlava è quello dei contenziosi verso i medici che spesso sono contenziosi artificiosi. C’è una petizione online su change.org che sostiene l’idea di una camera di compensazione che vada a sminare questi contenziosi. Comunque l’idea di ridurre il contenzioso è un’idea praticabile?

«Certamente, però noi contestualmente noi dobbiamo ridurre il contenzioso e innalzare di parecchio il livello della qualità dell’offerta sanitaria pubblica in tutte le regioni perché, anche all’interno dello stesso sistema Italia, abbiamo situazioni diversissime il che è inaccettabile perché siamo tutti cittadini della stessa Repubblica però mi creda ci sono cittadini di questa Repubblica che hanno invidia di cittadini di altre regioni il che è assolutamente inammissibile».

 

Articoli correlati
Cisl medici Lazio, Cifaldi: «Bene il coinvolgimento dei sindacati nel Piano sanitario della Regione Lazio»
«Apprendiamo con soddisfazione la pubblicazione del DCA n. 81 del Commissario ad Acta avente ad oggetto il Piano di riorganizzazione, riqualificazione e sviluppo del Servizio Sanitario Regionale 2019-2021». Lo rende noto Luciano Cifaldi segretario generale della Cisl Medici Lazio in un comunicato. Piano Sanitario Regione Lazio «Nel riservarci un doveroso approfondimento tecnico è innegabile che […]
Lazio, Senior Italia FederAnziani: «Ecco le soluzioni per ridurre le liste d’attesa»
Telemonitoraggio, aumento ore specialisti, informatizzazione. Le proposte lanciate da Senior Italia FederAnziani che ha messo a confronto società scientifiche e organizzazioni sindacali di medici con la Regione Lazio
Il ricorso al MES spacca la politica e la sanità: cos’è, a cosa serve e perché fa tanto discutere
Sia la maggioranza che l’opposizione sono divise sulla possibilità di aderire al Meccanismo Europeo di Stabilità, con Lega, Fdi e M5S contrarie e Pd-Iv-Fi a favore. I pro e i contro di una possibile adesione
“Io medico giuro”: al via la nuova campagna di FNOMCeO in omaggio ai medici impegnati contro il Covid-19
«Ci hanno chiamati angeli, ci hanno chiamati eroi. La parola che meglio e pienamente ci definisce è ‘medici’ – spiega Filippo Anelli - perché il medico giura di tener fede ai valori che informano la professione e non viene mai meno a questo giuramento, nelle emergenze come nella quotidianità, anche a costo della propria vita»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...