Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Benessere 23 maggio 2018

Disfunzione erettile: le 5 regole degli endocrinologi AME

La disfunzione erettile è un problema particolarmente delicato di cui gli uomini fanno fatica a parlare senza sentirsi in imbarazzo o in qualche modo giudicati dal proprio interlocutore, anche se si tratta di un medico. Per un uomo, infatti, parlare di disfunzione erettile è particolarmente difficile, principalmente per l’imbarazzo e senso di inadeguatezza che ne […]

Immagine articolo

La disfunzione erettile è un problema particolarmente delicato di cui gli uomini fanno fatica a parlare senza sentirsi in imbarazzo o in qualche modo giudicati dal proprio interlocutore, anche se si tratta di un medico.

Per un uomo, infatti, parlare di disfunzione erettile è particolarmente difficile, principalmente per l’imbarazzo e senso di inadeguatezza che ne deriva. Eppure, è un problema più diffuso di quanto si possa pensare: in Italia arriva a colpire circa 3 milioni di uomini (il 13% del totale). Vissuta spesso come una sconfitta della propria virilità, la disfunzione erettile è ancora un vero e proprio tabù e la reticenza a parlarne è ormai conclamata. Secondo dati diffusi dall’Associazione Medici Endocrinologi (AME) anche dopo 3 anni dalla percezione del problema, il 42% degli uomini non ne parla con il medico, e più del 40% non si confida nemmeno con la partner.

Per sensibilizzare gli uomini a sottoporsi a controlli regolari, e non aver paura di parlare di problemi “sotto le lenzuola”, il professor Vincenzo Toscano, Presidente dell’Associazione Medici Endocrinologi (AME) ha stilato una serie di regole per affrontare il problema:

  1. Mai affidarsi al “Dottor Google”. Social network, forum e motori di ricerca non possono mai e in nessun modo sostituire una visita medica. Cercare informazioni su internet può essere pericoloso e fuorviante, nonché un viatico per l’acquisto di (presunti) farmaci online che possono nuocere gravemente alla salute.
  2. Individuare ed affrontare i fattori di rischio. Il confronto con il medico è fondamentale perché ci sono precisi fattori di rischio che possono provocare l’insorgere della disfunzione erettile: l’obesità, il consumo di tabacco, alcol e droghe, l’uso di farmaci anti-ipertensivi e di psicofarmaci ma anche malattie come il diabete e la depressione.
  3. Non sottovalutare il problema: a volte la disfunzione erettile è un campanello d’allarme. Cardiopatia ischemica, ipertensione, diabete mellito, dislipidemia, sindrome metabolica. Sono solo alcune delle gravi patologie di cui la disfunzione erettile può essere un primo campanello d’allarme: sottovalutarla può mettere a rischio non solo la vita di coppia, ma anche la propria salute.
  4. Confidarsi con il partner fa bene alla coppia. Non parlare con il partner del problema, prendere farmaci a sua insaputa, sono scorciatoie dettate dal comprensibile imbarazzo ma che non aiutano il dialogo e la comprensione. Al contrario, parlarne apertamente rafforza il legame e lo stesso iter terapeutico sarà meno gravoso se affrontato in due.
  5. Promuovere l’importanza della salute sessuale tra i giovani. La disfunzione erettile non è un problema riservato agli “over”, ma può colpire anche i giovani. In ogni caso, è importante promuovere la cultura della salute sessuale e riproduttiva tra i ragazzi, in modo che si sottopongano a controlli periodici, senza aspettare che compaiano i primi sintomi del problema.

Corso FAD: “Disfunzione erettile: diagnosi e terapia” a cura del professor Vincenzo Toscano, provider ECM 2506 Sanità in-Formazione

Una mela al giorno

Entra nella più grande comunità sulla salute
Dialoga direttamente con i lettori
Invia i tuoi consigli
per il benessere e la prevenzione
scrivi il tuo articolo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila