Sanità eccellente 15 Settembre 2022 09:52

Sanità eccellente

Un aneurisma gigante rimosso all’Ospedale Niguarda con l’uso di un esoscopio chirurgico in 3D

Una forte cefalea, la corsa all’ospedale e la scoperta di avere un aneurisma cerebrale di circa 4 cm a rischio rottura. Per Anna, nome di fantasia, una ragazza di 24 anni il futuro è in pericolo. I minuti scorrono veloci e per la giovane c’è una sola possibilità: un intervento che in pochi istituti sono in grado di fare. Tra questi l’Ospedale Niguarda di Milano dove la Neurochirurgia diretta dal professor Marco Cenzato è un centro di eccellenza. Un intervento complesso di sette ore permette di chiudere temporaneamente al carotide, escludere l’aneurisma e ricostruire il corretto flusso nei vasi cerebrali. Anna è salva grazie ad un team di specialisti e ad una strumentazione tecnologica di alto livello che viene utilizzata dal Neuro Center di Niguarda da circa due anni. L’esoscopio permette di visualizzare un campo operatorio di un centimetro su un monitor di 55 pollici senza perdita di risoluzione, mentre all’ingrandimento si associa una visione tridimensionale ottenuta grazie ad appositi occhiali.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...