Voci della Sanità 11 Marzo 2021 11:50

Giornata mondiale del rene: con il dietista la cura è sul piatto

Il Dietista è una parte essenziale del percorso, in quanto aiuta il paziente a riprendere possesso di un aspetto centrale della propria vita: l’alimentazione

Vivere bene con una malattia renale” è il tema della Giornata mondiale del rene, che quest’anno cade l’11 marzo. Un motto che rileva l’importanza, per la persona affetta da patologia renale, di non rinunciare una qualità di vita elevata e al mantenimento di un senso di normalità, partecipando attivamente alle cure. Il Dietista è una parte essenziale del percorso, in quanto aiuta il paziente a riprendere possesso di un aspetto centrale della propria vita: l’alimentazione.

La Commissione d’Albo Dietisti dell’Ordine TSRM e PSTRP di Milano e province, che terrà un webinar riservato agli iscritti dal titolo: “Terapia nutrizionale nell’insufficienza renale cronica: tra presente e futuro” proprio in occasione della Giornata mondiale, sottolinea le competenze di questo Professionista Sanitario nel trattamento delle patologie renali. «Il Dietista, infatti – si legge in una nota – svolge un ruolo di primo piano sia sul versante della prevenzione, in quanto indica la strada migliore per un’alimentazione bilanciata adattandola al contesto di vita, sia sul versante della cura, grazie all’impostazione di una terapia nutrizionale su misura».

«Il professionista di riferimento è nello specifico il Dietista renale, che coopera con il nefrologo per realizzare gli interventi nutrizionali più efficaci e sicuri per il paziente. Lavorando in stretta collaborazione con l’équipe medico-sanitaria – prosegue – all’interno di reparti ospedalieri e/o ambulatori specialistici, il Dietista renale si occupa di attività diverse in base allo stadio della malattia: contrastare la malnutrizione valutando riduzioni o sostituzioni proteiche, indicare modalità per il controllo idrico, ridurre o prevedere uno stretto controllo dei sali minerali, mantenere l’equilibrio dietetico per limitare o evitare alterazioni metaboliche, educare alla scelta di cibi e bevande adeguati allo stato di salute e monitorare il quadro clinico attraverso follow-up periodici».

«Forse il compito più delicato per il Dietista – continua – è armonizzare le esigenze nutrizionali della persona al suo stile di vita (lavoro, famiglia, socialità). Un adattamento che richiede la capacità di trasformare le indicazioni mediche in ricette facili da realizzare e gradevoli al palato, mostrando professionalità ed esperienza, ma anche empatia, per entrare in sintonia con l’altro e comprendere al meglio i suoi bisogni».

«L’efficacia della terapia nutrizionale trova supporto nella letteratura scientifica e nel confronto con le altre realtà europee, dove il Dietista renale è una figura riconosciuta e integrata nell’équipe medico-sanitaria. Un ruolo tutto da valorizzare perché la persona affetta da malattia renale possa davvero ritrovare il piacere di “vivere bene”, a partire dalla tavola».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nutrinform vs Nutriscore, l’Europa alla guerra delle etichette. Ecco il sistema italiano che riabilita la dieta mediterranea
Entro il 2022 la Commissione UE adotterà un sistema di etichettatura alimentare per informare i consumatori. Ben 269 scienziati si sono pronunciati in favore del Nutriscore francese che però penalizza i prodotti made in Italy. Silano (ISS): «Il nostro sistema è capace di stimolare il consumatore a informarsi di più, ecco perché»
Tumori cutanei e malattie infiammatorie della pelle: l’alimentazione a supporto del percorso di cura
In Emilia-Romagna la tappa del progetto ‘Immunoterapia e Nutrizione’. Mangiare meglio può incidere sulla risposta alle terapie
Ambra Angiolini testimonial in Regione Lombardia della legge per la prevenzione e la cura dei disturbi alimentari
L’attrice realizzerà con le ragazze del centro pilota regionale degli Spedali Civili di Brescia un laboratorio teatrale «per raccontare e far comprendere come si combatte il cancro dell’anima»
di Federica Bosco
Covid e alimentazione, come è cambiato il rapporto con il cibo durante la pandemia
Più cibo confezionato e junk food, come abbiamo cambiato la nostra alimentazione con l'avvento del Covid? I rischi dell'emotional eating e i consigli dell'Iss per mantenere una vita sana
Emotional eating per combattere lo stress da Covid: esploso il numero di mangiatori compulsivi
L’esperto: «Già nel mese di maggio l’Iss aveva stimato un aumento del 30% dei disturbi del comportamento alimentare come conseguenza diretta del lockdown. Nei mesi successivi, nonostante l’allentamento delle restrizioni, le richieste di assistenza nei centri di cura specializzati sono aumentate in modo esponenziale e continueranno a crescere»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...