Lavoro 24 Ottobre 2019 09:29

Professioni sanitarie, Bortone (CONAPS): «Pronti a collaborare per elezioni Commissioni d’Albo. All’orizzonte c’è sfida culturale»

Il presidente del Coordinamento Nazionale Associazioni professioni sanitarie sottolinea: «Molti detrattori pronosticavano un insuccesso di questa casa comune, invece abbiamo vinto sfida». Poi aggiunge: «Attendiamo ancora un decreto ministeriale che rappresenta la composizione della Commissione nazionale degli Albi»

Si prospettano mesi intensi per i professionisti sanitari iscritti al maxi Ordine TSRM e PSTRP. Non solo per l’imminente elezione delle Commissioni d’Albo provinciali ma anche per le “sfide culturali future” come ricorda ai microfoni di Sanità Informazione Antonio Bortone, Presidente del CONAPS, Coordinamento Nazionale Associazioni professioni sanitarie, a margine del 18° Congresso dell’UNID, l’Unione igienisti dentali che si è svolto a Roma. Bortone, in prima linea anche al recente primo Congresso nazionale dell’Ordine TSRM e PSTRP, ha tracciato a Sanità Informazione quelle che saranno le sfide future delle professioni sanitarie ed ha garantito piena collaborazione ai presidenti interprovinciali di Ordine in vista delle imminenti elezioni: «È giusto che i presidenti siano preoccupati però a loro conforto c’è una dichiarata disponibilità a cooperare sul piano prettamente organizzato oltre che operativo da parte delle singole AMR territoriali. Non si è mai da soli a gestire la complessità». Poi ha sottolineato la necessità di lavorare, nel medio periodo, a una operazione «che permetta di dare all’opinione pubblica la percezione di un profilo nuovo dell’Ordine».

Presidente, si è svolto da poco il primo Congresso nazionale del maxi Ordine delle professioni sanitarie, ora il congresso degli igienisti dentali UNID. Il mondo delle professioni sanitarie è in fermento…
«Esattamente. Grande vivacità. E non finisce qui. Ci aspetta un appuntamento imminente che è la costituzione delle Commissioni d’Albo dove le istituzioni maggiormente rappresentative contribuiranno insieme con i presidenti degli Ordini a garantire una buona ed efficace organizzazione sul territorio, a livello capillare, affinchè possano comporsi le commissioni d’Albo. La composizione di queste commissioni farà perdere la rappresentatività alle associazioni e si entrerà nel vivo, in termini di rappresentanza professionale e anche gestione di servizi per i professionisti afferenti ai singoli Albi, dell’applicazione della legge 3 del 2018. Seguiranno poi gli appuntamenti così cadenzati in termini di ricomposizione dei Consigli direttivi degli ordini e via a seguire. Attendiamo ancora un decreto ministeriale che rappresenta la composizione della Commissione nazionale degli Albi e a quel punto lavoreremo affinchè quest’ultimo tassello nel mosaico così prezioso dell’attuazione della legge 3 del 2018 vada a completarsi per una piena e operativa funzionalità degli Ordini sul territorio».

Le elezioni delle Commissioni d’Albo saranno un grande esercizio di democrazia, far votare 19 professioni è complesso. Qualche presidente di Ordine ha detto che ci potrebbero essere dei ritardi…
«Ritardi assolutamente no perché qualora ci fossero ci sarebbe una inadempienza rispetto a indicazioni della norma. Sia la legge 3 del 2018 ma ancora di più il decreto ministeriale che istituisce le Commissioni d’Albo prevede l’elezione delle stesse nel terzo quadrimestre dell’anno. Noi ci troviamo nel terzo quadrimestre dell’anno ed è giusto che venga a compiersi in questo momento. È un atto dovuto. A giusta ragione qualche presidente di Ordine interprovinciale può essere spaventato perché la mole organizzativa è importante, non ci sono esempi prima d’ora di un Ordine così composito, così articolato, con 19 albi. Penso a quegli ordini che raggruppano una popolazione professionale in ambito territoriale molto ampia, basta pensare alle grandi città metropolitane, Milano, Roma e Napoli. È giusto che i presidenti siano preoccupati però a loro conforto c’è una dichiarata disponibilità a cooperare sul piano prettamente organizzato oltre che operativo da parte delle singole AMR territoriali. Non si è mai da soli a gestire la complessità».

LEGGI: IGIENISTI DENTALI, UNID A CONGRESSO. IL NUOVO PRESIDENTE TOMASSI: «DIMOSTREREMO QUALITÀ E PREPARAZIONE. TUTELA PROFESSIONE AL PRIMO POSTO»

Al di là degli ultimi provvedimenti normativi sulla composizione delle Commissioni d’Albo, quali sono le nuove sfide delle 19 professioni che si sono unite in questo Ordine?
«Ci sono sfide innanzitutto culturali prima ancora che politiche. La prima sfida che possiamo dire di aver vinto è quella dello stare insieme. C’erano molti detrattori, molti scettici che pensavano, anzi pronosticavano un insuccesso di questa casa comune, di questo esercizio oltre che democratico di cooperazione e collaborazione. Questa è una sfida che abbiamo vinto perché il processo di integrazione e di armonizzazione sta avvenendo con la normale difficoltà di un percorso che rappresenta veramente un percorso complesso. Ribadisco, nessun Ordine ha una simile complessità come il nostro. Per quanto riguarda le sfide future si tratta di sfide culturali perché bisognerà sempre di più e meglio organizzare un Ordine a tutela del cittadino e al servizio dei singoli professionisti. Questa sarà un’opzione strategica che imposteremo insieme su ogni territorio al fine di dare all’opinione pubblica la percezione di un profilo nuovo dell’Ordine. Questo è quello che vorremmo raggiungere nel corso del medio termine».

Articoli correlati
Ordine TSRM PSTRP Roma, gli obiettivi della Lista “Sinergia”
Al centro del progetto «una rappresentanza politica delle professioni sul territorio, tale da costituire una presenza attiva e costante in tutti i contesti comunali». Le elezioni si svolgeranno il 16, 17, 18 e 19 dicembre
Simulazione in formazione, ecco come la realtà virtuale prepara i farmacisti ad affrontare le sfide reali
Dalla “clean room” alla ricerca clinica, fino a capitolati di gara e interazione con il paziente, Zanon (SIFO): «La figura del farmacista è poliedrica e, per questo, anche la sua formazione, compresa quella post laurea, deve essere altrettanto variegata. L’utilizzo della simulazione ha segnato un punto di svolta importante nei processi formativi»
UNID, Luperini nuovo presidente. Dai Quaderni dell’Igienista dentale al Progetto Grazia, le iniziative in corso
Maurizio Luperini sostituisce Domenico Tomassi, alla guida per tre anni. «Vogliamo dedicarci alla formazione, avremo una sessione ad hoc dedicata a ricerca e sviluppo»
«TSRM è tecnologia, assistenza e umanizzazione delle cure». Parla la presidente FASTeR Patrizia Cornacchione
La FASTeR, Federazione delle Associazioni Scientifiche dei Tecnici di Radiologia, riunisce sette associazioni scientifiche di Tecnici di Radiologia ed è impegnata nel promuovere qualsiasi tipo di formazione che possa finalizzare la crescita della professione. Il Presidente: «La nostra professione attualmente non ha ancora dei colleghi con ruoli accademici incardinati nelle università, stiamo lavorando su questo».
Il ruolo della professione ostetrica per la prevenzione: dall’autopalpazione del seno al pap test
Finale (FNOPO): «Nella pratica osserviamo il Piano Nazionale di prevenzione 2020-25, mettendo in atto tutte le direttive che le Regioni declinano localmente ed offriamo alle donne gli strumenti necessari affinché possano tutelare la propria salute attraverso azioni di prevenzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 5 dicembre 2022, sono 645.344.408 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.641.218 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa