Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Prevenzione 10 agosto 2017

Come prevenire il cancro al seno

Cosa devono fare le donne per prevenire il cancro al seno? Lo abbiamo chiesto al dottor Giuseppe Petrella, oncologo e Docente di Chirurgia Generale presso l’Università Tor Vergata di Roma. Dottor Petrella, lei ha dedicato praticamente tutta la sua carriera al cancro al seno. Se dovesse dare dei consigli alle donne sugli stili di vita […]

Cosa devono fare le donne per prevenire il cancro al seno? Lo abbiamo chiesto al dottor Giuseppe Petrella, oncologo e Docente di Chirurgia Generale presso l’Università Tor Vergata di Roma.

Dottor Petrella, lei ha dedicato praticamente tutta la sua carriera al cancro al seno. Se dovesse dare dei consigli alle donne sugli stili di vita e di alimentazione giusti per prevenire il rischio di contrarre un cancro al seno, quali sono i consigli salva vita?

«Il primo consiglio chiaramente è la prevenzione. Le posso dire che da quando ho iniziato questo lavoro ormai circa 40 anni fa, il 95% delle donne che venivano alla nostra osservazione avevano dei cancri veramente molto molto grandi. Oggi le posso dire che viceversa fortunatamente, attraverso la prevenzione, oltre il 90% delle donne che hanno un cancro e che vengono alla nostra osservazione, non è la donna, ma siamo noi a scoprirlo. La donna viene a fare prevenzione e oggi con le mammografie ad alta definizione e con la risonanza magnetica siamo in grado di scoprire anche carcinomi di 3-4 millimetri. Ciò significa che con interventi veramente limitati c’è la guarigione definitiva del cancro alla mammella, perché il messaggio che noi dobbiamo inviare alle donne è che il cancro alla mammella è uno dei pochi tipi di tumore in cui c’è una guarigione definitiva. La guarigione definitiva però avviene se viene fatta una diagnosi in fase precoce».

Una mela al giorno

Entra nella più grande comunità sulla salute
Dialoga direttamente con i lettori
Invia i tuoi consigli
per il benessere e la prevenzione
scrivi il tuo articolo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila