Meteo 10 Aprile 2018

Bergamo, parte il master per formare i futuri manager del settore sanitario

L’Università degli Studi di Bergamo e il Gruppo ospedaliero San Donato hanno inaugurato il Master di I livello in Management delle Aziende Ospedaliere. La nuova offerta formativa post lauream è pensata per i futuri manager del settore sanitario. L’inaugurazione è stata aperta dall’intervento del professor Remo Morzenti Pellegrini, Rettore dell’Università degli Studi di Bergamo, seguito […]

L’Università degli Studi di Bergamo e il Gruppo ospedaliero San Donato hanno inaugurato il Master di I livello in Management delle Aziende Ospedaliere. La nuova offerta formativa post lauream è pensata per i futuri manager del settore sanitario. L’inaugurazione è stata aperta dall’intervento del professor Remo Morzenti Pellegrini, Rettore dell’Università degli Studi di Bergamo, seguito dalla lectio magistralis del dottor Paolo Rotelli, presidente del Gruppo ospedaliero San Donato, dal titolo «Leadership in sanità: il Gruppo ospedaliero San Donato».
Il master, nato dall’incontro tra due eccellenze, rispettivamente nei settori della formazione e della cura, intende preparare figure professionali in grado di supervisionare la complessa attività di un’azienda ospedaliera, occupandosi del controllo e monitoraggio delle performance economiche, della gestione delle sale operatorie e dei reparti, ma anche del personale, dei rischi clinici, dell’ingegneria clinica, della comunicazione e della privacy.
«Il settore ospedaliero ha sempre più bisogno di manager capaci e competenti – afferma il professor Remo Morzenti Pellegrini, Rettore dell’Università degli Studi di Bergamo – per questo abbiamo ritenuto importante creare un’offerta formativa dedicata, collaborando con una realtà di riferimento nel settore sanitario, quale è il Gruppo ospedaliero San Donato.
Il master, della durata di 9 mesi, sarà strutturato in lezioni frontali e didattica pratica aziendale: le lezioni frontali si terranno nelle aule dell’università con gli accademici dell’ateneo e i manager del Gruppo ospedaliero San Donato, mentre la didattica pratica aziendale vedrà gli studenti coinvolti nella gestione di alcune casistiche ospedaliere attraverso specifiche applicazioni, con attività da svolgere presso le strutture del Gruppo ospedaliero San Donato. Il Gruppo ospedaliero San Donato offrirà – dietro selezione diretta – fino a 12 posizioni di tirocinio presso i propri ospedali a Milano, Monza, Como, Pavia, Bergamo, Brescia e Bologna. Un Gruppo che comprende 18 ospedali, 5.069 posti letto, 16.624 dipendenti, di cui 5.246 medici specialisti e che assicura l’assistenza ospedaliera, in regime di degenza e ambulatoriale, a oltre 4,3 milioni di pazienti l’anno e leader, a livello nazionale e internazionale, in Cardiochirurgia, Cardiologia, Chirurgia Vascolare, Ortopedia e Chirurgia dell’obesità. Tra le sue aziende ospedaliere annovera tre istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS): Policlinico San Donato, Istituto Ortopedico Galeazzi e Ospedale San Raffaele.

Articoli correlati
Tumori del sangue, AIL festeggia 50 anni. Il presidente Amadori: «Grazie al professor Mandelli siamo punto di riferimento nel volontariato sociale»
L’associazione che segue le persone affette da leucemie, linfomi e mieloma dal 1949 traccia un bilancio del suo operato: «Prima la diagnosi di questo tipo di malattia era un dramma per il paziente e per la sua famiglia, ora le cose sono cambiate. Tra i nostri cavalli di battaglia lo sviluppo delle cure domiciliari»
Malattie rare, per la sclerosi tuberosa la chiave è la diagnosi precoce. Fondamentale una corretta formazione di ginecologi e pediatri
Moavero (neuropsichiatra infantile): «Un intervento precoce, anche prima dell’inizio di sintomi evidenti, può portare un miglioramento notevole nell’outcome a lungo termine». Così la dottoressa a Sanità Informazione
di Lucia Oggianu
Assunzioni SSN, l’annuncio del Ministro Grillo: «Trovato accordo, tetto di spesa per il personale sarà superato»
Dal 2019 la spesa per il personale non potrà superare il valore del 2018 maggiorato del 5%. Ora la norma, che varrà in tutta Italia, è all’esame delle Regioni
Salute e migrazioni, al via convegno a Palermo. AME: «Arrivano sani, si ammalano qui»
L’Associazione Medici Endocrinologi si riunisce a Palermo: «Nessuna minaccia per la salute pubblica»
Copenaghen vuole raggiungere la migliore qualità di vita al mondo e offrire maggiore salute a tutti i cittadini
Katrine Schjonning, Health Manager della capitale danese, spiega a Sanità Informazione in che modo prevenzione e formazione consentono di ottenere l’ambizioso risultato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone