Voci della Sanità 12 Giugno 2020

Fassid scrive al governo: «Avviare la trattativa per il “nuovo contratto” scaduto da 18 mesi»

L’appello di Fassid per la Fase 3: «Abbiamo forze straordinarie ma anche uno straordinario bisogno di ordinario. E niente di più ordinario c’è della ripresa della attività contrattuale»

Fassid scrive al governo e indirizza la sua lettera al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al presidenza della Conferenza Regioni, Stefano Bonaccini, con i ministri Roberto Speranza, Roberto Gualtieri e Fabiana Dadone. «In questi giorni di Fase 3  – si legge in un comunicato – si svolgono incontri e discussioni mentre l’attività normativa si sussegue senza interruzione, in una proficua operosità tesa a superare lo stato di emergenza e stimolare la ripresa del Paese».

«Di tutto ciò diamo volentieri atto – prosegue –  rimanendo a disposizione per tutti i contributi professionali e sindacali che potessero essere utili. A questo proposito ci preme sottolineare che, assieme ai provvedimenti emergenziali e straordinari, sarebbe significativo avviare la trattativa per il nuovo contratto scaduto da ben 18 mesi, sia sotto il profilo del segnale che come riconoscimento di attenzione reale e continua nel tempo per chi ha garantito la tenuta del Ssn».

LEGGI ANCHE MAZZONI (FASSID): «E ORA SI RISTABILISCANO LE REGOLE»

«L’impegno di risorse richiesto – è l’accusa di Fassid – riteniamo sia persino inferiore a tutti i riconoscimenti straordinari programmati e consentirebbe di perfezionare e migliorare le innovazioni messe in atto con il contratto precedente. Abbiamo forze straordinarie ma anche uno straordinario bisogno di ordinario. E niente di più ordinario c’è della ripresa della attività contrattuale. Proprio a dimostrazione della presenza e della continuità dell’azione delle istituzioni. Non sembri anacronistica ed intempestiva la nostra richiesta. Considerando che tra la preparazione e l’emanazione dell’atto di indirizzo da parte delle regioni, l’avvio della trattativa e la firma finale sono passati nell’ultima tornata più di due anni, non c’è niente che abbia più prospettive per il futuro della normalità».

La lettera è firmata da Maurzo Mazzoni, coordinatore Fassid e segretario naizonale Simet; Alessandra di Tullo, segretario nazionale Aipac; Mario Sellini, segretario nazionale Aupi e Roberta Di Turi, segretario nazionale Sinafo.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Sanità privata, contratto firmato: per 100mila lavoratori +154 euro al mese
Il contratto, relativo al triennio 2016-2018, su fronte salariale stabilisce un incremento del 4,21% e un’una tantum di mille euro per tutti i lavoratori
Fassid: «Abbiamo uno straordinario bisogno di normalità»
Fassid chiede nuovamente di riportare l'attenzione sul rinnovo del CCNL dei dirigenti medici e sanitari
Contratti sanità privata: Cgil Cisl e Uil proclamano sciopero il 16 settembre
Continua la mobilitazione contro Aris e Aiop per il mancato rinnovo dei contratti della sanità privata. Il 31 agosto appuntamento con presidi e assemblee presso le sedi Aris e Aiop in tutti i territori. I sindacati: «Un passo indietro, vile e vergognoso»
Rinnovo contratto sanità privata, botta e risposta tra Confindustria e sindacati
Stirpe: «I sindacati non rispettano i patti». Cgil, Cisl e Uil: «Chi non rispetta i patti è Aiop, la federazione di riferimento di Confindustria. Proclamiamo lo sciopero di settore»
Lo sfogo di un’infermiera del San Raffaele di Milano: «Dopo il Covid, a causa del nuovo contratto, non possiamo nemmeno andare in ferie»
«Lavoriamo in condizioni disumane, e come regalo addio a permessi retribuiti e scatti»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli