Meteo 24 ottobre 2018

Roma, IFO: al via il centro studi early phase

Il Centro Studi Early Phase (studi di fase 1) è una grande opportunità per la ricerca sperimentale e clinica, per gli IFO, per Roma e per una proficua competizione nazionale ed internazionale. Un gruppo di lavoro multidisciplinare ed altamente specializzato si occupa di gestire un continuum che parte dalla ricerca di laboratorio, su modelli sperimentali in vitro ed in […]

Il Centro Studi Early Phase (studi di fase 1) è una grande opportunità per la ricerca sperimentale e clinica, per gli IFO, per Roma e per una proficua competizione nazionale ed internazionale.

Un gruppo di lavoro multidisciplinare ed altamente specializzato si occupa di gestire un continuum che parte dalla ricerca di laboratorio, su modelli sperimentali in vitro ed in vivo, e giunge fino al letto del paziente attraverso trials clinici ‘early phase’ (fasi 0,I e II). L’IFO si propone quindi come interlocutore privilegiato della ‘partnership’ strategica tra settore pubblico, università e industria per lo sviluppo della ricerca farmacologica in oncologia e dermatologia.

Il Centro studi di fase 1 facilita l’accesso dei pazienti a nuove possibilità di cura, e fornisce all’industria un percorso completo in grado di portare un nuovo farmaco dagli studi ‘first-in-human’ alla registrazione e diffusione, e in maniera scientificamente e operativamente indipendente. Vengono raccolte nel corso della sperimentazione informazioni preziose su farmacocinetica, farmacodinamica, meccanismo molecolare d’azione, potenziali biomarkers e caratteristiche dei pazienti. La maggiore disponibilità di dati rafforza la medicina personalizzata e insieme informazioni “omiche” ottimizzano la medicina di precisione. La ricerca vive oggi un momento di grande fermento e occorre convogliare risorse dall’industria privata all’attività di ricerca indipendente, a garanzia della ‘eccellenza’ assistenziale e dell’ottimizzazione delle risorse del sistema.

Si parlerà di questo nel corso della conferenza stampa in programma il 30 ottobre 2018 alle ore 12.15 presso il Centro Congressi Multimediale IFO (Via Fermo Ognibene 23) a Roma. Interverranno:

Nicola Zingaretti, Presidente Regione Lazio
Armando Bartolazzi Sottosegretario Ministero Salute
Francesco Ripa di Meana Direttore GeneraleIstituti Fisioterapici Ospitalieri
Luca Li Bassi, Direttore Generale AIFA (da confermare)

GENNARO CILIBERTO DIRETTORE SCIENTIFICO Istituto Nazionale Tumori Regina Elena
ALDO MORRONE, DIRETTORE SCIENTIFICO Istituto Dermatologico San Gallicano

A seguire, tavola rotonda con:

Walter Ricciardi, Presidente Istituto Superiore Sanità
Alessio D’Amato,
Assessore Sanità Lazio
Francesco De santis,
Vice presidente Farmindustria
Angelo Gaiani,
Vice presidente Assobiomedica
Giovanni Apolone,
Direttore scientifico Fondazione Irccs istituto nazionale dei tumori Milano
Paolo Marchetti, Professore ordinario Sapienza Roma
Francesco Perrone,
 Direttore unità sperimentazioni cliniche istituto dei tumori di Napoli
Francesco Cognetti
, Direttore oncologia medica 1 Istituto nazionale tumori Regina Elena

 

Articoli correlati
Due interventi, 13 anestesie e la chemioterapia: il piccolo Ascanio ce l’ha fatta. Curato all’Umberto I
Una storia a lieto fine di buona sanità. È quella di Ascanio, che oggi ha 10 anni e quando ne aveva solo due è stato colpito da un brutto male –  nefroblastoma di Wilms, un cancro raro – e ha dovuto affrontare 13 anestesie, 43 sedute di chemioterapia e due interventi chirurgici.  «Era il febbraio del 2011 – […]
SSN, Francesco De Lorenzo (FAVO): «Su cancro e grandi malattie non ci siano barriere. Stato intervenga con poteri sostitutivi per garantire Lea»
L’ex ministro della Sanità, oggi alla guida Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia, lancia la sua proposta per rendere sostenibile il SSN: «Bisognerebbe cominciare a capire che è meglio evitare di far pagare i ticket ai malati di cancro per gli aspetti diagnostici piuttosto che pagare per chi ha un mal di testa o un mal di gola»
Cancro, il direttore dello IARC Wild: «Grazie a prevenzione, diagnosi precoce e terapia c’è speranza per sconfiggerlo»
Il numero uno dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ai nostri microfoni: «Oggi potremmo prevenire il 50% dei tumori. Fondamentale conoscerne le cause, tra le quali c’è anche il cambiamento climatico»
Oncologia, ecco come si può “vivere senza stomaco”. Claudia Santangelo: «Spesso lasciati soli dopo intervento. Servono nutrizionisti nelle strutture»
L’associazione che raccoglie i ‘gastrectomizzati’ conta 2300 aderenti. È nata nel 2013 dopo la nascita del gruppo Facebook. La presidente sottolinea: «Avere la possibilità di trovarsi duemila e trecento persone che in tempo reale ti dicono cosa puoi fare se ti si blocca il cibo, chiaramente senza sostituire il medico, rasserena e rassicura»
Fecondazione eterologa, le donne italiane non donano gli ovuli
«Le donne italiane non donano i propri ovuli come invece accade in altre nazioni. In Italia le donne non hanno la mentalità della donazione. E’ un problema culturale. Quindi l’eterologa qui da noi viene eseguita con ovociti presi all’estero. Ma in Italia abbiamo la miglior tecnologia in termini di riproduzione». Lo afferma Claudio Giorlandino, ginecologo, Direttore […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano