Mondo 18 Ottobre 2018

Sanità, al via Congresso annuale ESMO: «Da melanoma a glioblastoma, immunoterapia grande speranza»

Gli specialisti dell’Istituto Oncologico Veneto saranno tra i protagonisti del Congresso annuale dell’European Society of Medical Oncology (ESMO) che si apre a Monaco di Baviera dal 19 al 23 ottobre. Nell’edizione 2018 del Congresso sarà l’immunoterapia la prospettiva terapeutica a dettare la linea delle sessioni più importanti

Neoplasie mammarie, tumori cerebrali, melanoma, tumori del polmone e della vescica: su questi temi gli specialisti dello IOV-IRCCS saranno tra i protagonisti del Congresso annuale dell’European Society of Medical Oncology (ESMO) che si apre a Monaco di Baviera dal 19 al 23 ottobre. Nell’edizione 2018 del Congresso, a pochi giorni dal premio Nobel assegnato all’americano James P. Allison e al giapponese TasukuHonjo, iniziatori e protagonisti dello sviluppo straordinario dell’immunoterapia, sara’ proprio quest’ultima prospettiva terapeutica a dettare la linea delle sessioni piu’ importanti dell’evento ed il melanoma e’ nei fatti l’ambito in cui la stessa ha offerto le migliori performance sia in termini di remissione che in termini di overall survival.

Sul melanoma lo IOV-IRCCS ha un posizionamento di cura e ricerca di sicuro prestigio, partecipando negli anni ai piu’ importanti trials internazionali e producendo alcuni mesi fa la più importante meta-analisi mondiale sulle terapie a disposizione di pazienti e clinici. Per l’ESMO Vanna Chiarion Sileni (Responsabile struttura oncologica del melanoma, IOV-IRCCS) ha firmato alcuni degli studi importanti di settore tra quelli che verranno presentati a Monaco. C’e’ quindi la presenza IOV in studi internazionali sul melanoma avanzato (“Initial results from a phase 3b/4 study evaluating two dosingregimens of nivolumab (NIVO) in combination with ipilimumab (IPI) in patients with advanced melanoma – CheckMate 511”) che ha Jacopo Pigozzo (specialista melanoma, IOV-IRCCS) come principal investigator; e sul melanoma mutato nello studio COMBI-AD, un trial randomizzato che ha coinvolto circa 170 centri, tra cui lo IOV, in cui sono stati arruolati 870 pazienti con melanoma in stadio III e con BRAF mutato (“Updated relapse-free survival (RFS) and biomarker analysis in the COMBI-AD trial of adjuvantdabrafenib + trametinib (D + T) in patients (pts) with resected BRAF V600-mutant stage III melanoma.

Sempre nell’ambito delle immunoterapie, la presenza degli oncologi IOV-IRCCS all’ESMO registra la partecipazione di Umberto Basso (Responsabile neoplasie genito-urinarie, Oncologia Medica 1) e Marco Maruzzo (specialistadistretto genito-urinario, Oncologia Medica 1) in uno studio suitumori uroteliali metastatici trattati con nivolumab da solo oppure in combinazione con ipilimumab (“Nivolumab Alone or inCombination With Ipilimumab in Patients With Platinum-PretreatedMetastatic Urothelial Carcinoma, Including the Nivolumab 1 mg/kg+ Ipilimumab 3 mg/kg Expansion From CheckMate 032”, 20 ottobre).

Sulle neoplasie cerebrali Giuseppe Lombardi (specialista tumori cerebrali, Onologia Medica 1) presenterà due ricerche, una sul glioblastoma, nella quale verrà presentato un inedito Comprehensive Geriatric Assessment per valutare il paziente anziano attraverso un assessment geriatrico multidimensionale che garantisca il migliore trattamento ai soggetti con glioblastoma (“Comprehensive Geriatric Assessment (CGA) for outcome predictionin elderly patients (PTS) with glioblastoma (GBM): amono-institutional experience”; 20 ottobre) ed una su pazienti con glioma che ha lo scopo di individuare i soggetti che potrebbero beneficiare dell’immunoterapia (“Mismatch repairdeficiency (MMRd) in glioma patients (PTS): frequency and correlation with clinical, histological and molecularcharacteristics”; 19 ottobre Nell’ambito dei tumori mammari, Maria Vittoria Dieci (Oncologia Medica 2) interverrà sul ruolo dei TILS (linfociti infiltranti il tumore) come fattore prognostico del tumore al seno HER2+ in fase iniziale all’interno dello studio SHORTHER (“Tumor-infiltrating lymphocytes (TILs) as an independent prognostic factor for early HER2+ breast cancer patients treated with adjuvant chemotherapy and trastuzumab in the randomized ShortHER trial”; 19 ottobre). A partire da questa presentazione, all’ESMO ci sarà proprio spazio anche per ritornare sullo studio SHORTHER, un trial sviluppato da Pierfranco Conte (Direttore Oncologia Medica 2, IOV-IRCCS) e che ha mostrato come nelle donne alle quali e’ stato diagnosticato un carcinoma mammario HER2+ il trattamento con trastuzumab per 9 settimane non si è dimostrato inferiore al trattamento standard di 12 mesi.

Per finire con l’ambito delle neoplasie al seno, Gaia Griguolo presenterà un poster su “Oncological outcome of fat grafting for breast reconstruction after cancer” (22 ottobre): l’alto interesse del suo intervento e’ dato dalla tecnica innovativa di “innesto” per la ricostruzione del seno dopo una neoplasia mammaria. Per terminare con le presenze IOV a Monaco, una delle nuove frontiere della ricerca traslazionale nel tumore del polmone, quella della biopsia liquida, sara’ all’ESMO al centro della comunicazione di Laura Bonanno (specialista in neoplasie polmonari, Oncologia Medica 2) che proporrà una ricerca sul potenziale ruolo predittivo della biopsia liquida eseguita durante il trattamento nel tumore del polmone in stadio avanzato. Durante la presentazione saranno illustrati risultati avanzati con potenziali ricadute in particolare nei pazienti trattati con immunoterapia (“Liquid biopsy as tool to monitor and predict clinical benefit from chemotherapy (CT) and immunotherapy (IT) inadvanced Non-small cell lung cancer (aNSCLC): a prospectivestudy”; 20 ottobre).

 

Articoli correlati
Tumori in aumento, dialogo medico-paziente alla base della cura
Le nuove diagnosi di cancro sono in aumento, complice l’allungamento dell’aspettativa di vita e uno stile di vita scorretto. Al medico il compito di creare un filo diretto con il paziente come parte della terapia
Malattie Rare, il genetista Dalla Piccola: «Con tecniche genomiche diagnosi rapide nel 60% dei casi. In Piano nazionale armonizzare presa in carico dei pazienti»
Il luminare di fama mondiale, Direttore scientifico dell’Ospedale Bambino Gesù, parla delle nuove frontiere nel contrasto alle malattie rare: «C’è veramente una rivoluzione in atto e se è vero che ancora oggi dobbiamo lamentare che solo il 5% dei malati rari ha una cura (ma il 70% ha un trattamento di variabile efficacia) possiamo prevedere che l’evoluzione più significativa nei prossimi anni sarà proprio verso lo sviluppo di nuovi protocolli di terapia che cambieranno la storia di molti di questi pazienti». Il 20 marzo si riunisce il Tavolo di lavoro per l’elaborazione del Piano nazionale
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Rete registro tumori, legge verso approvazione. Il relatore Baroni (M5S): «Con i macrodati scopriremo nesso di causalità tra malattia e ambiente»
Dopo l’approvazione in Senato, il provvedimento al vaglio della Commissione Affari Sociali alla Camera. Il deputato Cinque Stelle annuncia: «Per la prima volta in Italia siamo all’avanguardia nel mettere nero su bianco una legge che prevede che lo Stato vuole il referto epidemiologico, un macrodato aggregato che potrebbe essere sovrapponibile con l’utilità, l’importanza e la potenza del fascicolo sanitario elettronico»
Tumori Solidi, nuovi potenziali farmaci per terapie più mirate. Studio Cattolica-Policlinico Gemelli e CNR: i risultati su “Scientific Reports”
Secondo i più recenti dati epidemiologici (I numeri del cancro in Italia, VIII edizione 2018), complessivamente in Italia ogni giorno circa mille persone ricevono una diagnosi di tumore maligno e le malattie neoplastiche rappresentano ancora la seconda causa di morte (29% di tutti i decessi) dopo le malattie cardiovascolari (37%). In particolare, i dati ISTAT […]
Tumori, M5S: «Con rete nazionale dei registri presto dati precisi per la prevenzione»
«Con la legge sulla Rete nazionale dei registri dei tumori, attualmente in discussione alla Camera, il nostro Paese potrà avere finalmente un referto epidemiologico per valutare lo stato di salute di una comunità e dati precisi sull’incidenza, la mortalità e la correlazione con fattori ambientali di questa malattia. Avere un quadro chiaro e preciso è […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone