Voci della Sanità 14 Maggio 2020

Dl Rilancio, Marinello (M5S): «Finalmente arriva infermiere di famiglia»

Il Senatore Cinque Stelle Gaspare Marinello è il promotore di un ddl per l’inserimento della figura dell’infermiere di famiglia nel SSN: «Proprio l’emergenza da Covid19 ha messo in luce, ancora più chiaramente, l’importanza che riveste nel Servizio sanitario nazionale la medicina territoriale»

«Grazie al Decreto Rilancio arriva un importantissimo riconoscimento per la medicina territoriale e quindi per la figura dell’infermiere di famiglia. Sono previste, infatti, 9.600 assunzioni di infermieri e la creazione, appunto, dell’infermiere di famiglia o di prossimità». Lo scrive, in un post su Facebook, il senatore del MoVimento 5 Stelle Gaspare Marinello, componente della Commissione Igiene e Sanità.

«Proprio l’emergenza da Covid19 – spiega – ha messo in luce, ancora più chiaramente, l’importanza che riveste nel Servizio sanitario nazionale la medicina territoriale: le misure di distanziamento sociale e di isolamento domiciliare hanno determinato e continueranno a determinare la necessità di implementare e indirizzare le azioni terapeutiche e assistenziali sempre più a livello domiciliare, per decongestionare le strutture ospedaliere e favorirne un deflusso monitorato. Il concetto di attività ospedale-centrica che c’è stata fino a prima dell’emergenza da Covid-19 deve cambiare, è giunto il momento di cambiare questo paradigma a favore dell’assistenza domiciliare».

Ricordo, conclude, «che proprio sull’istituzione dell’infermiere di famiglia ho presentato un ddl, in discussione in Commissione Igiene e Sanità del Senato, che prevede l’inserimento di una nuova figura all’interno del nostro sistema sanitario nazionale: il responsabile delle cure domiciliari. Una figura che va ad unirsi al medico di famiglia e al pediatra, il primo avamposto del Snn per fare in modo che molti pazienti possano esser gestiti a domicilio dal medico curante e dall’infermiere di famiglia senza la necessità di rivolgersi in ospedale, anche con l’ausilio della telemedicina (SpO2 periferica, Ecg/frequenza cardiaca). Un modo per razionalizzare l’uso dei posti letto negli ospedali da impiegare soltanto per quei pazienti che non possono essere curati a casa».

Articoli correlati
Fisici medici, Stasi (AIFM): «Bene Dl Rilancio ma vera parità solo con contratti anche per gli specializzandi non medici»
Nel Dl Rilancio estesa la possibilità di accedere ai concorsi per la dirigenza sanitaria a partire dal penultimo anno di specializzazione anche per gli specializzandi non medici. Sulla carenza di personale il presidente Stasi: «Ci mancano circa 280-300 fisici medici, cioè il 27-30%»
Dl Rilancio, Bologna (Misto): «Avviato percorso per uscire da crisi con SSN più efficiente»
«È stato approvato anche un mio ordine del giorno con cui si impegna il governo a valutare l’opportunità di formulare linee di indirizzo sui requisiti strutturali, sul sistema di finanziamento e sull’offerta di servizi delle Rsa» sottolinea Fabiola Bologna del Gruppo Misto
Giovani professionisti esclusi da Dl Rilancio, l’8 luglio in piazza anche gli Assistenti Sociali
La protesta in piazza Montecitorio mercoledì 8 luglio, ore 15: chiedono di non essere discriminati nel riconoscimento di misure di sostegno economico alle imprese in difficoltà
Cgil, Cisl e Uil Fp: «Sì a potenziare Ssn con infermiere di famiglia e comunità»
Dai sindacati l'invito a chiarire come funzionerà l'inserimento dell'Ifc e a valorizzare tutte le figure professionali coinvolte nelle attività territoriali
Decreto Rilancio, FNOPO: «Buon inizio, ma occorre fare di più»
«Gli emendamenti al Decreto Rilancio, approvati dalla Commissione Bilancio della Camera, rappresentano un buon inizio per sanare le troppe discriminazioni operate dalla politica in era Covid-19 in tutti i provvedimenti finora adottati, e in via di adozione come il Decreto Rilancio, a danno della categoria Ostetrica, al pari di altre professioni sanitarie e sociosanitarie», commentano […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 14 luglio, sono 13.106.569 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 573.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 13 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»