Lavoro 23 ottobre 2018

Protesta medici, Magliozzi (Cisl): «Preoccupati da completa assenza di istituzioni. Cittadini inconsapevoli di rischi SSN»

«Il Servizio Sanitario Nazionale pubblico e universale come lo conosciamo oggi rischia il collasso», spiega il segretario generale di Cisl Medici di Roma Capitale e Rieti, che interviene sulla riforma del test di ingresso a Medicina: «Il numero chiuso è fallito. Va riprogrammato accesso a Facoltà»

Immagine articolo

«Ci sono cose che apprezziamo solo dopo averle perse, perché le diamo per scontate. Come l’elettricità nelle nostre case, l’aria che respiriamo.  O la libertà. Accadrà la stessa cosa per il Servizio Sanitario Nazionale. La popolazione non ha la percezione della sua importanza». Il malinconico paragone e la triste previsione sono di Benedetto Magliozzi, segretario generale di Cisl Medici di Roma Capitale e Rieti.

Lo abbiamo incontrato al sit-in dei medici e della dirigenza sanitaria a Montecitorio, che ha avviato la protesta della categoria per il mancato rinnovo del contratto ed il definanziamento della sanità pubblica. Una manifestazione che sarà seguita, nelle prossime settimane, da altre iniziative, non solo per dar voce al malcontento della categoria, ma anche per rendere i cittadini più consapevoli dei rischi che, stando così le cose, la sanità pubblica potrebbe correre.

«Innanzitutto vogliamo salvare il Sistema Sanitario Nazionale – prosegue Magliozzi spiegando le ragioni della protesta -. Ma poi ci creano grossi problemi i dieci anni di mancato rinnovo del contratto, la totale indisponibilità di questo Governo a prendere impegni di qualsiasi tipo, la continua fuga dei pochi giovani che vengono formati. Nei prossimi anni avremo una vera e propria ritirata di colleghi che andranno in pensione, e purtroppo da 15 anni non assumiamo giovani leve. Il SSN pubblico e universale come lo conosciamo oggi rischia il collasso, e la completa assenza delle istituzioni ci preoccupa».

LEGGI ANCHE: SIT-IN MEDICI, PRESENTE ANCHE LA FNOMCEO. IL PRESIDENTE ANELLI: «SENZA FINANZIAMENTI AL SSN AUMENTERANNO DISUGUAGLIANZE»

Le istituzioni, o meglio il Governo, nella legge di Bilancio hanno in realtà previsto, tra le altre cose, fondi per abbattere le liste d’attesa, il Cup nazionale, 284 milioni di euro per i rinnovi contrattuali; ma non è sufficiente, per i sindacati. Non per salvare un settore già sull’orlo del precipizio. Tra le misure elencate nel comunicato che spiega la manovra, ce n’è una che ha creato particolare scompiglio: l’abolizione del numero chiuso a medicina. Annunci a cui sono seguiti passi indietro e comunicati riparatori, per cui di fatto oggi si parla di un progressivo aumento dei posti, che potrebbe poi portare al superamento dell’attuale sistema di selezione.

«Si è trattata dell’ennesima fake news – commenta il dottor Magliozzi – che in questo delirio comunicativo viaggiano con una certa velocità. Ad ogni modo, noi siamo per una riprogrammazione del numero chiuso, che così com’è ha fallito. Va riprogrammato sia l’accesso alla facoltà di medicina che l’accesso alla specializzazione. Oggi ci sono specializzazioni che vanno completamente deserte, dall’ortopedia alla ginecologia, la radiologia o l’anestesia. Ma comunque i circa 8-9mila specialisti l’anno che formiamo saranno assolutamente insufficienti a rimpiazzare i pensionamenti, che con la quota 100 potranno essere 20mila se non 30mila. Ecco perché bisogna cambiare tutto» conclude Magliozzi.

LEGGI ANCHE: ALLARME CHIRURGHI, MARINI (ACOI): «SPECIALITÀ SCELTA SOLO 90 GIOVANI. SIAMO TRA I MIGLIORI AL MONDO, APPELLO ALLE ISTITUZIONI»

Articoli correlati
Numero chiuso e imbuto formativo, sempre più difficile diventare medico. In 10 anni 10mila medici via dall’Italia
Mestiere “a rischio estinzione” per il network legale Consulcesi. Il Presidente Massimo Tortorella: «Ancora troppa incertezza sul destino degli studenti. Ci saranno più posti a disposizione? Si passerà a un sistema alla francese? Servono risposte certe subito». Atenei in crisi: dal 2008 a oggi i docenti sono scesi da 63.228 a 53.801
I sindacati della dirigenza medica e sanitaria sospendono lo sciopero ma mantengono lo stato di agitazione
Nel corso dell’incontro con l’intersindacale, il ministro della Salute Giulia Grillo ha mostrato l’emendamento che annulla la retroattività del comma 687 della Legge di Bilancio e si è impegnata a far convocare i sindacati dall’Aran. Sul tavolo, anche confronto per lo sblocco della RIA
Contratto medici, sindacati soddisfatti da incontro Funzione Pubblica, ma per ora scioperi confermati
Un emendamento al decreto Semplificazione, in discussione al Senato martedì 22, posticiperà gli effetti del comma 687 della legge di Bilancio al contratto 2019-2021. Ma rimane il nodo della RIA, su cui c'è il blocco del ministero dell'Economia
Comma 687, Onotri (SMI): «Bisogna abrogarlo e riattivare delega a governo per trattative con personale SSN»
Il segretario generale del sindacato ha incontrato la presidente della Commissione Lavoro del Senato Catalfo: «Abbiamo chiesto di superare con urgenza lo stallo attuale e la convocazione in tempi brevi del tavolo Aran-sindacati. Medici e dirigenti amministrativi non possono stare nello stesso calderone di contrattazione». A margine dell’incontro anche il tema dei medici Inps: «C’è forte volontà politica di arrivare ad un accordo collettivo nazionale in convenzione»
Medici, Fp Cgil: «Governo chiuda subito su rinnovo contratto»
«Il governo chiuda subito il contratto di tutti i Dirigenti del Servizio sanitario nazionale». A chiederlo è la Fp Cgil Nazionale in un Ordine del giorno approvato oggi all’unanimità dal Comitato direttivo che fa chiarezza sull’emendamento 687 della legge di Bilancio che modifica l’accordo quadro del 2016 sulle aree contrattali del pubblico impiego e soprattutto […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...