Voci della Sanità 25 Febbraio 2019 15:44

Ipoacusia, Nonno Ascoltami! – Udito Italia Onlus si prepara alla IV edizione della giornata dell’udito

Recependo l’esortazione dell’OMS, “Nonno Ascoltami! – Udito Italia Onlus” organizza per il quarto anno consecutivo, la Giornata dell’Udito venerdì 1 marzo 2019 al Ministero della Salute di viale Giorgio Ribotta a Roma

L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) lancia l’allarme: il 50% delle persone di età compresa tra i 12 e i 35 anni, ovvero oltre un miliardo di giovani, rischia danni all’udito a causa della prolungata esposizione a suoni forti, compresa la musica ascoltata in cuffia. Per questo, in occasione del World Hearing Day che l’OMS celebra in tutto il mondo ogni 3 marzo, l’attenzione quest’anno è concentrata sul tema della prevenzione e della diagnosi precoce dei disturbi uditivi, grazie al messaggio: Check your hearing.

Recependo l’esortazione dell’OMS, “Nonno Ascoltami! – Udito Italia Onlus” organizza per il quarto anno consecutivo, la Giornata dell’Udito venerdì 1 marzo 2019 al Ministero della Salute di via Giorgio Ribotta a Roma.

Un importante momento di studio con i maggiori esperti del settore, che si confrontano sulle gravi patologie del nostro orecchio, per mettere a punto strategie di sensibilizzazione e prevenzione.

L’incontro sarà moderato dal giornalista del TG5 Salute, Luciano Onder, che già da anni affianca le attività della Onlus, spiegando l’importanza della prevenzione e di azioni mirate e tempestive contro l’ipoacusia.

Tutto il mondo dell’udito (l’OMS, le istituzioni politiche, le società scientifiche di Otorinolaringoiatria, le associazioni di pazienti, il mondo della scuola) saranno presenti, per portare il proprio contributo e per elaborare progetti condivisi.

I lavori saranno aperti dai saluti istituzionali dei rappresentanti del Ministero della Salute, del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e dall’intervento dell’OMS sul tema del World Hearing Day 2019: “Check your Hearing”.

Durante la giornata, sarà consegnato il riconoscimento di “Ambasciatore della Prevenzione 2019” al noto attore Antonello Fassari, che grazie alla sua sensibilità, contribuirà a diffondere il messaggio di prevenzione di “Nonno Ascoltami!”. L’impegno di Fassari si aggiunge a quello di Lino Banfi e Bruno Vespa, già ambasciatori delle campagne della onlus.

A seguire, saranno presentate tutte le iniziative di prevenzione dei disturbi uditivi: tra tutte, la campagna “L’Ospedale in Piazza” che quest’anno taglia l’importante traguardo delle dieci edizioni, con oltre 40 città coinvolte in tutta Italia e circa 10.000 persone che hanno eseguito screening uditivi.

Nel corso della giornata sarà inoltre sottoscritto il MANIFESTO DELLA PREVENZIONE, promosso dall’OMS. Il documento sarà poi consegnato a Ginevra, nella sede dell’Organizzazione.

I DATI DELL’OMS

Secondo gli esperti, oltre il 5% della popolazione mondiale – circa 466 milioni di persone – ha una riduzione dell’udito che incide sulla qualità della vita e si stima che entro il 2050 oltre 900 milioni di persone (ovvero 1 su 10) avrà una perdita uditiva disabilitante. La metà di tutti i casi di ipoacusia può però essere prevenuta, attraverso misure di sanità pubblica.

«È per questo – spiega Valentina Faricelli, presidente di “Nonno Ascoltami! – Udito Italia Onlus” – che da oltre dieci anni siamo impegnati in campagne di informazione, educazione e responsabilizzazione dei cittadini per diffondere l’importanza della prevenzione dei disturbi uditivi, avvicinando la sanità alla gente».

«Quest’anno raggiungeremo – ha aggiunto il fondatore della Onlus, Mauro Menzietti – l’importante traguardo della decima edizione della nostra campagna di prevenzione in piazza, che ha ottenuto anche il prestigioso riconoscimento della Medaglia della Presidenza della Repubblica». Durante la mattinata, inoltre, in concomitanza con lo svolgimento dell’evento, il professor Gaetano Paludetti, Direttore del Dipartimento di Scienze Chirurgiche della testa e del collo (Policlinico Universitario “A. Gemelli”, Roma) insieme alla sua equipe, effettuerà controlli gratuiti dell’udito ai dipendenti del Ministero della Salute.

L’IPOACUSIA IN ITALIA

In Italia sono 7 milioni le persone con problemi di udito, corrispondenti all’11,7% della popolazione. Nel nostro Paese l’ipoacusia riguarda una persona su tre (tra gli over 65). Solo il 31% della popolazione ha effettuato un controllo dell’udito negli ultimi 5 anni, mentre il 54% non l’ha mai fatto. Solo il 25% di coloro che potrebbero averne beneficio usa l’apparecchio acustico, nonostante l’87% di chi ne fa uso, dichiari migliorata la propria qualità di vita.

Articoli correlati
Ortottica, 7 giugno è Giornata Mondiale. Intruglio (Comm. Albo): «Campagne di screening siano uniformi in tutta Italia»
Dal 2013 si celebra una ricorrenza che punta l’attenzione su questa professione che in Italia conta 3004 iscritti alla FNO TSRM PSTRP, la maggior parte in regime di libera professione o dipendenti di studi privati. Sono 19 i corsi di laurea attivi
Prevenzione, Garattini: «50% malattie croniche e 70% tumori evitabili con corretti stili di vita»
«Prevenzione sia nuova rivoluzione culturale in medicina. La possibilità di avere un buon invecchiamento è nelle nostre mani». Così il professore Silvio Garattini presentando il suo nuovo libro
Giornata per la prevenzione cardiovascolare, malattie cardiache prima causa di morte e ospedalizzazione
La Società Italiana per la Prevenzione Cardiovascolare (SIPREC) lancia, per il 13 maggio 2021, un’iniziativa nazionale volta a diffondere la consapevolezza dell’importanza e dell’incidenza di queste patologie e, soprattutto, la possibilità di prevenirle
di Isabella Faggiano
Associazioni precostituite, Centola (cardiologo): «Presidio terapeutico fondamentale per noi clinici»
Le associazioni precostituite di farmaci sono ben tollerate dai pazienti e migliorano l’aderenza terapeutica perché in una sola compressa vengono assunti due principi farmacologici
Donne, Fials: «Salute femminile la più penalizzata da rinuncia cure. Riavviare percorsi di prevenzione dedicati»
In occasione della Giornata della salute della donna, iniziativa promossa dal ministero della Salute per parlare di prevenzione e assistenza al femminile, celebriamo un bene ancora più prezioso e da tenere in conto dopo 14 mesi di pandemia. Proprio in un momento così particolare, le donne sono le vere protagoniste dell’emergenza, essendo la maggioranza della […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 settembre, sono 230.619.562 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.729.061 i decessi. Ad oggi, oltre 6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco