OMCeO, Enti e Territori 6 luglio 2018

Veneto, allarme carenza medici. De Poli (Udc): «Servono più finanziamenti a Scuole di Medicina»

Studio Anaao certifica: mille medici ospedalieri in meno tra cinque anni in regione. Il Presidente dell’Udc: «Sanità pubblica va difesa puntando sulla formazione. Grillo agisca»

La carenza di medici è una problema che già coinvolge diverse realtà italiane e che in futuro rischia di diventare una vera e propria emergenza. Non fa eccezione il Veneto: secondo uno studio dell’Anaao Assomed tra 5 anni ci saranno mille medici ospedalieri in meno. Una emorragia che preoccupa istituzioni e politica. «La carenza di camici bianchi è uno dei temi che ho posto durante la campagna elettorale: al Governo e al ministro della Salute Grillo chiedo quale sia l’orientamento dell’Esecutivo su questo tema. La sanità pubblica va difesa puntando sulla formazione», spiega il presidente nazionale Udc Antonio De Poli che, commentando i risultati dello studio Anaao, aggiunge: «Servono maggiori finanziamenti alle Scuole di Medicina e rivedere la programmazione ministeriale dei posti nelle Scuole di specializzazione medica. Il problema non riguarda solo il Veneto e non solo la medicina ospedaliera: tra 5 anni in tutta Italia mancheranno 45.000 camici bianchi. Si calcola che 14 milioni di italiani rischiano di rimanere senza medici. Il 40 % dei medici andrà in pensione nei prossimi 10 anni, con il rischio della desertificazione delle corsie. Bisogna intervenire al più presto con misure strategiche di lungo periodo», conclude De Poli.

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, ANAAO: «35MILA SPECIALISTI VIA NEI PROSSIMI CINQUE ANNI». BIASCI (FIMP): «PEDIATRI A RISCHIO, SERVONO RISORSE E STRUTTURE»

Articoli correlati
Concorsi emergenza-urgenza senza specializzazione, Pugliese (Simeu): «Ok se soluzione tampone, ma con percorso formativo»
Il presidente della Società italiana della Medicina di Emergenza-urgenza sull’emendamento al Dl Semplificazione che prevede la partecipazione ai concorsi 2019 di chi ha lavorato per 4 anni, negli ultimi 10, nei servizi di emergenza: «Non risolve carenza di specialisti ma sana la posizione del singolo medico»
SSN, nel 2025 mancheranno 16.500 specialisti. L’allarme dell’Anaao: «È vera emergenza nazionale»
Tra i fattori della carenza di specialisti, secondo lo studio condotto dal sindacato, imbuto formativo, blocco del turnover ed emorragia di pensionamenti. A mancare, saranno soprattutto medici d'emergenza-urgenza, pediatri, internisti e anestesisti
Sciopero medici, la voce degli studenti: «Senza programmazione e finanziamenti il nostro futuro è drammatico»
Blocco del turnover, imbuto formativo e precarietà sono solo alcune delle ragioni che hanno spinto tanti studenti di medicina e specializzandi a supportare lo sciopero di venerdì scorso indetto dalla dirigenza medica e sanitaria: «Per noi studenti diventa sempre più complesso capire se avremo un futuro nell’ambito della sanità»
De Poli (Udc): «Stile vita sano è centrale per prevenire malattie croniche»
«In tema di sanità siamo purtroppo abituati a leggere tante fake news, nella Rete. È importante, al contrario, per stare bene in salute e avere uno stile di vita sano tenersi informati affidandosi a fonti credibili e autorevoli». Lo afferma il senatore Questore Antonio De Poli che, stamane, a Palazzo Madama, è intervenuto nel corso […]
Sciopero medici, c’è il supporto di Federspecializzandi. Guicciardi: «Ecco come possono aderire i medici in formazione»
Il presidente dell’Associazione nazionale dei medici in formazione specialistica a Sanità Informazione: «Gli specializzandi non godono del diritto di sciopero, ma possono richiedere un permesso per assenza giustificata o, al limite, ricorrere all’assenza ingiustificata. Fondamentale che strutturati in sciopero non facciano ricadere tutte le attività su specializzandi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano