Meteo 10 luglio 2018

Belluno, allarme zecche. Tredici accessi al pronto soccorso per TBE

Tredici accessi al pronto soccorso per Tick-Borne Encephalitis (Tbe)  – o meningoencefalite – a Belluno e dintorni. Si tratta di un’infezione virale che colpisce il sistema nervoso e può portare anche serie implicazioni. Come riporta Repubblica, la Ulss 1 bellunese raccomanda una corretta prevenzione, possibile con un vaccino, soprattutto alle persone a rischio che vivono a […]

Tredici accessi al pronto soccorso per Tick-Borne Encephalitis (Tbe)  – o meningoencefalite – a Belluno e dintorni. Si tratta di un’infezione virale che colpisce il sistema nervoso e può portare anche serie implicazioni. Come riporta Repubblica, la Ulss 1 bellunese raccomanda una corretta prevenzione, possibile con un vaccino, soprattutto alle persone a rischio che vivono a contatto con la natura e ai turisti che si recheranno in vacanza in queste zone.

Il colpevole della TBE è la zecca Ixodes ricinus che può trasmettere la malattia attraverso un morso. Il clima così caldo-umido, favorisce la sua azione. L’allerta è giustificata, perchè Belluno, da sola, contribuisce al 40% di casi di malattia registrati in Italia. Risultano in crescita anche altre malattie trasmesse dalle zecche tra cui la malattia di Lyme.

I sintomi della TBE sono difficili da riconoscere, perchè possono essere scambiati per quelli di una normale influenza: febbriciattola, mal di testa, dolori muscolari. In caso di diagnosi inadeguata o mancato trattamento, dopo un miglioramento iniziale, può esplodere anche con febbre molto elevata, cefalea, confusione mentale, perdita di sensibilità fino ad arrivare alla paralisi degli arti.

Articoli correlati
Encefalite da zecche, la circolare del Ministero sul Piano nazionale di sorveglianza e risposta
È stata pubblicata l’8 giugno 2018 la nuova circolare del Ministero della Salute sul Piano nazionale di sorveglianza e risposta all’encefalite virale da zecche e altre arbovirosi. La malattia L’encefalite virale da zecche (tick-borne encephalitis – TBE) è una malattia infettiva virale che colpisce il sistema nervoso centrale e può causare sintomi neurologici prolungati e, in […]
Malattia di Lyme: tutta colpa di una zecca. L’intervista a Giusto Trevisan (Presidente GISML)
«Rimuovere l'animale dalla cute, ed iniziare la terapia antibiotica. Se non diagnosticata correttamente, può cronicizzarsi e causare danni a livello neurologico, cardiaco e articolare». Queste le indicazioni del Presidente del Gruppo Italiano di Studio sulla Malattia di Lyme per affrontare una patologia insidiosa di cui si parla poco
Si apre a Roma il convegno della SIN (Società Italiana Neurologia) dedicato ai giovani
Si apre a Roma il Convegno organizzato dalla Società Italiana di Neurologia dal titolo “La richiesta di competenza neurologica nel prossimo futuro”, il primo degli appuntamenti dedicato ai giovani programmato dalla SIN per il 2018. La storica società scientifica ha, infatti, come scopo istituzionale quello della formazione e dell’aggiornamento dei neurologi, con particolare attenzione ai giovani […]
Qualità della vita in Italia: la classifica del Sole 24 Ore
Si vive meglio al nord, in particolare sulle Alpi. Belluno guida la classifica del Sole 24 Ore che misura il benessere dei territori italiani miscelando 42 indicatori in sei macro-settori. Seguono Aosta, Sondrio, Bolzano,Trento e Trieste fino ad arrivare a Verbano-Cusio-Ossola in Piemonte. Le province alpine occupano, dunque, le prime sette posizioni. Scorrendo la graduatoria, emerge […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila