Meteo 10 aprile 2018

Bergamo, parte il master per formare i futuri manager del settore sanitario

L’Università degli Studi di Bergamo e il Gruppo ospedaliero San Donato hanno inaugurato il Master di I livello in Management delle Aziende Ospedaliere. La nuova offerta formativa post lauream è pensata per i futuri manager del settore sanitario. L’inaugurazione è stata aperta dall’intervento del professor Remo Morzenti Pellegrini, Rettore dell’Università degli Studi di Bergamo, seguito […]

L’Università degli Studi di Bergamo e il Gruppo ospedaliero San Donato hanno inaugurato il Master di I livello in Management delle Aziende Ospedaliere. La nuova offerta formativa post lauream è pensata per i futuri manager del settore sanitario. L’inaugurazione è stata aperta dall’intervento del professor Remo Morzenti Pellegrini, Rettore dell’Università degli Studi di Bergamo, seguito dalla lectio magistralis del dottor Paolo Rotelli, presidente del Gruppo ospedaliero San Donato, dal titolo «Leadership in sanità: il Gruppo ospedaliero San Donato».
Il master, nato dall’incontro tra due eccellenze, rispettivamente nei settori della formazione e della cura, intende preparare figure professionali in grado di supervisionare la complessa attività di un’azienda ospedaliera, occupandosi del controllo e monitoraggio delle performance economiche, della gestione delle sale operatorie e dei reparti, ma anche del personale, dei rischi clinici, dell’ingegneria clinica, della comunicazione e della privacy.
«Il settore ospedaliero ha sempre più bisogno di manager capaci e competenti – afferma il professor Remo Morzenti Pellegrini, Rettore dell’Università degli Studi di Bergamo – per questo abbiamo ritenuto importante creare un’offerta formativa dedicata, collaborando con una realtà di riferimento nel settore sanitario, quale è il Gruppo ospedaliero San Donato.
Il master, della durata di 9 mesi, sarà strutturato in lezioni frontali e didattica pratica aziendale: le lezioni frontali si terranno nelle aule dell’università con gli accademici dell’ateneo e i manager del Gruppo ospedaliero San Donato, mentre la didattica pratica aziendale vedrà gli studenti coinvolti nella gestione di alcune casistiche ospedaliere attraverso specifiche applicazioni, con attività da svolgere presso le strutture del Gruppo ospedaliero San Donato. Il Gruppo ospedaliero San Donato offrirà – dietro selezione diretta – fino a 12 posizioni di tirocinio presso i propri ospedali a Milano, Monza, Como, Pavia, Bergamo, Brescia e Bologna. Un Gruppo che comprende 18 ospedali, 5.069 posti letto, 16.624 dipendenti, di cui 5.246 medici specialisti e che assicura l’assistenza ospedaliera, in regime di degenza e ambulatoriale, a oltre 4,3 milioni di pazienti l’anno e leader, a livello nazionale e internazionale, in Cardiochirurgia, Cardiologia, Chirurgia Vascolare, Ortopedia e Chirurgia dell’obesità. Tra le sue aziende ospedaliere annovera tre istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS): Policlinico San Donato, Istituto Ortopedico Galeazzi e Ospedale San Raffaele.

Articoli correlati
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
Beppe Grillo: «Camici bianchi come agenti di turismo». FNOMCeO: «Noi medici del cittadino, non dello Stato». E sull’autismo è bufera
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici replica alle parole del fondatore M5S: «Per noi nessun paziente è numero». Grillo ironizza su malati di Asperger e autismo, la replica delle associazioni: «Ingeneroso suscitare risata su questa malattia»
Professioni sanitarie, Ministero della Salute chiarisce: obbligo da subito di iscrizione a Ordine o rischio sanzioni
Iscrizione necessaria sia nella libera professione sia nell'ambito della dipendenza presso strutture pubbliche o private. Al momento però si sono iscritti 80mila professionisti, meno della metà dei 180-200mila professionisti stimati. Il chiarimento chiesto dal Presidente dell’Ordine TSRM e PSRTP Alessandro Beux
Formazione: apre a Milano il CeFAeS su iniziativa di AIPO
Apre i battenti a Milano una struttura innovativa e unica nel suo genere. Verrà infatti inaugurato il 24 ottobre prossimo, a Milano, il Centro di Formazione Avanzata e Simulazione (CeFAeS) destinato a mutare radicalmente lo scenario della formazione basato sulla simulazione in ambito medico. Il Centro infatti darà l’opportunità a chi opera nell’ambito di questa […]
Formazione ECM, parla Carpani: «Fondamentale aggiornamento costante e conoscenza linee guida»
Il nuovo braccio destro del Ministro Grillo, grande esperto di tematiche sanitarie, tratteggia in una recente intervista rilasciata a Sanità Informazione in occasione delle giornate formative organizzate dalla FNOMCeO a Bari, la sua idea di professionista sanitario ‘modello’. Un medico sempre aggiornato e attento alla cura nel rapporto con il paziente
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...