Voci della Sanità 24 Settembre 2020

Ue, Regimenti (Lega): «Con nuovo Patto immigrazione rischio emergenza sanitaria in Europa»

«I centri di accoglienza di Lampedusa e Pozzallo, in particolare, che sono ormai inadeguati a ricevere ospiti in sicurezza sanitaria, sia per il rischio Covid sia per quello di contagio di malattie infettive diffusive, come tubercolosi, epatiti, scabbia» spiega l’eurodeputata della Lega

«La riforma del Patto europeo sull’immigrazione illustrata dalla presidente della Commissione Ursula von der Leyen rischia di creare in Europa un’emergenza sanitaria senza precedenti, oltre ad aumentare la confusione tra richiedenti asilo e chi, invece, migra per motivi economici e creare nuove tensioni sociali e religiose, minando la sicurezza interna dei singoli Paesi». È quanto dichiara l’eurodeputata della Lega Luisa Regimenti, in merito al Patto europeo su migrazioni e asilo presentato dalla Commissione europea, che prevede un nuovo sistema di gestione delle migrazioni.

Regimenti, portavoce del team di lavoro sul tema migrazioni costituito dal gruppo europeo Identità e Democrazia e responsabile del monitoring group Mashreq, boccia senza mezzi termini il piano dell’Ue su migranti e asilo, «che ha il solo risultato di assecondare ulteriormente gli sbarchi e le traversate, mettendo in serio pericolo gli stessi migranti, anche negli spostamenti via terra».

«Che la situazione sia esplosiva lo si vede ad esempio da quanto sta accadendo in Sicilia – sottolinea l’europarlamentare – con i centri di accoglienza di Lampedusa e Pozzallo, in particolare, che sono ormai inadeguati a ricevere ospiti in sicurezza sanitaria, sia per il rischio Covid sia per quello di contagio di malattie infettive diffusive, come tubercolosi, epatiti, scabbia. Impossibile, inoltre, gestire l’emergenza nel caso di insufficienza respiratoria e cardiocircolatoria, a causa della totale assenza di presidi salvavita. A tutto questo va aggiunta la quasi totale mancanza del rispetto per le norme della sicurezza dei lavoratori».

«L’Ue – aggiunge l’esponente del Carroccio – non ha ancora capito che la migrazione di massa deve trovare soluzioni adeguate intervenendo nei Paesi di origine, attraverso azioni diplomatiche mirate, aprendo a un confronto responsabile e a un dialogo concreto con chi, come la Turchia, persegue politiche molto differenti».

«Dobbiamo impegnarci per preservare il patrimonio europeo, le nostre tradizioni, il nostro sistema sanitario e di accoglienza – conclude Regimenti – non certo cedere a riforme fumose e poco equilibrate, che rischiano di aprire nel corpo di un’Europa troppo debole delle ferite destinate a rimanere aperte per molto tempo».

Articoli correlati
Emergenza Covid, Regimenti (Lega): «Situazione critica. Test e tamponi anche in farmacia e dal MMG»
«La situazione rischia di esplodere ed è figlia di una politica nazionale fatta di aridi Dpcm e non di misure a sostegno della cittadinanza» sottolinea l'eurodeputata della Lega
La Lega presenta un’interrogazione a Speranza su idrossiclorochina e plasma iperimmune
Le tre deputate della Lega Rossana Boldi, Elena Murelli e Laura Cavandoli portano la questione in Parlamento
Salute mentale, Regimenti (Lega): «Da Ue risorse e azioni mirate per combattere depressione e suicidi»
«Risultato ottenuto nel quadro dei lavori di negoziazione del Programma salute 2021-2027, di cui sono stata co-relatrice per il mio gruppo parlamentare 'Identità e Democrazia'» spiega l'eurodeputata della Lega Luisa Regimenti
Salute, Cavandoli (Lega): «Sostegno a Pandas-day, Stato riconosca malattia che colpisce bambini»
«Impegniamoci tutti perché lo Stato la riconosca e investa in ricerca e cure e soprattutto perché questi bambini non vengano trattati come malati psichiatrici, visto che la maggior parte dei pazienti migliora con un trattamento antibiotico» sottolinea la deputata della Lega Laura Cavandoli
Specializzandi, Toccalini (Lega): «Sbloccare subito graduatoria, Miur intervenga» 
Il coordinatore della Lega giovani chiede che il Miur faccia chiarezza dopo il rinvio della pubblicazione delle graduatorie degli specializzandi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 ottobre, sono 43.979.777 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.167.124 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 28 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...