5 minuti con 06 Settembre 2021 16:59

5 minuti con Fabio Massimo Abenavoli

Con la ritirata delle truppe Nato molte persone sono rimaste bloccate in Afghanistan. Parliamo di interpreti, giornalisti, medici e infermieri, studenti e professori, avvocati e magistrati. Nonostante tanti avessero i documenti in regola per espatriare, molti non sono riusciti a partire. Tra loro, un chirurgo cinquantenne che da dodici anni lavora con la ONG italiana Emergenza Sorrisi, operando i bambini affetti da malformazioni al volto e labbro leporino.

Il medico aveva il visto per l’Italia ma è stato bloccato all’aeroporto di Kabul con la famiglia. Ora vive nascosto e rischia ritorsioni da parte dei talebani. Della sua storia, della situazione in Afghanistan e delle soluzioni concrete da mettere in atto per chi deve espatriare, abbiamo parlato con Fabio Massimo Abenavoli, presidente di Emergenza Sorrisi Onlus.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre