Meteo 24 Ottobre 2018

Roma, IFO: al via il centro studi early phase

Il Centro Studi Early Phase (studi di fase 1) è una grande opportunità per la ricerca sperimentale e clinica, per gli IFO, per Roma e per una proficua competizione nazionale ed internazionale. Un gruppo di lavoro multidisciplinare ed altamente specializzato si occupa di gestire un continuum che parte dalla ricerca di laboratorio, su modelli sperimentali in vitro ed in […]

Il Centro Studi Early Phase (studi di fase 1) è una grande opportunità per la ricerca sperimentale e clinica, per gli IFO, per Roma e per una proficua competizione nazionale ed internazionale.

Un gruppo di lavoro multidisciplinare ed altamente specializzato si occupa di gestire un continuum che parte dalla ricerca di laboratorio, su modelli sperimentali in vitro ed in vivo, e giunge fino al letto del paziente attraverso trials clinici ‘early phase’ (fasi 0,I e II). L’IFO si propone quindi come interlocutore privilegiato della ‘partnership’ strategica tra settore pubblico, università e industria per lo sviluppo della ricerca farmacologica in oncologia e dermatologia.

Il Centro studi di fase 1 facilita l’accesso dei pazienti a nuove possibilità di cura, e fornisce all’industria un percorso completo in grado di portare un nuovo farmaco dagli studi ‘first-in-human’ alla registrazione e diffusione, e in maniera scientificamente e operativamente indipendente. Vengono raccolte nel corso della sperimentazione informazioni preziose su farmacocinetica, farmacodinamica, meccanismo molecolare d’azione, potenziali biomarkers e caratteristiche dei pazienti. La maggiore disponibilità di dati rafforza la medicina personalizzata e insieme informazioni “omiche” ottimizzano la medicina di precisione. La ricerca vive oggi un momento di grande fermento e occorre convogliare risorse dall’industria privata all’attività di ricerca indipendente, a garanzia della ‘eccellenza’ assistenziale e dell’ottimizzazione delle risorse del sistema.

Si parlerà di questo nel corso della conferenza stampa in programma il 30 ottobre 2018 alle ore 12.15 presso il Centro Congressi Multimediale IFO (Via Fermo Ognibene 23) a Roma. Interverranno:

Nicola Zingaretti, Presidente Regione Lazio
Armando Bartolazzi Sottosegretario Ministero Salute
Francesco Ripa di Meana Direttore GeneraleIstituti Fisioterapici Ospitalieri
Luca Li Bassi, Direttore Generale AIFA (da confermare)

GENNARO CILIBERTO DIRETTORE SCIENTIFICO Istituto Nazionale Tumori Regina Elena
ALDO MORRONE, DIRETTORE SCIENTIFICO Istituto Dermatologico San Gallicano

A seguire, tavola rotonda con:

Walter Ricciardi, Presidente Istituto Superiore Sanità
Alessio D’Amato,
Assessore Sanità Lazio
Francesco De santis,
Vice presidente Farmindustria
Angelo Gaiani,
Vice presidente Assobiomedica
Giovanni Apolone,
Direttore scientifico Fondazione Irccs istituto nazionale dei tumori Milano
Paolo Marchetti, Professore ordinario Sapienza Roma
Francesco Perrone,
 Direttore unità sperimentazioni cliniche istituto dei tumori di Napoli
Francesco Cognetti
, Direttore oncologia medica 1 Istituto nazionale tumori Regina Elena

 

Articoli correlati
Leucemia mieloide e mieloma multiplo, il sì di AIFA a Molmed per la sperimentazione clinica del CAR-T CD44v6
MolMed, azienda biotecnologica focalizzata su ricerca, sviluppo, produzione e validazione clinica di terapie geniche e cellulari per la cura del cancro e malattie rare, comunica di aver ottenuto da AIFA l’autorizzazione ad avviare in Italia la sperimentazione clinica con il proprio CAR-T CD44v6 per il trattamento di pazienti con leucemia mieloide acuta e mieloma multiplo. […]
Malattie rare, Palmisano (Ad Molmed): «Non sono nemico invincibile. Nostro impegno per sconfiggerle con ricerca su terapie avanzate»
In occasione della Giornata Mondiale sulle Malattie Rare, che si celebra oggi, Riccardo Palmisano – Amministratore Delegato di MolMed, società di biotecnologie mediche focalizzate su ricerca, sviluppo e produzione di terapie geniche e cellulari, – sottolinea i passi avanti compiuti dalla ricerca sulle terapie avanzate per la cura di queste patologie: «Ogni giorno, nei laboratori […]
Blockchain in sanità, la frontiera delle staminali per la ricerca. Totta (Futura Stem Cells): «La catena dei blocchi certifica la conservazione dei campioni»
«La ricerca sta facendo grandi passi avanti, sarebbe opportuno riaprire il dibattito in Italia sulla conservazione autologa solidale con un modello che sta emergendo in Europa e nel resto del mondo» così la dottoressa Pierangela Totta, Direttore Scientifico di Futura Stem Cells, a Sanità Informazione
Salute, le nuove frontiere per le malattie infiammatorie cutanee arrivano dalle biotecnologie. Concetta Potenza (Sapienza): «Ricerca avanzata, cure su misura per i pazienti»
Dallo stato della ricerca alle nuove sperimentazioni biotecnologiche per la produzione di farmaci. Oggi alla Sapienza di Roma giornata di aggiornamento e confronto sulle malattie cutanee ed oncologiche in ricordo del professor Daniel Innocenzi, scomparso dieci anni fa
Dissezione su cadavere, l’eccellenza all’università di Bologna: 400 metri quadri al servizio di studenti, chirurghi e ricercatori
L’Italia ferma ad un Regio Decreto del 1933. Ad ottobre 2018, Pierpaolo Sileri (M5S) ha presentato un disegno di legge in tema disposizione del proprio corpo e dei tessuti post mortem a fini di studio, di formazione e di ricerca scientifica
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone