Mondo 18 ottobre 2018

Sanità, al via Congresso annuale ESMO: «Da melanoma a glioblastoma, immunoterapia grande speranza»

Gli specialisti dell’Istituto Oncologico Veneto saranno tra i protagonisti del Congresso annuale dell’European Society of Medical Oncology (ESMO) che si apre a Monaco di Baviera dal 19 al 23 ottobre. Nell’edizione 2018 del Congresso sarà l’immunoterapia la prospettiva terapeutica a dettare la linea delle sessioni più importanti

Neoplasie mammarie, tumori cerebrali, melanoma, tumori del polmone e della vescica: su questi temi gli specialisti dello IOV-IRCCS saranno tra i protagonisti del Congresso annuale dell’European Society of Medical Oncology (ESMO) che si apre a Monaco di Baviera dal 19 al 23 ottobre. Nell’edizione 2018 del Congresso, a pochi giorni dal premio Nobel assegnato all’americano James P. Allison e al giapponese TasukuHonjo, iniziatori e protagonisti dello sviluppo straordinario dell’immunoterapia, sara’ proprio quest’ultima prospettiva terapeutica a dettare la linea delle sessioni piu’ importanti dell’evento ed il melanoma e’ nei fatti l’ambito in cui la stessa ha offerto le migliori performance sia in termini di remissione che in termini di overall survival.

Sul melanoma lo IOV-IRCCS ha un posizionamento di cura e ricerca di sicuro prestigio, partecipando negli anni ai piu’ importanti trials internazionali e producendo alcuni mesi fa la più importante meta-analisi mondiale sulle terapie a disposizione di pazienti e clinici. Per l’ESMO Vanna Chiarion Sileni (Responsabile struttura oncologica del melanoma, IOV-IRCCS) ha firmato alcuni degli studi importanti di settore tra quelli che verranno presentati a Monaco. C’e’ quindi la presenza IOV in studi internazionali sul melanoma avanzato (“Initial results from a phase 3b/4 study evaluating two dosingregimens of nivolumab (NIVO) in combination with ipilimumab (IPI) in patients with advanced melanoma – CheckMate 511”) che ha Jacopo Pigozzo (specialista melanoma, IOV-IRCCS) come principal investigator; e sul melanoma mutato nello studio COMBI-AD, un trial randomizzato che ha coinvolto circa 170 centri, tra cui lo IOV, in cui sono stati arruolati 870 pazienti con melanoma in stadio III e con BRAF mutato (“Updated relapse-free survival (RFS) and biomarker analysis in the COMBI-AD trial of adjuvantdabrafenib + trametinib (D + T) in patients (pts) with resected BRAF V600-mutant stage III melanoma.

Sempre nell’ambito delle immunoterapie, la presenza degli oncologi IOV-IRCCS all’ESMO registra la partecipazione di Umberto Basso (Responsabile neoplasie genito-urinarie, Oncologia Medica 1) e Marco Maruzzo (specialistadistretto genito-urinario, Oncologia Medica 1) in uno studio suitumori uroteliali metastatici trattati con nivolumab da solo oppure in combinazione con ipilimumab (“Nivolumab Alone or inCombination With Ipilimumab in Patients With Platinum-PretreatedMetastatic Urothelial Carcinoma, Including the Nivolumab 1 mg/kg+ Ipilimumab 3 mg/kg Expansion From CheckMate 032”, 20 ottobre).

Sulle neoplasie cerebrali Giuseppe Lombardi (specialista tumori cerebrali, Onologia Medica 1) presenterà due ricerche, una sul glioblastoma, nella quale verrà presentato un inedito Comprehensive Geriatric Assessment per valutare il paziente anziano attraverso un assessment geriatrico multidimensionale che garantisca il migliore trattamento ai soggetti con glioblastoma (“Comprehensive Geriatric Assessment (CGA) for outcome predictionin elderly patients (PTS) with glioblastoma (GBM): amono-institutional experience”; 20 ottobre) ed una su pazienti con glioma che ha lo scopo di individuare i soggetti che potrebbero beneficiare dell’immunoterapia (“Mismatch repairdeficiency (MMRd) in glioma patients (PTS): frequency and correlation with clinical, histological and molecularcharacteristics”; 19 ottobre Nell’ambito dei tumori mammari, Maria Vittoria Dieci (Oncologia Medica 2) interverrà sul ruolo dei TILS (linfociti infiltranti il tumore) come fattore prognostico del tumore al seno HER2+ in fase iniziale all’interno dello studio SHORTHER (“Tumor-infiltrating lymphocytes (TILs) as an independent prognostic factor for early HER2+ breast cancer patients treated with adjuvant chemotherapy and trastuzumab in the randomized ShortHER trial”; 19 ottobre). A partire da questa presentazione, all’ESMO ci sarà proprio spazio anche per ritornare sullo studio SHORTHER, un trial sviluppato da Pierfranco Conte (Direttore Oncologia Medica 2, IOV-IRCCS) e che ha mostrato come nelle donne alle quali e’ stato diagnosticato un carcinoma mammario HER2+ il trattamento con trastuzumab per 9 settimane non si è dimostrato inferiore al trattamento standard di 12 mesi.

