Politica 22 novembre 2017

EMA ad Amsterdam: Maroni: «Con appoggio della Spagna avremmo vinto». Lorenzin: «Delusione grandissima»

«Con l’appoggio della Spagna avremmo vinto». Lo ha sottolineato il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, parlando della partita per portare EMA, l’Agenzia europea del farmaco, a Milano. «A me hanno detto che la trattativa c’e’ stata ma alla fine il governo italiano ha detto di no e per ripicca, forse, la Spagna ha votato […]

«Con l’appoggio della Spagna avremmo vinto». Lo ha sottolineato il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, parlando della partita per portare EMA, l’Agenzia europea del farmaco, a Milano. «A me hanno detto che la trattativa c’e’ stata ma alla fine il governo italiano ha detto di no e per ripicca, forse, la Spagna ha votato di la’ – ha spiegato a margine di un convegno sul futuro della montagna lombarda -. Volevo capire quali sono state le richieste da parte della Spagna e quali sono state le ragioni per cui il governo italiano ha detto di no. Pero’ io non so quali siano le richieste. Aspetto di saperlo e poi valuteremo. Intanto dobbiamo prendere atto ed elaborare il lutto». Per stabilire il vincitore «dovevano fare i calci di rigore, non lanciare la monetina: cioe’ invitare Milano ed Amsterdam a Bruxelles, fare illustrare loro il dossier e poi decidere – ha continuato – . Ormai la monetina non c’e’ piu’ neanche nel torneo di calcetto del mio paese e c’e’ per l’assegnazione di Ema? Pazzesco, e’ un’Europa pazzesca». «Vorrei che il lavoro comune che si e’ fatto, questa grande intesa tra governo, Regione, Comune di Milano e mondo del privato possa continuare per ottenere altri risultati – ha concluso -. Questo e’ l’auspicio».

«E’ una delusione grandissima soprattutto per il sorteggio. Spero che nessun’altra agenzia venga mai più assegnata con un regolamento come questo e invece come aveva chiesto l’Italia su motivazioni tecniche e con scelte chiare ed evidenti a tutti. Devo dire che si può accettare di perdere una competizione ma certo per sorteggio è veramente incredibile». A dirlo è il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, in occasione della presentazione della rivista Farma Magazine. «Pensiamo alle cose positive – aggiunge – l’Italia in primo luogo ha dimostrato una grandissima credibilità e autorevolezza a livello internazionale delle nostre strutture sanitarie, della nostra struttura del pharma del nostro sistema industriale del servizio sanitario nazionale. In particolare Milano che ha fornito un dossier perfetto, era la città più competitiva di tutte, è arrivata prima con un largo distacco al primo turno e al secondo turno dopodiché con un sistema di votazione del genere le cose si sono complicate. Questo – rileva – ci deve far capire quanto è forte il nostro sistema, quanto uniti si riesce a fare per attrarre investimenti. Lo abbiamo fatto per Ema a Milano, spero che si possa fare squadra con il Patto per la città anche per Roma. Superare le casacche per far crescere il territorio. Proprio per questo nei prossimi giorni abbiamo in programma un incontro con il ministro Calenda e il sindaco Raggi. La salute e il sistema salute Italia e un brand del Made in Italy – conclude – esattamente quanto l’agrofood e la moda. Del valore di questo brand l’Italia ha preso consapevolezza nella competizione per Milano».

«Non ho parole e non riesco a capacitarmi di come una questione così importante possa essere decisa con una monetina», fa eco al Ministro anche Vittorio Contarina, Vicepresidente di Federfarma –. Visto che l’italia nei turni precedenti era arrivata sempre prima, non sarebbe stato più giusto usare questo tipo di parametro? Scegliere con il lancio di una monetina un progetto piuttosto che un altro, penso sia un atteggiamento molto approssimativo. Bisognava inserire più parametri e studiare meglio la situazione. Non lo dico solo perché abbiamo perso – conclude Contarina – ma perché se siamo arrivati sempre primi nei turni precedenti, un motivo c’era».

Articoli correlati
Ema, il governo presenta nuovo ricorso a Corte UE contro sede ad Amsterdam
Il direttore dell’Agenzia europea del farmaco Guido Rasi: «Il trasloco è un rompicapo, uno spreco di tempo, energie e risorse, che impedisce il corretto funzionamento dell’ente»
Furti e rapine in farmacia, Federfarma: “Situazione drammatica, ormai è un vero incubo”
“Siamo veramente esasperati e amareggiati. Non si può più andare avanti così. Viviamo in un incubo continuo con il terrore, ogni mattina, di tirare su la saracinesca della farmacia e trovarla vuota.  Anche stamattina sono stato svegliato dall’ennesima telefonata di una collega disperata perché vittima della banda del buco: della sua farmacia ha trovato solo […]
Ricerca biomedica e farmaci innovativi, Rasi (Ema): «Serve approccio olistico per nuove opzioni terapeutiche»
«In questo scenario, compito dell’EMA non sarà solo l’autorizzazione del farmaco ma anche la valutazione della credibilità di alcune sorgenti di informazioni in uno scenario nuovo e diverso dal passato» così Guido Rasi, direttore esecutivo dell'EMA
di Lucia Oggianu
Regno Unito, effetto Brexit sulla farmaceutica: Ema taglia fuori GB da contratti futuri
L’Agenzia europea del farmaco spiega di aver preso questa decisione perché non sa se la Gran Bretagna continuerà a lavorare con i Paesi Ue nel settore farmaceutico dopo il marzo 2019
Lorenzin, l’ultima intervista da Ministro (forse): «Situazione politica drammatica. Il mio futuro? Due cose sono certe…»
In occasione di “Farma & Friends”, la serata di beneficienza organizzata da Federfarma Roma, quella che con ogni probabilità è l’ultima uscita della Lorenzin in qualità di titolare del Dicastero alla Salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...