OMCeO, Enti e Territori 11 Febbraio 2019

Top Employers Italia 2019: anche quest’anno Merck ottiene la prestigiosa certificazione

Merck, azienda leader in ambito scientifico e tecnologico, ha ricevuto anche quest’anno la prestigiosa certificazione Top Employers. L’ambito riconoscimento, rilasciato dal Top Employers Institute, vuole premiare le aziende che hanno dimostrato eccellenti condizioni di lavoro. Merck è stata premiata per la terza volta consecutiva. In particolare, il Top Employers Institute ha riconosciuto i risultati dell’azienda […]

Merck, azienda leader in ambito scientifico e tecnologico, ha ricevuto anche quest’anno la prestigiosa certificazione Top Employers.

L’ambito riconoscimento, rilasciato dal Top Employers Institute, vuole premiare le aziende che hanno dimostrato eccellenti condizioni di lavoro. Merck è stata premiata per la terza volta consecutiva. In particolare, il Top Employers Institute ha riconosciuto i risultati dell’azienda in termini di strategie mirate alla valorizzazione dei talenti, gestione della performance e piani di carriera e successione.

«Da diversi anni lavoriamo per far sì che la nostra azienda sia sempre più a misura di dipendente. È proprio in quest’ottica che abbiamo implementato lo “Smart Working”: un approccio al lavoro basato su flessibilità oraria, maggiore autonomia, responsabilizzazione sui risultati, collaborazione e in generale centralità nel proprio percorso di sviluppo» ha dichiarato Francesco Luchi, Country HR Head Merck Italia. “Senza dimenticare che lavorare Smart significa anche incentivare un corretto equilibrio tra lavoro e vita privata».

La survey internazionale annuale Top Employers riconosce i migliori datori di lavoro in tutto il mondo attraverso un rigoroso processo di valutazione, basato su una metodologia oggettiva, che prende in considerazione circa 600 best practice.

Sono state valutate oltre 1.500 aziende in 118 paesi, sulla base di una valutazione dettagliata dei processi e delle strutture delle risorse umane che si concentra su criteri quali Talent Strategy, Workforce Planning, On-boarding, Learning & Development, Performance Management, Leadership Development, Career & Succession Management, Compensation & Benefits and Culture.

«Per fare una reale differenza nella vita delle persone, e realizzare così la nostra mission, occorre una cultura aziendale rivolta al futuro e un ambiente di lavoro positivo e ingaggiante, che riconosca e valorizzi le capacità ed il contributo di tutti i dipendenti.  La certificazione Top Employers, della quale siamo estremamente orgogliosi, non è solo un riconoscimento a quello che abbiamo realizzato ma anche e soprattutto un incentivo a proseguire su questa strada» ha dichiarato Antonio Messina, a capo del business biofarmaceutico di Merck in Italia. 

 Non solo l’Italia. Merck è risultata anche tra le prime 20 Top Employers europee ed è stata certificata Top Employer Global 2019. Un privilegio, quest’ultimo, riservato solamente a 14 aziende in tutto il mondo, le quali sono state in grado di ottenere la certificazione Top Employers in 20-25 Paesi in 3-4 continenti.

«La nostra capacità di essere un Gruppo leader in ambito scientifico e tecnologico è la naturale conseguenza dell’avere un team altamente qualificato di persone motivate a scoprire nuove idee per un mondo migliore» ha dichiarato Belén Garijo, CEO Healthcare e responsabile HR all’interno dell’Executive Board di Merck. «Questo riconoscimento accrescerà ulteriormente la nostra capacità di portare a bordo i migliori talenti per sfidare continuamente lo status quo».

Articoli correlati
Sclerosi multipla, Giancarlo Comi (neurologo): «Disponibile il primo trattamento orale per la forma recidivante»
Ad annunciarlo è stata ieri la società farmaceutica Merck a Milano durante una conferenza che ha visto la partecipazione dei più autorevoli esponenti del mondo scientifico italiano
di Federica Bosco
Procreazione medicalmente assistita, Baldini (Pma Italia): «Educazione, informazione, preservazione e prevenzione: così si combatte calo demografico»
Il 20% delle coppie lamenta problemi di infertilità e sterilità; tra le cause, la mancanza di prevenzione ed educazione sui temi della fertilità. È nata, per questo, “La campagna del Cavolo” di Pma Italia (Procreazione Medicalmente Assistita)
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Dalla sanità alla formazione, la Blockchain si studia all’università e apre nuovi posti di lavoro. Scotti (Link Campus): «Primo master ad offrire competenze tecniche, presto laurea specifica»
Cresce la richiesta di esperti in questo settore. Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University: «Tutti noi, quando andiamo dal medico, vogliamo sapere che non solo ha fatto una serie di corsi, ma che la sua formazione nel day-by-day sia certificata – specifica il professor Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University -. Questo vale per tutte le professioni, ancora di più per quella medica»
Innovazione e sanità, la “Blockchain Island” è Malta. Charles Scerri: «Primo stato europeo a regolamentare settore»
Dalla medicina personalizzata alla formazione certificata: «Con la Blockchain, i crediti formativi sono accessibili, immutabili e immediatamente verificabili. La sanità diventa più efficiente ed è una garanzia per tutti: pazienti, medici e cittadini» l’intervista al dottore commercialista Charles Scerri
Ecco il guanto sensorizzato che insegna ad operare, valuta la funzionalità della mano e traduce la lingua dei segni
Sembra uscito da un film di supereroi, il guanto ‘sensorizzato’ inventato dal professor Giovanni Saggio dell’università Tor Vergata di Roma. A vederlo sembra un guanto comune, ma è l’unico in grado di misurare i movimenti della mano, valutando ogni singola articolazione delle dita. Può pilotare a distanza una mano robotica e controllare oggetti virtuali, può […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Equivalenza titoli, TAR Lazio accoglie ricorso ANEP. L’avvocato Croce (Consulcesi & Partners): «Risultato apre strada anche alle altre figure»

Questo provvedimento impone l’avvio di iniziative dirette a far sì che si proceda all’individuazione dei criteri e delle modalità per il riconoscimento dell’equivalenza dei titoli conseguiti c...
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Formazione

Il presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani: «Formazione obbligatoria ECM, l’Europa vigila e premia solo chi si aggiorna»

ESCLUSIVA | Il Presidente dell’Europarlamento, in visita a Roma al Gruppo Consulcesi, si è schierato al fianco dei medici che attendono la remunerazione della specializzazione: «Lo Stato deve semp...