Per finire con l’ambito delle neoplasie al seno, Gaia Griguolo presenterà un poster su “Oncological outcome of fat grafting for breast reconstruction after cancer” (22 ottobre): l’alto interesse del suo intervento e’ dato dalla tecnica innovativa di “innesto” per la ricostruzione del seno dopo una neoplasia mammaria. Per terminare con le presenze IOV a Monaco, una delle nuove frontiere della ricerca traslazionale nel tumore del polmone, quella della biopsia liquida, sara’ all’ESMO al centro della comunicazione di Laura Bonanno (specialista in neoplasie polmonari, Oncologia Medica 2) che proporrà una ricerca sul potenziale ruolo predittivo della biopsia liquida eseguita durante il trattamento nel tumore del polmone in stadio avanzato. Durante la presentazione saranno illustrati risultati avanzati con potenziali ricadute in particolare nei pazienti trattati con immunoterapia (“Liquid biopsy as tool to monitor and predict clinical benefit from chemotherapy (CT) and immunotherapy (IT) inadvanced Non-small cell lung cancer (aNSCLC): a prospectivestudy”; 20 ottobre).

 

Articoli correlati
Due interventi, 13 anestesie e la chemioterapia: il piccolo Ascanio ce l’ha fatta. Curato all’Umberto I
Una storia a lieto fine di buona sanità. È quella di Ascanio, che oggi ha 10 anni e quando ne aveva solo due è stato colpito da un brutto male –  nefroblastoma di Wilms, un cancro raro – e ha dovuto affrontare 13 anestesie, 43 sedute di chemioterapia e due interventi chirurgici.  «Era il febbraio del 2011 – […]
SSN, Francesco De Lorenzo (FAVO): «Su cancro e grandi malattie non ci siano barriere. Stato intervenga con poteri sostitutivi per garantire Lea»
L’ex ministro della Sanità, oggi alla guida Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia, lancia la sua proposta per rendere sostenibile il SSN: «Bisognerebbe cominciare a capire che è meglio evitare di far pagare i ticket ai malati di cancro per gli aspetti diagnostici piuttosto che pagare per chi ha un mal di testa o un mal di gola»
Oncologia, ecco come si può “vivere senza stomaco”. Claudia Santangelo: «Spesso lasciati soli dopo intervento. Servono nutrizionisti nelle strutture»
L’associazione che raccoglie i ‘gastrectomizzati’ conta 2300 aderenti. È nata nel 2013 dopo la nascita del gruppo Facebook. La presidente sottolinea: «Avere la possibilità di trovarsi duemila e trecento persone che in tempo reale ti dicono cosa puoi fare se ti si blocca il cibo, chiaramente senza sostituire il medico, rasserena e rassicura»
Oncologia, IFO sigla accordo con Centro Oncologico di San Pietroburgo
E’ stato appena siglato l’accordo tra IFO Regina Elena e il St. Petersburg Clinical Research and Practical Center for Specialized Types of Medical Care (Oncologic), per migliorare la qualità e la competitività della ricerca scientifica e della formazione professionale e sviluppare nuove strategie cliniche per il trattamento dei pazienti oncologici. La firma a conclusione di una riunione per approfondire le […]
Rivaroxaban, risultati positivi per la prevenzione di tromboembolismo venoso in pazienti oncologici
Bayer e il suo partner di sviluppo Janssen Research & Development, LLC hanno annunciato la presentazione dei risultati dello studio di Fase 3 CASSINI sull’impiego dell’anticoagulante orale rivaroxaban, per ridurre il rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti oncologici ambulatoriali ad alto rischio, in terapia sistemica oncologica. Nonostante l’endpoint primario composito di TEV e mortalità […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano