OMCeO, Enti e Territori 7 settembre 2018

Foad Aodi e Pierpaolo Sileri per il Manifesto Buona Sanità Internazionale

L‘Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), il Movimento Uniti per Unire e la Confederazione Internazionale Unione Medica Euro-Mediterranea (UMEM) hanno incontrato Pierpaolo Sileri, senatore del Movimento 5 Stelle e presidente della Commissione Igiene e Sanità. Al centro dell’ incontro la presentazione e la discussione del progetto la “Buona Sanità Internazionale”, un’iniziativa che tende a […]

L‘Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), il Movimento Uniti per Unire e la Confederazione Internazionale Unione Medica Euro-Mediterranea (UMEM) hanno incontrato Pierpaolo Sileri, senatore del Movimento 5 Stelle e presidente della Commissione Igiene e Sanità.

Al centro dell’ incontro la presentazione e la discussione del progetto la “Buona Sanità Internazionale”, un’iniziativa che tende a “tutelare il diritto universale alla salute e promuovere campagne di prevenzione e sensibilizzazione sulle patologie emergenti per incentivare l’aggiornamento professionale, gemellaggi universitari e una collaborazione sul fronte della ricerca e dell’aggiornamento professionale”.

E ancora: gli altri punti focali del Manifesto sono: risolvere la questione dei concorsi per i professionisti della sanità di origine straniera con la deroga di poter sostenere i conper chi ha esercitato regolarmente in italia per 5 anni vista la carenza dei medici e degli infermieri in Italia; programmare i posti presso le facoltà di medicina e delle scuole di specializzazione in base ai fabbisogni del mercato di oggi e della carenza dei medici che e’ in aumento sia a livello italiano che europeo; combattere le discriminazioni e le aggressioni contro i professionisti della sanità in Italia, intervenire sulla fuga dei cervelli e dei giovani laureati all’estero promuovendo di più il loro ingresso nel mercato del lavoro compensando il numero alto dei medici che vanno in pensione.

Manifesto Buona Sanita’

“Sì a gemellaggi universitari – ha commentato il senatore Sileri -, sì a una collaborazione sul fronte della ricerca e dell’aggiornamento professionale. In un mondo globalizzato, in continuo cambiamento, anche la sanità deve fare la sua parte. È fondamentale combattere le aggressioni contro i medici nei pronto soccorso, colmare le lacune sulla mancanza dei medici ed eliminare qualsiasi discriminazione nel mondo sanitario, allargare gli orizzonti per offrire ai cittadini professionisti migliori sul campo puntando solo alla meritocrazia”.

Il Fondatore dell’Amsi e del Movimento Uniti per Unire, Professor Foad Aodi  – nonché consigliere dell’OMCEO Roma –  ha illustrato e discusso il Manifesto la “Buona Sanita’ internazionale” con il Presidente Sileri apprezzando la sua grande disponibilità ad ascoltare e approfondire i punti proposti nel manifesto dall’Amsi, Uniti per Unire, UMEM insieme all’Ong Emergenza Sorrisi e le Comunita’ del mondo arabo in Italia e tutte le comunita’ ed associazioni italiane e di origine straniera aderenti al Movimento Uniti per Unire.

E’ un momento molto delicato per il SSN e per l’esercizio della professione dei medici, infermieri, fisioterapisti, farmacisti, odontoiatri e gli altri professionisti della sanità a causa della grave mancanza di medici ed infermieri, per le continue aggressioni contro i professionisti della sanità, l’aumento del costo della medicina difensiva, le cure fai di te e l’allarmismo che si crea sulla salute dei cittadini di origine straniera e dei migranti” ha commentato il professor Aodi.

“L’Amsi – ha aggiunto il professor Aodi – nei primi 8 mesi dell’anno ha ricevuto più di 200 richieste di medici e professionisti della sanità di origine straniera per poter esercitare presso le strutture sanitarie pubbliche e private e tali richieste sono in continua crescita. Ci preoccupa molto anche perché le domande da parte dei medici italiani giovani sono altrettanto in crescita all’Amsi per poter esercitare all’estero. Bisogna lavorare in questo senso per rendere la professione medica sempre più internazionale” ha concluso.

Articoli correlati
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per fondo solo 1 mld in più. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno»
Il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Serve programmazione più lunga, non è pensabile esaurire programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
Giornata della Salute Mentale, Ministro Grillo al Museo della Mente: «Serve cambiamento culturale per accettare malattia»
Una visita al Museo della Mente dell’ASL Roma 1 (ex manicomio di S. Maria delle Pietà) per celebrare la Giornata mondiale della salute mentale promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per il 10 ottobre. Protagonista il ministro della Salute Giulia Grillo. «Nella Giornata mondiale dedicata alla salute mentale – ha detto Grillo – ho voluto visitare […]
Carenza medici, l’assessore Arru (Sardegna): «Con quota cento rischio boom di pensionamenti. Aumentare borse di studio per MMG»
Il titolare della Sanità sarda difende la riforma della rete ospedaliera regionale: «Problema non è la carenza di servizi, ma un eccesso di servizi mal distribuiti che molto spesso non raggiungono i volumi indicati e suggeriti dal Piano nazionale esiti». Poi rilancia la medicina multiprofessionale per affrontare cronicità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...