Politica 22 Novembre 2017

EMA ad Amsterdam: Maroni: «Con appoggio della Spagna avremmo vinto». Lorenzin: «Delusione grandissima»

«Con l’appoggio della Spagna avremmo vinto». Lo ha sottolineato il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, parlando della partita per portare EMA, l’Agenzia europea del farmaco, a Milano. «A me hanno detto che la trattativa c’e’ stata ma alla fine il governo italiano ha detto di no e per ripicca, forse, la Spagna ha votato […]

«Con l’appoggio della Spagna avremmo vinto». Lo ha sottolineato il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, parlando della partita per portare EMA, l’Agenzia europea del farmaco, a Milano. «A me hanno detto che la trattativa c’e’ stata ma alla fine il governo italiano ha detto di no e per ripicca, forse, la Spagna ha votato di la’ – ha spiegato a margine di un convegno sul futuro della montagna lombarda -. Volevo capire quali sono state le richieste da parte della Spagna e quali sono state le ragioni per cui il governo italiano ha detto di no. Pero’ io non so quali siano le richieste. Aspetto di saperlo e poi valuteremo. Intanto dobbiamo prendere atto ed elaborare il lutto». Per stabilire il vincitore «dovevano fare i calci di rigore, non lanciare la monetina: cioe’ invitare Milano ed Amsterdam a Bruxelles, fare illustrare loro il dossier e poi decidere – ha continuato – . Ormai la monetina non c’e’ piu’ neanche nel torneo di calcetto del mio paese e c’e’ per l’assegnazione di Ema? Pazzesco, e’ un’Europa pazzesca». «Vorrei che il lavoro comune che si e’ fatto, questa grande intesa tra governo, Regione, Comune di Milano e mondo del privato possa continuare per ottenere altri risultati – ha concluso -. Questo e’ l’auspicio».

«E’ una delusione grandissima soprattutto per il sorteggio. Spero che nessun’altra agenzia venga mai più assegnata con un regolamento come questo e invece come aveva chiesto l’Italia su motivazioni tecniche e con scelte chiare ed evidenti a tutti. Devo dire che si può accettare di perdere una competizione ma certo per sorteggio è veramente incredibile». A dirlo è il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, in occasione della presentazione della rivista Farma Magazine. «Pensiamo alle cose positive – aggiunge – l’Italia in primo luogo ha dimostrato una grandissima credibilità e autorevolezza a livello internazionale delle nostre strutture sanitarie, della nostra struttura del pharma del nostro sistema industriale del servizio sanitario nazionale. In particolare Milano che ha fornito un dossier perfetto, era la città più competitiva di tutte, è arrivata prima con un largo distacco al primo turno e al secondo turno dopodiché con un sistema di votazione del genere le cose si sono complicate. Questo – rileva – ci deve far capire quanto è forte il nostro sistema, quanto uniti si riesce a fare per attrarre investimenti. Lo abbiamo fatto per Ema a Milano, spero che si possa fare squadra con il Patto per la città anche per Roma. Superare le casacche per far crescere il territorio. Proprio per questo nei prossimi giorni abbiamo in programma un incontro con il ministro Calenda e il sindaco Raggi. La salute e il sistema salute Italia e un brand del Made in Italy – conclude – esattamente quanto l’agrofood e la moda. Del valore di questo brand l’Italia ha preso consapevolezza nella competizione per Milano».

«Non ho parole e non riesco a capacitarmi di come una questione così importante possa essere decisa con una monetina», fa eco al Ministro anche Vittorio Contarina, Vicepresidente di Federfarma –. Visto che l’italia nei turni precedenti era arrivata sempre prima, non sarebbe stato più giusto usare questo tipo di parametro? Scegliere con il lancio di una monetina un progetto piuttosto che un altro, penso sia un atteggiamento molto approssimativo. Bisognava inserire più parametri e studiare meglio la situazione. Non lo dico solo perché abbiamo perso – conclude Contarina – ma perché se siamo arrivati sempre primi nei turni precedenti, un motivo c’era».

Articoli correlati
Obbligo vaccinale, Salvini chiede decreto per permettere ai bambini non vaccinati di restare a scuola. Grillo: «Sarà Parlamento a superare legge Lorenzin»
Il 10 marzo scadono i termini per presentare i documenti attestanti l’avvenuta vaccinazione. «Evitare traumi ai più piccoli», sottolinea il Ministro dell’Interno. Ma da Lungotevere Ripa fanno sapere che fino a che la legge non cambia, i bambini non vaccinati non potranno essere in aula
“Posti dunque esisti”, Contarina (Federfarma): «Social network cardine della nostra nuova comunicazione»
“Posti dunque esisti”. Vittorio Contarina, Vicepresidente di Federfarma (con delega alla comunicazione) e Presidente di Federfarma Roma spiega con questa frase la decisione del sindacato dei farmacisti di dare il via ad una nuova strategia comunicativa che ha, come punta di diamante, proprio i social network. «Se non sei presente anche sui social – spiega […]
di Cesare Buquicchio e Arnaldo Iodice
Federfarma e Federfarma Roma piangono la scomparsa di Osvaldo Moltedo
Federfarma Roma e Federfarma nazionale profondamente colpite dalla scomparsa “dell’amico e collega” Osvaldo Moltedo, Segretario Nazionale della federazione, nonché Presidente di Federfarma Lazio. Commosso il ricordo del presidente di Federfarma Roma, Vittorio Contarina. “Ho perso un amico – dice – un fratello, un punto di riferimento, un maestro. La farmacia italiana perde uno dei più grandi di […]
Ema, il governo presenta nuovo ricorso a Corte UE contro sede ad Amsterdam
Il direttore dell’Agenzia europea del farmaco Guido Rasi: «Il trasloco è un rompicapo, uno spreco di tempo, energie e risorse, che impedisce il corretto funzionamento dell’ente»
Furti e rapine in farmacia, Federfarma: “Situazione drammatica, ormai è un vero incubo”
“Siamo veramente esasperati e amareggiati. Non si può più andare avanti così. Viviamo in un incubo continuo con il terrore, ogni mattina, di tirare su la saracinesca della farmacia e trovarla vuota.  Anche stamattina sono stato svegliato dall’ennesima telefonata di una collega disperata perché vittima della banda del buco: della sua farmacia ha trovato solo […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Equivalenza titoli, TAR Lazio accoglie ricorso ANEP. L’avvocato Croce (Consulcesi & Partners): «Risultato apre strada anche alle altre figure»

Questo provvedimento impone l’avvio di iniziative dirette a far sì che si proceda all’individuazione dei criteri e delle modalità per il riconoscimento dell’equivalenza dei titoli conseguiti c...
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Salute

Ecco la verità sugli integratori: business o vera salute? Facciamo chiarezza con Alessandro Mugelli (Presidente Società Italiana Farmacologia)

Cosa c’è dietro al boom inarrestabile e miliardario degli integratori alimentari? «Con uno stile di vita corretto ed un’alimentazione varia e completa non c’è nessun motivo di usare integrato...