Voci della Sanità 7 Maggio 2020

Specializzazioni, interrogazione Boldrini-Iori (Pd): «Urgente definire risorse per borse». Manai: «Obiettivo una borsa per laureato»

«In questi anni sono state stanziate risorse per far fronte a questa esigenza, ma mai in maniera esaustiva. Chiediamo di fare chiarezza sui fabbisogni», sottolineano le senatrici dem rivolgendosi ai ministri Speranza e Manfredi

Un’interrogazione ai ministri Speranza e Manfredi per capire quale sia il reale fabbisogno italiano in termini di contratti di specialità e come intendano garantire una pronta operatività dell’Osservatorio e di Agenas. L’iniziativa arriva dalle senatrici del Pd Paola Boldrini e Vanna Iori, rispettivamente capigruppo del Pd nelle commissioni Sanità e Istruzione, Università e Ricerca.

«L’emergenza del Covid-19 – scrivono in una nota – ha reso oggi ancora più lampante e drammatica la questione delle borse di specialità perché ci siamo accorti che il grosso problema del nostro Paese non è tanto la carenza di medici, quanto la carenza di medici specialisti anche in funzione dei nuovi fabbisogni correlati alla pandemia, con necessità diverse rispetto al pre Covid. La questione dei contratti di formazione specialistica dei medici ha da sempre caratterizzato, anche in maniera aspra, il dibattito tra politica e mondo della sanità. Ma oggi assume contorni diversi, con prese di posizione non più procrastinabili».

«In questi anni – proseguono le senatrici dem – sono state stanziate risorse per far fronte a questa esigenza, ma mai in maniera esaustiva. L’ultima legge di bilancio ha previsto un aumento considerevole di borse di specializzazione, anche se non sufficiente per abbattere l’imbuto formativo, e ha stanziato fondi per l’istituzione di una tecnostruttura che supporti le attività dell’Osservatorio nazionale e degli Osservatori regionali per la formazione specialistica, nonché risorse da destinare ad Agenas per la definizione del fabbisogno di medici e professionisti sanitari. C’è solo un problema: l’Osservatorio è scaduto più di un anno fa e non è ancora stato rinnovato e Agenas, con il cosiddetto decreto ‘liquidità’, è stata commissariata. È evidente che in queste condizioni, se mancano alcuni presupposti basilari, diventa difficile analizzare il bisogno di salute dei cittadini. Proprio per evitare di nuovo l’emergenza e per irrobustire il SSN con l’innesto di nuove risorse specializzate chiediamo ai ministri di fare chiarezza sui reali fabbisogni di risorse».

Plaude all’iniziativa Stefano Manai, Responsabile nazionale formazione medica del PD: «Sono molto soddisfatto dell’interrogazione parlamentare presentata dalle Senatrici Boldrini e Iori, come sempre sottolineo che solo attraverso una buona formazione e programmazione possiamo avere un SSN forte e di qualità. Questa pandemia ci ha dato la conferma di ciò che sempre sottolineiamo: mancano medici specialisti. Come responsabile formazione medica del PD ed insieme ai ragazzi del forum sanità GD, abbiamo sottolineato al Ministro Manfredi l’esigenza di aumentare il numero di borse e la capacità dell’attuale rete formativa. Il Ministro ha preso molto a cuore il problema e siamo sicuri che stia garantendo il massimo impegno per accogliere le nostre richieste. Il nostro obiettivo è arrivare ad avere una borsa di specializzazione per ogni singolo laureato garantendo a tutti di concludere il percorso formativo».

Articoli correlati
Sanità, l’appello di Manai (Formazione Pd): «Usare soldi del MES per ricerca, borse di formazione e potenziamento territorio»
Secondo il responsabile Nazionale della Formazione Medico Sanitaria del PD Coordinatore Forum Sanità GD «occorre, come dice il Segretario Pd Zingaretti, una campagna che mostri ai cittadini gli aspetti positivi dell'utilizzo di questi fondi»
Covid-19, Regimenti (Lega): «Plasma iperimmune, Ue lanci appello e raccolta fondi per sostegno terapia»
«Vogliamo conoscere la posizione ufficiale della Commissione sulla terapia al plasma iperimmune, ottenuto dal sangue dei guariti su pazienti affetti da forme molto gravi di coronavirus» si legge nella missiva inviata dall'eurodeputata Luisa Regimenti al Commissario Ue alla Salute Stella Kyriakides
UGL Sanità ricevuta al Ministero della Salute: «Detassare al 10% emolumenti 2020 degli operatori sanitari in prima linea contro Covid»
Tra le richieste della delegazione UGL Sanità anche quella di puntare sullo sblocco del turn over, contrastare le privatizzazioni, bloccare il costante ricorso alle esternalizzazioni
Toscana, il presidente Rossi incontra gli specializzandi e garantisce numero massimo di borse
«Oggi abbiamo avuto una riunione in regione insieme al presidente della regione Toscana Enrico Rossi e alle associazioni di rappresentanza degli specializzandi. Con questo incontro, considerando quello avvenuto la scorsa settimana, il Presidente ha avuto modo di incontrare tutte le associazioni degli specializzandi». Così in una nota Stefano Manai, Responsabile nazionale della formazione medico sanitaria […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 luglio, sono 11.451.030 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 534.320 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...