Politica 12 Aprile 2021 12:56

Il Pd riparte dalla sanità. Zampa: «Vissuto in prima persona conseguenze di mancati investimenti»

L’ex sottosegretaria oggi è responsabile Salute della nuova segreteria dem targata Enrico Letta. E non risparmia autocritiche alla sua coalizione: «Anche centrosinistra ha disinvestito in sanità. Solo con Conte e Speranza inversione di tendenza già prima del Covid». Inviato al segretario Pd un piano con spunti per il PNRR

Il Pd riparte dalla sanità. Zampa: «Vissuto in prima persona conseguenze di mancati investimenti»

«Per me non è una sorpresa che i militanti del Partito democratico chiedano di dare priorità alla sanità. Ho vissuto in prima persona cosa significa non aver sostenuto negli anni passati il Sistema sanitario in modo adeguato». Sandra Zampa, storica esponente dem e nel governo Conte 2 Sottosegretaria alla Salute, risponde come sempre con la sua consueta schiettezza alle domande dei giornalisti. Nel suo orizzonte c’è ancora la sanità: oggi si occupa della comunicazione sul piano pandemico, le relazioni internazionali e le attività nazionali del dicastero guidato da Roberto Speranza. E, soprattutto, è responsabile Salute della nuova segreteria di Enrico Letta.

Ora è chiamata a dare risposte al popolo del Pd dopo la consultazione interna che ha coinvolto quasi 3mila circoli e 39mila iscritti che sarà poi ampiamente discussa nel corso dell’Assemblea nazionale del 17 aprile. Come anticipato da Repubblica, sanità e lavoro al sud sembrano essere tra le priorità degli iscritti al partito: in particolare, la necessità di rafforzare la sanità pubblica anche rivedendo il rapporto Stato-regioni che ha mostrato molte lacune in occasione dell’emergenza Covid.

«Ho vissuto in prima persona la sofferenza, anche istituzionale, di vedere limitata la sanità a causa di errori di tanti anni precedenti, cumulati tutti insieme, un governo dopo l’altro compreso purtroppo gli ultimi governi del centrosinistra, senza mai un aumento di trasferimento verso questo settore. Ho visto l’aumentare dell’ansia delle persone che oggi hanno toccato con mano, nella sofferenza collettiva, quanto vale la salute e quanto occorra lavorare per metterla in sicurezza», spiega Zampa, avanzando anche un’autocritica rispetto all’atteggiamento avuto dalla sanità negli ultimi governi di centrosinistra, compresi quelli a guida Matteo Renzi.

Dopo le polemiche scaturite dalla mancata riconferma della stessa Zampa a Lungotevere Ripa, con Letta il Pd prova a ripartire anche sul tema cruciale della sanità. «Intanto vogliamo dedicarle una grandissima attenzione: questa segreteria, per esempio, ha assegnato una specifica delega che prima non c’era. Un segnale importante dopo il venire meno di una presenza dem al governo. Il Pd ha una grande tradizione di attenzione alla sanità: abbiamo avuto due grandi ministre, Rosy Bindi e Livia Turco».

Ora, però, la partita si gioca sul Recovery Plan e sulla parte ‘esecutiva’ del Piano che a breve Draghi invierà a Bruxelles. «Ho consegnato al segretario Letta un importante piano di lavoro fatto con gli stakeholder della sanità: un’occasione per lavorare insieme, sicuramente in sintonia con il ministro Speranza. Voglio ricordare che il governo Conte e il ministro Speranza avevano invertito il trend di trasferimento di risorse alla sanità già prima della pandemia con la finanziaria 2019-2020 che destinava due miliardi in più al settore: era la prima volta che avveniva negli ultimi 15 anni».

Secondo Zampa il Piano di Ripresa e Resilienza «è già un piano molto ambizioso, con il rafforzamento della medicina del territorio, la ricerca, l’ammodernamento, l’investimento in tecnologia, la telemedicina. Ma soprattutto contiene una visione di salute che prevede che il cittadino sia al centro del sistema e non sia costretto a inseguire pezzi del sistema. Interviene, inoltre, sulle diseguaglianze in materia sanitaria che sono vergognosamente abissali».

Infine, il tema delle liste di attesa che con l’emergenza Covid sono esplose: «Al ministero questo problema è già all’ordine del giorno e a breve sarà attivata una Commissione che si occuperà di questo. Il minore accesso al Sistema sia per gli screening che per le normali visite è una cosa molto preoccupante».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medico per i senza fissa dimora, proposta Pd: «Cambiare legge 833 e slegare l’assistenza di base dalla residenza»
Il progetto di legge, firmato da Monica Cirinnà e Luca Rizzo Nervo, ha il sostegno del ministro della Salute Roberto Speranza. Capofila l’Emilia-Romagna che ha già varato una legge sul tema. «Il vulnus riguarda migliaia di persone escluse dal diritto alla salute» spiega Rizzo Nervo
di Francesco Torre
Dalla Lega al Pd, l’obbligo vaccinale convince le forze politiche. Fuori dal coro Fdi: «Misura inefficace»
Tutte le forze di maggioranza approvano la misura varata il 5 gennaio dal CdM. Secondo Paola Boldrini (Pd) misura necessaria «per la collettività e per dare sollievo ai professionisti sanitari ormai al collasso». Tiramani (Lega) rivela: «Io minacciato dai no vax». Per il M5S «bisogna agire presto per evitare che gli ospedali siano di nuovo paralizzati dall'emergenza»
di Francesco Torre
Medicina territoriale, cosa prevede la riforma del Pd. Lacarra: «Serve rivoluzione culturale»
Il disegno di legge prevede una delega al Governo sul tema. Tra i punti qualificanti, un vincolo alle regioni per destinare almeno il 5 per cento della spesa sanitaria annua per la promozione e lo sviluppo di attività di screening e di prevenzione e il graduale passaggio degli MMG alla dipendenza
di Francesco Torre
Il PD compatto chiede di salvare le USCA: «Prorogare personale sanitario almeno per tutto il 2022»
«Introdotte per fronteggiare l’emergenza le Unità speciali di continuità assistenziali (Usca) si sono non solo rivelate utilissime per garantire assistenza e vicinanza alle persone costrette al proprio domicilio, ma hanno anche colmato un vuoto nel sistema sanitario. Per questa ragione è auspicabile che vengano rinnovate e ne sia garantita la continuità di intervento. Il Dipartimento […]
Igienisti dentali, Di Marco (CDN): «PNRR occasione unica per assistiti con vulnerabilità sanitaria e sociale»
La presidente della Commissione d'Albo nazionale degli Igienisti Dentali Caterina Di Marco: «Una presenza maggiore nel SSN contribuirebbe a ridurre le spese terapeutiche sia per patologie odontoiatriche che sistemiche, come cardiopatie, diabete, parti pre-termine»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 maggio, sono 524.674.670 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.281.271 i decessi. Ad oggi, oltre 11,42 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...