Lavoro 23 Aprile 2018

Sanità, è tempo di digitalizzare. Andrea Zorzan (Consulcesi): «Cambiare paradigma per mettere al centro il medico e anticiparne i bisogni»

«Sistemi sempre più efficienti per personalizzare servizi e produrre analisi predittive» questo, secondo lo Strategic Analysis & Reporting Manager di Consulcesi, il futuro per le aziende operanti dell’healthcare business

L’industria della salute digitale è in continua evoluzione e l’implementazione della tecnologia è tra le priorità del settore. Ad allinearsi con le richieste del mercato e a rappresentare un esempio virtuoso nell’healtcare business è Consulcesi, network leader nel settore sanitario. Sanità Informazione ha intervistato Andrea Zorzan, Strategic Analysis & Reporting Manager di Consulcesi Tech che racconta come le aziende operanti nell’assistenza sanitaria si stiano adoperando per digitalizzare i sistemi produttivi e divenire sempre più efficaci nella risposta al cliente.

LEGGI ANCHE: LA SALUTE NELL’ERA DEI BIG DATA: MOLTE LE OPPORTUNITÀ, QUALI I RISCHI?

La digitalizzazione, soprattutto in campo sanitario, sta diventando imprescindibile. Le aziende si stanno muovendo in questa direzione, Consulcesi come si sta allineando su questi binari?

«Consulcesi sta facendo un grosso investimento nell’opera di digitalizzazione, soprattutto per quel che riguarda le fasi successive, ovvero estrarre il maggior valore possibile dai dati raccolti e archiviati nei nostri database aziendali. Con il mio dipartimento – Strategic Analysis and Reporting – stiamo adoperandoci per elaborare dati secondo tre linee direttive: sviluppo delle capacità professionali all’interno del team, scelta degli strumenti di analisi e l’ultimo asset, non ultimo per importanza, ottimizzazione delle procedure di raccolta e organizzazione dei dati».

Per quanto riguarda la raccolta dati è tutto in evoluzione, soprattutto a fronte delle nuove normative sulla privacy. Consulcesi come si sta allineando alle prospettive future e alle nuove modifiche?

«Il nostro ufficio legale sta fornendo linee guida interne per il trattamento dei dati personali. Proprio a fronte di questi nuovi aggiornamenti in campo privacy, siamo in continuo contatto con i nostri consulenti e, proprio la settimana scorsa, in fase sviluppo del data warehouse [archivio informatico, ndr] abbiamo avuto i primi contatti per concordare un allineamento continuo sui futuri sviluppi. Purtroppo, un problema che abbiamo riscontrato tutti, è che la normativa in uscita non è chiara e sarà da interpretare in ottica probabilmente diversa rispetto a quella che siamo abituati a fare in Italia. Di fatto credo che una normativa più corposa determini più sicurezza nei confronti del cliente ed è dunque corretto adeguarsi».

Insomma, una realtà che sta nascendo e prendendo corpo: quali saranno i vantaggi fattivi per il cliente ma anche per l’azienda stessa?

«Per il cliente avremo un punto di svolta notevole, un cambio di paradigma: con la creazione di un data warehouse metteremo il medico al centro di tutti i servizi offerti dall’azienda. Per quanto riguarda il beneficio interno invece ottimizzeremo sicuramente i processi produttivi di analisi per fornire al business degli insights specifici, un’analisi cosiddetta descrittiva degli attuali processi e, in una fase più evoluta, probabilmente riusciremo ad evolverci verso analisi predittive anticipando le esigenze dei nostri attuali clienti e degli utenti prospect. Indubbiamente verranno ridisegnati nuovi servizi e arriveranno prodotti personalizzati ad hoc per il singolo medico».

 

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Tumori in aumento, dialogo medico-paziente alla base della cura
Le nuove diagnosi di cancro sono in aumento, complice l’allungamento dell’aspettativa di vita e uno stile di vita scorretto. Al medico il compito di creare un filo diretto con il paziente come parte della terapia
Ex specializzandi, la Corte di Appello di Roma riconosce altri 19 milioni di euro e ribalta il primo grado per 172 medici
Consulcesi: «È la conferma che solo non proseguire nell’azione legale è una sconfitta certa». Il 12 aprile nuova azione collettiva sulla scia delle ultime sentenze positive: solo nel 2018 rimborsi per 48 milioni
Frode dei diamanti: non solo Vasco Rossi, raggirati anche medici. Consulcesi: «Tantissime segnalazioni, tuteleremo chi è stato truffato»
Il network legale annuncia una battaglia legale per tutti i camici bianchi che sono incappati in questa brutta storia. Intanto l’hi-tech company Consulcesi Tech ha in progetto di sviluppare una piattaforma dedicata alla compravendita di diamanti attraverso le criptovalute
Contenziosi pazienti-operatori sanitari, Nicola Titta (Anep): «Bene Arbitrato, professioni siano coinvolte. E per la Formazione si lavori su Codice deontologico»
Il Presidente dell’Associazione Nazionale educatori professionali guarda positivamente alla proposta lanciata dal gruppo Consulcesi su una camera di conciliazione per gestire l’enorme mole di ricorsi: «Registriamo tante aggressioni»
Medici nel mirino delle denunce: accusati di errori chirurgici, diagnosi sbagliate e terapie scorrette
Al fianco dei medici scende in campo la task force legale di Consulcesi & Partners, che dopo l'evento al Ministero della Salute ha ricevuto migliaia di segnalazioni: al primo posto ci sono gli errori chirurgici (37,9% dei casi), seguono le diagnosi sbagliate (15,5%) e le terapie scorrette (10,2%)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone